CFC - CENTRO FISIOTERAPICO DEL CORLEONESE

domenica 8 agosto 2021

“Lu trenu di lu suli”, la poesia dialettale di Ignazio Buttitta dedicata ai minatori italiani morti nella miniera di Marcinelle, Belgio, l’8 agosto 1956

Il poeta Ignazio Buttitta 

di Ignazio Buttitta (Dedicata ai morti di Marcinelle, Belgio, 8 agosto 1956)

1.Turi Scordu, surfararu,

abitanti a Mazzarinu;

cu lu Trenu di lu suli

s’avvintura a lu distinu.

2. Chi faceva a Mazzarinu

si travagghiu nun ci nn’era?

fici sciopiru na vota

e lu misiru ngalera.

3. Una tana la sò casa,

quattru ossa la muggheri;

e la fami lu circava

cu li carti di l’usceri.

 

4. Sette figghi e la muggheri,

ottu vucchi ed ottu panzi,

e lu cori un camiuni

carricatu di dugghianzi.

 

5. Nni lu Belgiu, nveci,

ora travagghiava jornu e notti;

a la mogghi ci scriveva:

nun manciati favi cotti.

 

6. Cu li sordi chi ricivi

compra roba e li linzola,

e li scarpi pi li figghi

pi putiri jri a scola.

 

7. Li mineri di lu Belgiu,

li mineri di carbuni:

sunnu niri niri niri

comu sangu di draguni.

 

8. Turi Scordu, un pezzu d’omu,

a la sira dormi sulu;

ntra lu lettu a pedi fora

smaniava comu un mulu.

 

9. Cu li fimmini ntintava;

ma essennu analfabeta,

nun aveva pi ncantarli

li paroli di pueta.

 

10. E faceva pinitenza

Turi Scordu nni lu Belgiu:

senza tònaca e né mitra

ci pareva un sacrilegiu.

 

11. Certi voti lu pinseri

lu purtava ntra la tana,

e lu cori ci sunava

a martoriu la campana.

 

12. Ca si c’era la minestra

di patati e di fasoli,

nni dda tana c’era festa

pi la mogghi e li figghioli.

 

13. Comu arvulu scippatu

senza radichi e né fogghi,

si sinteva Turi Scordu

quannu penza figghi e mogghi.

 

14. Doppu un annu di patiri

finalmenti si dicisi:

«Mogghi mia, pigghia la roba,

venitinni a stu paisi».

 

15. E parteru matri e figghi,

salutaru Mazzarinu;

li parenti pi d’appressu

ci facevanu fistinu.

 

16. Na valiggia di cartuni

cu la corda pi traversu;

nni lu pettu lu nutricu

chi sucava a tempu persu.

 

17. Pi davanti la cuvata

di li zingari camina:

trusci e sacchi nni li manu,

muntarozzi fini la schina.

 

18. La cuvata cu la ciocca

quannu fu supra lu trenu,

nun sapeva s’era ncelu...

si tuccavà lu tirrenu.

 

19. Lu paisi di luntanu

ora acchiana e ora scinni;

e lu trenu ca vulava

senza ali e senza pinni.

 

20. Ogni tantu si firmava

pi nfurnari passaggeri:

emigranti surfarara,

figghi, patri e li muggheri.

 

21. Patri e matri si prisentanu,

li fa amici la svintura:

l’emigranti na famigghia

fannu dintra la vittura.

 

22. «Lu me nomu? Rosa Scordu».

«Lu paisi? Mazzarinu».

«Unni jiti ?». «Unni jiamu?

Unni voli lu distinu!».

 

23. Quantu cosi si cuntaru!

ca li poviri, si sapi,

hanno guai a miliuna:

muzzicati di li lapi!

 

24. Quannu vinni la nuttata

doppu Villa San Giuvanni

una radiu tascabili

addiverti nichi e granni.

 

25. Tutti sentinu la radiu,

l’havi nmanu n’emigranti;

li carusi un hannu sonnu,

fannu l’occhi granni tanti.

 

26. Rosa Scordu ascuta e penza,

cu lusapi chi va a trova...

n’àtra genti e nazioni,

una storia tutta nova.

 

27. E si strinci pi difisa

lu nutricu nsunnacchiatu

mentri l’occhi teni ncoddu

di li figghi a lu sò latu.

 

28. E la radiu tascabili

sona musica di ballu;

un discursu di ministru;

un minutu d’intervallu.

 

29. Poi detti li nutizii,

era quasi menzannotti:

sunnu l’ultimi nutizii

li nutizii di la notti.

 

La radio trasmette:

«Ultime notizie della notte.

Una grave sciagura si è verificata

in Belgio nel distretto min:erario

di Charleroi.

Per cause non ancora note

una esplosione ha sconvolto

uno dei livelli della

miniera di Marcinelle.

Il numero delle vittime è

assai elevato ».

 

30. Ci fu un lampu di spaventu

chi siccò lu ciatu a tutti;

Rosa Scordu sbarra l’occhi,

focu e lacrimi s’agghiutti.

La radio continua a trasmettere:

«I primi cadaveri riportati

alla superficie dalle squadre di soccorso

appartengono a nostri connazionali

emigrati dalla Sicilia.

Ecco il primo elenco

delle vittime.

Natale Fatta, di Riesi provincia di Caltanissetta

Francesco Tilotta, di Villarosa provincia di Enna

Alfio Calabrò, di Agrigento

Salvatore Scordu... ».

 

31. Un trimotu: «Me maritu!

me maritu!» grida e chianci,

e li vuci sangu e focu

dintra l’occhi comu lanci.

 

32. Cu na manti e centu vucchi,

addumata comu torcia,

si lamenta e l’ugna affunna

ntra li carni e si li scorcia.

 

33. L’àutra manu strinci e ammacca

1u nutricu stramurtutu,

ca si torci mentri chianci

affucatu e senza aiutu.

 

34. E li figghi? cu capisci,

cu capisci e cu un capisci,

annigati nmenzu a l’unni

di ddu mari senza pisci.

 

35. Rosa Scordu, svinturata,

nun è fimmina e né matri,

e li figghi sunnu orfani

di la matri e di lu patri.

 

36. Misi attornu l’emigranti

ca nun sannu zoccu fari;

sunnu puru nmenzu a l’unni:

stracinati di ddu mari.

 

37. Va lu trenu nni la notti,

chi nuttata longa e scura:

non ci fu lu funirali,

è na fossa la vittura.

 

38. Turi Scordu a la finestra,

a lu vitru mpiccicatu,

senza occhi, senza vucca:

è un schelitru abbruciatu.

 

39. L’arba vinci senza lustru,

Turi Scordu ddà ristava:

Rosa Scordu lu strinceva

nni li vrazza, e s’abbruciava.

 

1. Turi Scordu, zolfataro,

abitante a Mazzarino,

con il Treno del sole

si avventura al suo destino.

 

2. Che faceva a Mazzarino

se lavoro non ce n’era?

fece sciopero una volta

e lo misero in galera.

 

3. Una tana la sua casa,

sua moglie quattro ossa,

e la fame lo cercava

con le carte dell’usciere.

 

4. Sette figli e la moglie,

tto bocche e otto pance

e un camion per cuore

caricato di doglianze.

 

5. Nel Belgio, invece, ora

lavorava giorno e notte;

alla moglie scriveva:

non mangiate fave cotte.

 

6. Con i soldi che ricevi

compra roba e le lenzuola

e le scarpe per i figli

per potere andare a scuola.

 

7. Nel Belgio, le miniere,

le miniere di carbone:

sono nere nere nere

come sangue di dragone.

 

8. Turi Scordu, un pezzo d’uomo,

quand’è sera dorme solo;

dentro il letto, e i piedi in fuori,

smaniava come un mulo.

 

9. Con le donne ci tentava;

ma essendo analfabeta

incantarle non sapeva

con le parole di poeta.

 

10. E faceva penitenza,

Turi Scordu, Il nel Belgio:

senza tonaca né mitra

gli pareva un sacrilegio.

 

11. Il pensiero, certe volte,

lo portava nella tana,

e il cuore gli sonava

a mortorio la campana.

 

12. Che se c’era la minestra

di patate e di fagiuoli,

nella tana c’era festa

per la moglie e i figliuoli.

 

13. Come albero strappato

senza foglie né radici,

si sentiva Turi Scordu

quando pensa figli e moglie.

 

14. Dopo un anno di patire

finalmente si decise:

«Moglie mia, piglia la roba,

vieni tu in questo paese».

 

15. E partirono madre e figli

salutando Mazzarino; i parenti per d’appresso

gli facevano festino.

 

16. Di cartone la valigia

con la corda per traverso;

il lattante sopra il seno

che succhiava a tempo perso.

 

17. Lei davanti, e la covata

degli zingari la segue:

con fagotti e sacchi in mano,

montarozzi sulla schiena.

 

18. La covata con la chioccia

quando fu sopra il treno,

non sapeva s’era in cielo...

e nemmeno sulla terra.

 

19. Il paese da lontano

ora sale ed ora scende;

e il treno che volava

senza ali e senza penne.

 

20. Ogni tanto si fermava

nfornando passeggeri:

emigranti zolfatari,

figli e padri con le mogli.

 

21. Padri e madri si presentano,

li fa amici la sventura:

gli emigranti una famiglia

fanno dentro la vettura.

 

22. «Il mio nome? Rosa Scordu».

«Il paese? Mazzarino».

«Dove andate ?». «Dove andiamo?

Dove vuole il destino».

 

23. Quante cose si dicevano!

perché i poveri, si sa,

hanno milioni di guai:

morsicati dalle api!

 

24. Quando venne la nottata

dopo Villa San Giovanni

una radio tascabile

grandi e piccoli diverte.

 

25. Tutti sentono la radio,

l’ha in mano un emigrante;

i bambini senza sonno

fanno gli occhi grandi tanto.

 

26. Rosa Scordu ascolta e pensa,

arrivando; cosa trova...

altra gente e nazione,

una storia tutta nuoVa.

 

27. E si stringe per difesa

il lattante insonnolito

non lasciando di guardare

gli altri figli a lei accanto.

 

28. E la radio tascabile

suona musica da ballo;

un discorso di ministro;

un minuto d’intervallo.

 

29. Poi diede le notizie,

era quasi mezzanotte:

sono le ultime notizie

le notizie della notte.

La radio trasmette:

«Ultime notizie della notte.

Una grave sciagura si è verificata

in Belgio nel distretto minerario

di Charleroi.

Per cause non ancora note

una esplosione ha sconvolto

uno dei livelli della

miniera di Marcinelle.

Il numero delle vittime è

assai elevato».

 

30. Vi fu un lampo di spavento

che seccò il fiato a tutti;

Rosa Scordu sbarra gli occhi

fuoco e lacrime inghiotte.

La radio continua a trasmettere:

«I primi cadaveri riportati

alla superficie dalle squadre di soccorso

appartengono a nostri

connazionali emigrati

dalla Sicilia.

Ecco il primo elenco

delle vittime.

Natale Fatta, di Riesi provincia di Caltanissetta

Francesco Tilotta, di Villarosa provincia di Enna

Alfio Calabrò, di Agrigento

Salvatore Scordu...».

 

31. Un terremoto: «Mio marito!

mio marito!» grida e piange,

e le voci sangue e fuoco

come lance dentro gli occhi.

 

32. Una mano e cento bocche,

mentre brucia come torcia,

si lamenta e l’unghie affonda

scorticandosi le carni.

 

33. L’altra mano stringe e ammacca

il lattante tramortito,

che si torce mentre piange

affogato e senza aiuto.

 

34. E i figli? chi capisce,

chi capisce e non capisce,

annegati in mezzo a l’onde

di quel mare senza pesci.

 

35. Rosa Scordu, sventurata,

non è donna e non è madre,

e i figli sono orfani

sia di madre che di padre.

 

36. Stanno intorno gli emigranti

e non sanno cosa fare;

pure loro in mezzo a l’onde:

trascinati da quel mare!

 

37. Va il treno nella notte,

che nottata lunga e scura:

non ci fu il funerale,

è una fossa la vettura.

 

38. Turi Scordu alla finestra,

sopra il vetro appiccicato,

senza occhi, senza bocca

è uno scheletro bruciato.

 

39. L’alba venne senza luce,

Turi Scordu là restava:

Rosa Scordu lo stringeva

nelle braccia, e si bruciava.

Informazioni

Dedicata alla tragedia della miniera di Marcinelle (220 morti) nel distretto di Charleroi, in Belgio, nel 1956, in cui trovarono la morte 130 emigrati italiani, specialmente delle provincie meridionali.

Fonte

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Scheda del canto

Autori testo

Ignazio Buttitta

Anno

1963

Lingua

siciliano

Periodo

La ricostruzione e il boom economico (1946-1966)

Tags

lavoro/capitaleemigrazioneminieramorti sul lavoro

Youtube

https://youtu.be/w2f13gyPUXc

Inserito da

ilDeposito

Nessun commento: