giovedì 27 ottobre 2016

Peppino Marchese ci ha lasciati!

Antonino Giuseppe Marchese
DINO PATERNOSTRO
Peppino Marchese, il medico-umanista di Giuliana, ci ha lasciati ieri notte, all'improvviso, all'età di 67 anni. E lascia un vuoto incolmabile in tutti noi che l'abbiamo conosciuto, stimato per il suo impegno culturale e civile, e voluto bene. Peppino era un bravo medico, attento e scrupoloso. Ma la sua vera passione era la letteratura, l'arte, la ricerca. Era il massimo critico d'arte del nostro territorio, da anni ormai apprezzato a Palermo e in Sicilia. Non a caso, per un periodo, era stato cultore di storia dell'arte all'università di Palermo. Ha scritto tanti libri sugli artisti siciliani e, in particolare, della zona del Corleonese. Aveva messo su una biblioteca privata con oltre 12 mila volumi.
Peppino non era uno spettatore distaccato delle vicende politico-sociali del nostro territorio. Da sempre aperto al nuovo, sosteneva ed incoraggiava i giovani e tutti coloro che si impegnavano per il rinnovamento della politica, mantenendo sempre un legame però con la storia più profonda e più bella della zona del Corleonese. Non a caso aveva scritto sul movimento contadino e sui suoi eroi "minori" che, a pugni nudi, avevano combattuto contro la mafia e le ingiustizie.
Io l'ho conosciuto nei primi anni '70, quando abbiamo dato vita al "Giornale del Corleonese", il primo giornale stampato della zona, diretto da Giuseppe Cerasa. Collaborò sempre col giornale e poi con tutti gli altri che si sarebbero stampati prima e pubblicati online dopo. Con questa nostra testata collaborava regolarmente, trattando argomenti di arte, cultura, società.
Ciao, Peppino! Ci mancherai tanto!

Nessun commento: