"Specialisti in lenti progressive" - CORSO DEI MILLE 117 90034 CORLEONE (PA) - Tel. 091 8463042

lunedì, ottobre 31, 2022

È ufficiale: Lula ha vinto. Ha sconfitto Jair Bolsonaro per diventare il prossimo presidente del Brasile

Questa elezione è la più significativa al mondo del 2022 ed è difficile sottovalutare quanto sia stato irto di pericoli il processo. Bolsonaro ei suoi sostenitori sono stati implacabili nel loro assalto al diritto di voto, dalla repressione degli elettori alla violenza totale.

Alcuni giorni prima delle elezioni, Roberto Jefferson, ex deputato federale e sedicente amico personale di Bolsonaro, ha lanciato granate e ha aperto il fuoco sulla polizia sostenendo che non si sarebbe "arreso" alla tirannia della Corte Suprema brasiliana. La deputata Carla Zambelli, anche lei alleata di Bolsonaro, ha tirato una pistola nel centro di San Paolo in fondo alla strada della manifestazione di Lula il giorno prima del giorno delle elezioni.

Il giorno delle elezioni, sono state ascoltate segnalazioni di polizia stradale federale che bloccava le strade e conduceva perquisizioni ingiustificate di veicoli nelle basi delle aree di supporto di Lula in tutto il Brasile, ma il presidente della Corte suprema elettorale del Brasile ha rifiutato di intraprendere qualsiasi azione sostanziale.


Non sorprende quindi che alcune delle prime parole di Lula dopo la vittoria siano state: "Non abbiamo solo sconfitto un candidato, abbiamo sconfitto la macchina dello stato brasiliano".


Ecco perché l'Internazionale Progressista era in Brasile. Per più di un anno, il mondo è stato diffidente nei confronti di un colpo di stato in Brasile poiché Bolsonaro ha ripetutamente indicato che non avrebbe accettato una perdita. Con la stessa democrazia brasiliana in gioco, la più grande federazione sindacale brasiliana e membro del PI, il CUT, ha invitato il PI a portare gli occhi del mondo alle elezioni e aiutare a difendere la democrazia.


            

Questa vittoria è storica. Questo risultato elettorale è una dimostrazione della determinazione delle forze progressiste in Brasile a rivendicare la loro democrazia contro ogni previsione. E le forze della destra di tutto il mondo - corporazioni, grandi inquinatori e gli interessi imperialisti che hanno contribuito a spodestare Lula durante la sua ultima presidenza - dovrebbero avere paura.


Nel suo discorso come presidente eletto, Lula ha immediatamente sostenuto un'azione urgente contro l'emergenza climatica, la giustizia indigena e l'internazionalismo. “Il Brasile e il pianeta hanno bisogno di un'Amazzonia vivente; un albero in piedi vale più di tonnellate di legname estratto illegalmente, un fiume di acqua pulita vale più di tutto l'oro estratto a costo del mercurio che uccide la fauna e mette a rischio la vita umana... Quando un bambino indigeno muore a causa del l'avidità dei predatori, una parte dell'umanità muore con essa. E ha parlato con fermezza contro la Nuova Guerra Fredda che sta minacciando l'umanità. “Non accetteremo una nuova Guerra Fredda tra Stati Uniti e Cina. Avremo rapporti con tutti", ha detto.


Sconfiggendo l'estrema destra, il paese più grande della regione è diventato l'ultimo tassello di quella che alcuni chiamano una seconda marea rosa: un'alleanza di governi latinoamericani progressisti e classi lavoratrici per porre fine alla povertà, combattere il cambiamento climatico, approfondire l'integrazione regionale e costruire un nuovo ordine economico più equo. Il Brasile ha portato speranza a tutti noi in lotta con i mostri in tutto il mondo.


“Abbiamo sconfitto l'autoritarismo e il fascismo in questo Paese. La democrazia è tornata in Brasile", ha detto Lula. Oggi ci congratuliamo con i nostri amici, alleati e compagni in Brasile e celebriamo la fondazione di un nuovo Brasile internazionalista. 









31 ottobre 2022

Nessun commento: