sabato 29 maggio 2021

Dal 5 al 12 giugno 2021 cammino inaugurale del progetto “Sulle orme di San Bernardo. Cammini di fede, arte e natura”


In occasione del 20° anniversario della canonizzazione di San Bernardo da Corleone, proclamata da Papa Giovanni Paolo II il 10 giugno 2001, l’associazione Comitato Animosa Civitas Corleone inaugura il cammino “Sulle orme di San Bernardo. Cammini di fede, arte e natura” da Sciacca a Corleone. Primo di quattro cammini, che ripercorrono le peregrinazioni di San Bernardo da Corleone, all’interno della Provincia Religiosa dei Frati Minori Cappuccini di Palermo, attraverso antichi tracciati viari: le Regie Trazzere, che partono da Corleone e si allargano su tutta la Sicilia occidentale in direzione di quattro tappe finali: Sciacca, Palermo, Caltanissetta e Castelvetrano. Il cammino può essere percorso a piedi, in bici o a cavallo, privilegiando quella che si definisce slow mobility, ovvero mobilità dolce, verso i conventi in cui ha vissuto il Santo. 

“Questo itinerario - afferma Roberto Martorana, presidente dell’associazione - vuole promuovere la riscoperta del camminare e dell’immergersi nella natura a passo lento, e divenire uno strumento di sviluppo locale sostenibile per i piccoli centri abitati attraversati. Un’occasione per far conoscere, oltre alle bellezze artistiche, storiche e naturalistiche, anche le eccellenze che si producono nel territorio e i servizi che si possono trovare in ogni tappa. Per questo, nella sezione Convenzioni del sito ufficiale www.sulleormedisanbernardo.it, ogni attività, di tipo turistico e non solo, avrà la possibilità di offrire i propri servizi agevolati ai pellegrini e quindi essere pubblicizzata attraverso il sito web, l’Appufficiale e tutti i canali di comunicazione e gli eventi di promozione che l’associazione si impegna a organizzare”.

Dunque, una rete di itinerari turistici dedicati alla valorizzazione del turismo religioso, e che si presta alla valorizzazione del territorio interessato e delle opere d’arte legate al culto di San Bernardo. Le tappe del Cammino Sciacca/Corleone saranno tutte puntualmente segnalate affinché il cammino possa essere percorso in entrambe le direzioni. 

Il cammino si aprirà ufficialmente con un programma lungo 9 giorni e inizierà con un incontro (preliminare alla tappa del giorno seguente), la sera del 4 giugno alle ore 19.30, presso il Convento dei Cappuccini di Sciacca, Comune che tra i primi ha patrocinato il progetto. Per l’occasione si consegneranno le credenziali a tutti i partecipanti.

Il giorno dopo si partirà verso Caltabellotta, dove San Bernardo visse nel 1647 per un anno. E proprio nella chiesa dei cappuccini di Caltabellotta è possibile ammirare una sua statua sull’altare maggiore.

Domenica 6 giugno, seconda tappa del cammino, da Caltabellotta a Burgio (10 Km). Qui si potranno visitare il convento e la cella di San Bernardo, in cui visse, circa cento anni dopo, anche il Venerabile Andrea Da Burgio. Tour anche al Museo delle Mummie, al Museo della Ceramica MUCEB e nell’incantevole centro storico.

Terza tappa del cammino, lunedì 7, sarà in direzione di Bivona, anche qui, presso il Convento dei Cappuccini si visiterà la cella in cui visse San Bernardo nel 1636.

Partendo da Bivona, martedì 8 giugno, la meta successiva sarà Palazzo Adriano. Arrivo e partenza saranno a Piazza Umberto I, sulla quale si affacciano due bellissime chiese, una di rito ortodosso e l’altra di rito latino, nonché celebre location del set cinematografico del film “Nuovo Cinema Paradiso”. 

Quinta tappa del cammino sarà da Palazzo Adriano a Chiusa Sclafani, paese di origine del padre di San Bernardo, Leonardo Latino (la madre, Francesca Sciascia, era corleonese). A mezzogiorno circa, si arriverà presso la Badia, antico monastero benedettino risalente alla fine del XV secolo, per poi proseguire con la visita alla Chiesa Madre e alla Chiesa di San Sebastiano.

La giornata di giovedì 10 giugno sarà particolarmente ricca: partendo da Chiusa Sclafani, dopo poche ore di cammino si giungerà a Giuliana, dominata dal magnifico Castello Federiciano, che si visiterà dalla tarda mattinata fino all’ora di pranzo. Poi si proseguirà verso Bisacquino con arrivo d’obbligo presso la Chiesa dei Cappuccini. A seguire, la visita dell’attiguo Museo Civico, collocato proprio all’interno dell’ex convento dove San Bernardo visse nel 1642 e poi nel 1650. Nel tardo pomeriggio si arriverà a Campofiorito, accogliente cittadina ai piedi di Monte Barracù. Qui si potranno visitare la Chiesa Madre di San Giuseppe e la Chiesa di Santo Stefano. L’indomani si ripartirà alla volta di Corleone, risalendo proprio un’antica strada che collega il paese al monte, passando per una località in cui San Bernardo compì un miracolo di guarigione.

Giunti a Corleone nel pomeriggio, al Complesso Monumentale di Sant’Agostino avverrà la consegna del Testimonium ai pellegrini. Alle 19.00 è previsto un momento di preghiera presso la Chiesa Madre in presenza del simulacro di San Bernardo portato per l’occasione da Palermo. 

Sabato 12 giugno, un’intera giornata sarà dedicata alle celebrazioni e al ricordo di San Bernardo. In mattinata, si visiteranno i luoghi legati alla vita corleonese di San Bernardo, con un percorso di trekking urbano: “l’Itinerario Bernardiano”, un pellegrinaggio per le vie di Corleone che si concluderà davanti la chiesa dei cappuccini. Alle ore 19.00, presso la Chiesa Madre, l’Arcivescovo di Monreale, Sua Ecc.za Rev.ma Mons. Michele Pennisi celebrerà una solenne celebrazione eucaristica dedicata al 20° anniversario della canonizzazione di San Bernardo da Corleone.

Il progetto è patrocinato da Assessorato allo Sport, Turismo e Spettacolo della Regione Siciliana, Conferenza Episcopale Siciliana (CESI), Provincia Religiosa dei Frati Minori Cappuccini di Palermo, Diocesi di Caltanissetta, dai Comuni di Corleone, Sciacca, Caltabellotta, Burgio, Bivona, Palazzo Adriano, Chiusa Sclafani, Giuliana, Bisacquino, Campofiorito. Il cammino partecipa al progetto “Ora viene il Bello” organizzato dall’Ufficio Nazionale per la Pastorale del Tempo libero, Turismo e Sport della Conferenza Episcopale Italiana. Sponsor tecnici: Pc&co Ingegneria e tecnologia, Studio Fotografico Mazzaglia. Il cammino aderisce alla rete siciliana dei cammini sacri, escursionismo e pellegrinaggio “Vie sacre di Sicilia”.

“Ringrazio la Regione Siciliana e i 10 Comuni attraversati dal percorso – dice Pietro Di Miceli, ideatore del Cammino - per aver collaborato a realizzare questo progetto che lega territori e storie di uomini. Un ringraziamento anche ai giornali media partner, Città Nuove e ilSicilia.it per i servizi giornalistici e l’attenzione costante, efficace e generosa”. “Abbiamo condiviso e sostenuto il progetto – commenta il sindaco di Corleone, Nicolò Nicolosi – per la rilevanza storica e religiosa della figura di San Bernardo a cui la nostra comunità è fortemente legata. Questo Cammino però non è solo un percorso spirituale, ma anche naturalistico. Permette di promuovere un turismo ecologico e sostenibile in grado di muovere l’economia dei nostri territori, oltre che di far ammirare le bellezze che li caratterizzano”.


Nessun commento: