"Specialisti in lenti progressive" - CORSO DEI MILLE 117 90034 CORLEONE (PA) - Tel. 091 8463042

mercoledì, febbraio 23, 2022

Cantonieri in agitazione dopo la condanna di due lavoratori per l'incidente stradale del 2016. Solidarietà da Cgil e Funzione Pubblica

Una foto dell’incidente del 2016

Il sindacato:  “Non possono pagare i cantonieri la colpa dello sfascio globale delle strade provinciali. Nel piano della Regione
è stato previsto un solo intervento per Palermo, la Sp 55 di Mezzoiuso. Troppo poco". 

Palermo 23 febbraio 2022 – Cantonieri dell'ex Provincia in agitazione dopo la sentenza del Tribunale monocratico di Termini Imerese che ha condannato due lavoratori, un cantoniere e un capocantoniere dell'ex Provincia, scagionando i due ingegneri del settore Viabilità dell'ente. La Procura aveva chiesto la condanna per omicidio colposo di tutti e quattro gli imputati al processo per l'incidente in cui la notte del 16 ottobre 2016, persero la vita padre e figlio, perdendo il controllo del mezzo sulla provinciale 52 per San Mauro Castelverde, sulle Madonie. L'auto finì contro il guardrail, che non riuscì a contenere l'urto. 

“Esprimiamo solidarietà ai cantonieri, che oggi stanno esternando tutta la loro preoccupazione per una sentenza che condanna lavoratori che sono gli ultimi responsabili di una situazione di disastro delle strade provinciali e di mancanza di investimenti – dichiarano i segretari generali di Cgil Palermo e Fp Cgil Palermo Mario Ridulfo e Giovanni Cammuca, assieme a Saverio Cipriano e Maurizio Magro Malosso, coordinatori Rsu per la Fp Cgil alla Città Metropolitana e Antonella Giallombardo, delegata aziendale della Fp Cgil - Se sui 2.350 km di strade provinciali i guardrail, lì dove esistono, sono vecchi e inadeguati, e non sono stati mai sostituiti, la colpa non può essere dei cantonieri. E questo valeva dieci anni fa e vale a maggior ragione oggi, visto che lo stato di dissesto e di sicurezza delle strade è solo peggiorato. Mancano le strade, franate, ridotte a trazzere, e i guardrail sono inesistenti in molti tratti dei percorsi. Quelli che resistono sono ormai da tempo non più rispondenti alle normative che prescrivono precise caratteristiche tecniche per contenere l'urto dei veicoli. E nessuno li ha mai sostituiti, come è avvenuto invece per le autostrade. Una situazione ben nota a tutti”. 

Questo è l'ennesimo processo causato dai disastri sulle strade provinciali in cui vengono presi di mira i cantonieri, che pagano per responsabilità che appartengono alla politica - aggiungono Cgil Palermo e Fp Cgil Palermo- I tagli dell'ex Provincia a risorse e competenze, che hanno colpito anche la manutenzione delle strade, non possono ricadere sui cantonieri. Un tempo, nella dotazione organica dell'ente, i cantonieri erano 500, per i 2.350 Km di strade provinciali, e 300 i geometri e gli ingegneri degli uffici tecnici. Per i 25 cantonieri rimasti oggi attivi alla Città Metropolitana, che si occupano della pulizia e cura di strade e cunette, chiediamo che l'amministrazione trovi una soluzione che li garantisca. Questi pochi lavoratori rimasti si sentono abbandonati a se stessi, continuamente sotto processo per un incidente o per il crollo di un pezzo di montagna. L'unica strada che il governo Musumeci ha finanziato con il Fondo sviluppo e coesione 2021-2027 da 1,2 miliardi di euro è la Sp 55 di Mezzoiuso. Un solo intervento in tutta la Provincia di Palermo, in un lungo elenco di opere per la Sicilia orientale. La viabilità continua a essere allo sfascio e mentre con difficoltà si stanno trovando risorse per finanziare nuovi interventi sulla viabilità, non possiamo accettare che la colpa del cattivo stato delle strade ricada sui lavoratori”.  

Nessun commento: