"Specialisti in lenti progressive" - CORSO DEI MILLE 117 90034 CORLEONE (PA) - Tel. 091 8463042

giovedì, febbraio 27, 2014

Favorì la latitanza di Provenzano: confiscati oltre 15 milioni di euro a Bernardo Riina, "postino" del boss Provenzano

Bernardo Riina
di Riccardo Lo Verso
Bernardo Riina è il pastore che coprì l'ultima fase della latitanza del padrino corleonese a Montagna dei Cavalli. Negli anni è diventato un grande proprietario terriero. La confisca è stata eseguita dalla finanza di Palermo.
PALERMO - Valgono poco meno di 15 milioni di euro i beni mafiosi che passano definitivamente allo Stato. Si tratta di 44 terreni e 4 fabbricati, a Corleone e Monreale, confiscati a Bernardo Riina, il pastore che coprì l'ultima fase della latitanza di un altro Bernardo, ben più famoso: Provenzano. Il provvedimento della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo è stato eseguito dalla Guardia di Finanza. Riina è stato arrestato nel 2006 e condannato con sentenza definitiva per associazione mafiosa a otto anni di carcere. Fu seguendo lui che i poliziotti arrivarono fino al covo di Montagna dei Cavalli a Corleone, ultimo rifugio di Provenzano.
DI SEGUITO L'ELENCO DEI BENI CONFISCATI

Riina organizzava la consegna dei pacchi per il padrino corleonese. Dentro c'erano biancheria e pizzini. Lo aveva aiutato già nel 2001: il suo nome cifrato compariva, infatti, nella vecchia corrispondenza di Binu. Anche la sua identità, come altre, era criptata con un codice, decifrato dagli investigatori. Provenzano nel 2006 era tornato di nuovo a fidarsi e chiedere aiuto al vecchio Riina che non lo aveva tradito. I suoi rapporti con Provenzano erano risalenti nel tempo. Alla fine degli anni Settanta non esitò, infatti, a rendere una testimonianza favorevole al capomafia durante un processo che a Catanzaro vedeva alla sbarra diversi esponenti mafiosi.

La confisca dell’ingente patrimonio immobiliare è stata disposta anche sulla base delle investigazioni economico-finanziarie svolte dal Gico del Nucleo di polizia tributaria della finanza di Palermo. È emersa con chiarezza la sproporzione tra i redditi dichiarati complessivamente dal nucleo familiare di Riina e le consistenti somme di denaro nel tempo investite nell’acquisto di terreni. Nella maggior parte dei casi, Riina non ha avuto bisogno di ricorrere a prestiti o mutui bancari. Pagava in contanti.
www.live sicilia.it

ELENCO DEI BENI CONFISCATI A B. RIINA


• ½ DEL FONDO RUSTICO SITO IN MONREALE (PA) C.DA CELSO, AVENTE UNA
SUPERFICIE DI MQ. 102.287 COMPRENDENTE UN FABBRICATO DI MQ. 22,50 ED 1/8 DEGLI ALTRI CORPI DI FABBRICA INSISTENTI SUL SUOLO, VALORE DEL BENE: € 2.500.000,00;

• TERRENO SITO IN MONREALE (PA) C.DA PATRIA AVENTE UNA SUPERFICIE DI MQ.
2.630, VALORE DEL BENE: € 105.200,00.
• ½ DEL TERRENO SITO IN MONREALE (PA) C.DA CELSO AVENTE UNA
SUPERFICIE DI MQ. 102.287, VALORE DEL BENE: € 1.245.400,00;
• TERRENO SITO IN MONREALE (PA) C.DA CELSO AVENTE UNA SUPERFICIE DI MQ.
11.530, VALORE DEL BENE: € 461.200,00;
• 1/8 DEL FABBRICATO RURALE SITO IN MONREALE (PA) C.DA CELSO AVENTE UNA
SUPERFICIE DI MQ. 436, VALORE DEL BENE: € 10.000,00;
• TERRENO SITO IN MONREALE (PA) C.DA CELSO AVENTE UNA SUPERFICIE DI MQ.
54.406, VALORE DEL BENE: € 2.176.240,00;
• ¼ DEL TERRENO SITO IN MONREALE (PA) AVENTE UNA SUPERFICIE DI MQ. 28.411
VALORE DEL BENE: € 250.000,00.

Nessun commento: