CFC - CENTRO FISIOTERAPICO DEL CORLEONESE

domenica 11 luglio 2021

Aggressione sull'autobus a Palermo. Cgil e Nidil: "solidarietá alla giovane di origine marocchina attivista sindacale dei lavoratori precari Cgil, la cultura della solidarietá per recuperare il disagio"


Aggressione sull’autobus, Cgil e Nidil esprimono solidarietà alla giovane marocchina attivista e rappresentante sindacale dei lavoratori precari della Cgil e delle nuove identità lavorative. “La cultura della solidarietà per recuperare il disagio.
Queste ragazze potrebbero trarre insegnamento dalla testimonianza della nostra dirigente sindacale Palermo 10 luglio 2021 - Cgil Palermo e Nidil esprimono solidarietà alla giovane marocchina, cittadina di Palermo,  aggredita mentre viaggiava in autobus sulla linea  102. Si tratta di un’attivista e dirigente sindacale di Nidil Cgil Palermo.

È stata aggredita con violenza da quattro ragazze molto giovani, a quanto pare minorenni, ed è stata minacciata e apostrofata con insulti tra i quali “nivura, statti zitta”. I fatti sono stati denunciati alle autorità competenti.

“Come Cgil riteniamo che l’ostilità manifestata da queste ragazze possa essere recuperate sul piano sociale e culturale promuovendo la cultura della solidarietà e della tolleranza. Una delle possibili strade é l’organizzazione di momenti di incontro e di confronto, anche con i più giovani, per fare vivere e capire  i problemi dei migranti  accolti nei centri di accoglienza della nostra città - dichiarano il segretario d’organizzazione Cgil Palermo Francesco Piastra e il segretario generale Nidil Cgil Palermo Andrea Gattuso - Il tema della violenza e del bullismo nella nostra città va affrontato con la prevenzione e il recupero di questi giovani che evidentemente vivono uno stato di disagio e di sofferenza. Potrebbero sicuramente trarre insegnamento dalla testimonianza diretta di persone come la nostra dirigente sindacale, da sempre impegnata nella nostra città nel rappresentare le istanze di tanti migranti e le difficoltà di costruirsi  un futuro dei giovani che svolgono lavori precari”. “Da tempo denunciamo la necessità che negli autobus venga garantita maggiore sicurezza per gli autisti e per gli utenti - aggiungono Piastra e Gattuso - Gli episodi di danneggiamento ai mezzi dell’Amat e ai danni di lavoratori dell’azienda risultano in aumento così come le aggressioni. Chiediamo la predisposizione rapida dei sistemi di vigilanza annunciati dall’azienda  perché chi utilizza i mezzi del trasporto pubblico deve poter viaggiare ogni giorno, sia in centro che nelle periferie,  in condizioni di sicurezza”.

Nessun commento: