Barra video

Loading...

venerdì 26 maggio 2017

Una svolta definita epocale: al Civico di Palermo, analisi genetica per combattere il carcinoma ovarico

Palermo, 26 maggio 2017. Dalla settimana prossima le donne siciliane potranno avvantaggiarsi dell’analisi genetica per la ricerca della mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2 in caso di cancro all’ovaio, quei geni implicati nell’insorgenza di tumori aggressivi della mammella e dell’ovaio, anche in età giovane, con un danno umano e sociale di proporzioni enormi. Irrompono nella vita di donne in piena attività professionale e familiare, devastando progetti, vita, carriera.

CORLEONE "CAPITALE" DELL’ETERNIT ABBANDONATO!

Eternit abbandonato nelle campagne corleonesi
ORA NESSUNO POTRA' PIU' DIRE CHE NON SAPEVA!
E stato un lavoro lungo e meticoloso, aver scovato e individuato diversi siti di abbandono di eternit nelle campagne attorno a Corleone. Fermo restando che l’inciviltà di questi gesti si commenta da sé, rimane il fatto che a nessuno sta a cuore la salute pubblica. Posso capire l’ignoranza e la non conoscenza di persone che non sanno, o fanno finta di non sapere, del danno che questo materiale può fare una volta dismesso è abbandonato in aperta campagna. Con questa pubblica denuncia voglio portare all’attenzione di chi ora deve attivarsi per smaltire tale incuria, è ripeto non è normale che questo materiale e presente sul territorio da svariato tempo se non da più di 1 anno. E' comunque lo specchio dello stato di abbandono e di indifferenza in cui viviamo, come se a nessuno interessi il problema. Invece no, stiamo facendo un danno enorme al territorio e a noi stessi. Ma veramente non c’è cultura del bene comune? Ma che mondo stiamo lasciando ai nostri figli? Io mi vergogno di tutto ciò.Marcus Salemi
GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO

Corleone, domani la prima edizione del "Memorial Giuseppe Letizia"

Si svolgerà nella mattinata di domani la prima edizione del Memorial "Giuseppe Letizia", che la Commissione straordinaria del comune di Corleone ha voluto dedicare al piccolo pastorello vittima innocente di mafia. Pubblichiamo una nota per spiegare chi era Giuseppe Letizia...
CHI ERA GIUSEPPE LETIZIA?
Il piccolo Giuseppe Letizia è ­morto alle ore 13.00 ­del 14 marzo 1948, ne­lla sua casa di via A­rena 36. Quattro giorni dopo l’assassinio di Placido Rizzotto. Spulciando i­ registri dello Stato­ civile del comune di Corleone, apprendiamo ­che il pastorello era­ nato a Corleone il 4­ novembre 1935, in pi­ena epoca fascista, d­a Giuseppe senior, co­ntadino, che allora a­veva 39 anni, e da An­na Carollo, nella ste­ssa casa in cui sareb­be morto di via Arena­ 36. All’epoca della ­morte, quindi, avvenu­ta il 14 marzo 1948, ­aveva appena compiuto­ 12 anni. A denunciar­e la morte del Letizi­a non furono i genito­ri, disperati per il dolore di aver perso il figlio­, ma Matteo D’Ippolito, un contadino di 22 anni, insieme­ a due testimoni: Sal­vatore Militello, con­tadino di 42 anni, e Leoluca ­Labruzzo, un ­altro contadino di 32­ anni. In quegli atti­, Letizia risulta ancora formalmente “scol­aro”. Invece sappiamo­ che a scuola non and­ava da tempo, perché ­aiutava il padre nei ­lavori di campagna. 

Convegno su “Archeologia, architettura e arte a Giuliana e nel territorio circostante”, ricordando Antonino G. Marchese

In memoria di Antonino G. Marchese, si terrà domani  27/05/2017, alle ore 9,30, presso il Castello di Federico II a Giuliana il Convegno “Archeologia Architettura e Arte a Giuliana e nel territorio circostante”. Sarà una giornata dedicata al Castello Federiciano di Giuliana, inserito nel percorso dei castelli di Federico II, un viaggio culturale attraverso la Sicilia promosso dalla Fondazione Federico II di Palermo. La giornata è stata organizzata con il patrocinio dell’Assemblea Regionale Siciliana ed in collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo – Dipartimento Cultura e Società e con il Rotary Distretto 2110 Corleone.

S. Stefano Quisquina: domenica la sagra del formaggio

Nel contesto della 19esima Sagra del Formaggio e dei Prodotti Tipici Quisquinesi, a S. Stefano Quisquina domenica 28 maggio vi sarà la presenza di due eccellenze del panorama dolciario siciliano. Salvatore Cappello, dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani, medaglia d' oro alla selezione Pastry Chef del Culinary Team Palermo. Ha dato dimostrazione delle sue capacità in diverse fiere, in RAI (Uno Mattina, La Vecchia Fattoria, In Famiglia). Il Maestro Pasticcere, durante l’evento sarà coadiuvato dai rappresentanti della condotta Slow Food Cammarata - Colli Sicani. Il Maestro Vincenzo Albanese, campione italiano di pasticceria Seniores nel 2017, titolo vinto a Sigep, il salone mondiale del dolciario artigianale organizzato da IEG alla fiera di Rimini.

giovedì 25 maggio 2017

Una marina di libri - Ottava edizione. Il primo festival letterario accessibile del Sud Italia

8 - 11 giugno all’Orto Botanico di Palermo, 250 eventi, 90 editori, 10 ettari di giardino letterarioMaurizio de Giovanni, Walter Siti, Teresa Ciabatti, Federico Zampaglione dei Tiromancino, Vanni Santoni, Antonella Lattanzi, Giuseppina Torregrossa, Elena Stancanelli e tanti altri  
Da giovedì 8 giugno a domenica 11 giugno il festival dell’editoria indipendente, promosso dal CCN Piazza Marina & Dintorni in collaborazione con le case editriciNavarra e Sellerio torna tra i viali dell’Orto botanico di Palermo. Saranno oltre 250 quest’anno gli eventi in programma in quattro giornate tra presentazioni, letture, laboratori e spettacoli per adulti e bambini, mentre in fiera saranno presenti 90 editori indipendenti nazionali e locali (20 le new entry), con uno speciale focus quest’anno dedicatoall’editoria per l’infanzia con 10 delle migliori case editrici nazionali del settore e un vasto programma dedicato, curato dalla libreria Dudi, partner del festival. La fiera sarà allestita tra i viali dell'Orto e intorno alla Vasca delle ninfee, trasformando l’Orto Botanico in un meraviglioso giardino letterario di 10 ettari.

Afflusso record a Contessa Entellina nella prima tappa di “Asp in piazza” 2017

La foto di gruppo degli operatori sanitari con direttore
generale Antonio Candela e il sindaco Sergio Parrino
Centinaia di visite ed esami gratuiti di screening oncologici. Martedì si replica a Villafrati
CONTESSA ENTELLINA 25 MAGGIO 2017 – Tre camper, dieci gazebo e centinaia di utenti già in attesa a Contessa Entellina ancor prima che venisse montato dagli operatori dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo il villaggio della salute di “Asp in Piazza”. La prima tappa del 2017 della manifestazione itinerante sulla prevenzione è stata all’insegna di un’adesione record da parte di una comunità che conta poco più di 1.900 abitanti. “Per il quarto anno consecutivo proponiamo un modello di sanità itinerante, ormai diventato familiare a tutti gli utenti della nostra Azienda – ha sottolineato il direttore generale dell’Asp, Antonio Candela – siamo pienamente soddisfatti dell’adesione massiccia dei cittadini di Contessa Entellina che hanno dimostrato ancora una volta di apprezzare una manifestazione itinerante che, in tre anni, ha toccato quasi tutte le località di città e provincia. Un particolare ringraziamento va al sindaco, Sergio Parrino, che ci ha consentito di organizzare nel migliore dei modi la prima tappa di Asp in Piazza”. GUARDA IL VIDEO

VOUCHER, DOMANI DALLE 16 A PALERMO PRESIDIO DELLA CGIL IN PREFETTURA

ENZO CAMPO: “CONTINUA LA MOBILITAZIONE”
Palermo 25 maggio 2017 – Domani sit-in della Cgil Palermo, dalle ore 16, in via Cavour, davanti alla Prefettura, contro la possibilità che il governo, con alcuni emendamenti al Decreto Legge n. 50/2017, attualmente in discussione in Parlamento, torni indietro rispetto ai voucher reintroducendo forme di lavoro occasionale. Noi non smobilitiamo e manterremo alta la guardia. La battaglia contro i voucher e la precarietà del lavoro, portata avanti da milioni di persone e di lavoratori che insieme alla Cgil hanno firmato i referendum su voucher e appalti non è finita – dichiara il segretario generale della Cgil Palermo Enzo Campo - Sarebbe una presa in giro dei milioni di cittadini che hanno firmato l’abrogazione dei voucher,un simile intervento rappresenterebbe una violazione dell'articolo 75 della Costituzione sul valore del referendum. Una brutta caduta sul piano della democrazia, da parte di un governo che prima accoglie le richieste di abrogazione e poi vuole ripristinare se non peggiorare, nei fatti, le norme abrogate”.

Corleone, l'Agenzia per i beni confiscati alle mafie ha consegnato al comune un'autovettura Toyota Rav4

Nella giornata di ieri, l’Agenzia per l’Amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata ha proceduto, a mezzo del coordinatore della procedura Avv. Nathalie Vitale alla consegna ai Funzionari comunali dell’autovettura TOYOTA RAV 4 assegnata con decreto del Direttore dell’Agenzia per le esigenze istituzionali dell’Ente a seguito di confisca disposta con decreto del Tribunale di Palermo. Un sentito ringraziamento viene rivolto al Direttore ed al Consiglio Direttivo dell’Agenzia Nazionale dei Beni confiscati per avere favorevolmente esitato la manifestazione di interesse inoltrata dalla Commissione Straordinaria.
25 maggio 2017
La Commissione Straordinaria
(G. Termini – R. Mallemi – M. Cacciola)

Progetto "Giardino Brancaccio 3"

Al Centro di Accoglienza Padre Nostro onlus sono stati assegnati n. 15 volontari nell'ambito del progetto "Giardino Brancaccio 3".
MODALITÁ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDE (ART.4 DEL BANDO)
Le domande (allegato 2), accompagnata da fotocopia di valido documento di identità e la scheda dichiarazione titoli (allegato 3) compilate in ogni sua parte firmate e datate, devono essere presentate entro il 26 Giugno 2017 alle ore 14.00 esclusivamente secondo le seguenti modalità:
  1. con Posta Elettronica Certificata (PEC) - art. 16-bis, comma 5 della legge 28 gennaio 2009, n. 2 - di cui è titolare l'interessato (avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf), all'indirizzo info@pec.centropadrenostro.it;
  2. a mezzo "raccomandata A/R", indirizzata a: "Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus - Palermo via Brancaccio n. 210 - 90124 Palermo (PA)". NON FA FEDE IL TIMBRO POSTALE. La domanda deve fisicamente arrivare presso la nostra sede entro il termine indicato. Sulla busta scrivere la seguente dicitura "Selezione di 3.206 volontari SCN";
  3. a mano in busta chiusa, presso la sede legale del Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus - Palermo, via Brancaccio n 210. Sulla busta scrivere la seguente dicitura "Selezione di 3.206 volontari SCN" dal lunedì al venerdì (escluso il mercoledì) dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30.

mercoledì 24 maggio 2017

A Palermo, ricordando Giovanni Falcone...

Palermo, 23 maggio 2017. Venticinque anni dopo, ricordando Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Antonio Montinari, Vito Schifani e Rocco Dicillo... Con l'Italia PARTE civile COME LO FU IL 27 GIUGNO 1992 alla manifestazione nazionale antimafia, organizzata da Cgil-Cisl-Uil. Come lo era stata a Corleone il 2 giugno 1992, protagonisti gli 800 bambini della scuola elementare e le loro coraggiose maestre, che avevano sfidato la mafia con Riina, Provenzano e Bagarella ancora liberi e latitanti.
E poi incontro Roberto Tagliavia, un amico e un compagno conosciuto nel 1974 a Corleone, l'anno in cui ebbe inizio la mia militanza politica nel Partito comunista, insieme a Maurizio Midulla, Franco Leggio e tanti altri giovani della Corleone di allora. Roberto (ed io) adesso ha (abbiamo) i capelli bianchi, ma rimane intatta la nostra tensione etica e civile.
Dulcis in fundo, incontro e trascorro un bel pezzo di serata col carissimo amico Fra' Paolo, dei frati minori rinnovati, tornato a Corleone dalla Tanzania, dopo quattro anni, per partecipare al capitolo del suo ordine. All'appuntamento di Palermo-Capaci, però, non è voluto mancare ed ha fatto una pedalata antimafia con un gruppo di ciclisti, fino alla stele che ricorda il luogo della strage. Poi a Palermo, all'albero Falcone e poi con gli amici a ricordare gli anni '90 a Corleone, il gruppo "Corleone, un passo avanti", le schede "parlanti" delle elezioni comunali del 1993, l'incontro tra laici e cattolici nello spirito conciliare dell'incontra di tutte le persone di buona volontà. Concetti ed indicazioni di allora, ma validi ancora oggi (dp).  
#LAMEMORIACOSTRUISCEFUTURO
GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO


Ritorna Asp in piazza: giovedì a Contessa Entellina

Il dg Antonio Candela: "L’edizione del 2017 privilegia la prevenzione oncologica".
PALERMO - Il cortile della scuola per l’infanzia “Reina” di via Palermo a Contessa Entellina, ospiterà giovedì 25 maggio, la prima tappa di “Asp in Piazza” 2017, manifestazione itinerante sulla prevenzione, giunta quest’anno alla quarta edizione. L’iniziativa è aperta a tutti gli utenti di Palermo e provincia che, dalle 9.30 alle 16.30, avranno la possibilità di usufruire gratuitamente, e con accesso diretto, di esami e visite gratuite.
A bordo di 3 camper ed all’interno di 8 gazebo, lavoreranno 20 operatori dell’Azienda sanitaria provinciale che effettueranno: lo screening del tumore alla mammella (mammografia); screening del tumore al collo dell’utero (pap-test e HPV test); screening del tumore al colon-retto (verrà distribuito il sof test per la ricerca del sangue occulto nelle feci); screening del tumore alla tiroide (visita ed ecografia) e screening del melanoma.

Corleone, 27 maggio. Memorial Giuseppe Letizia


lunedì 22 maggio 2017

"Giovanni, non dovevi morire". Firmato i bambini di Corleone

Corleone 1992. I bambini di Corleone contro la mafia
DINO PATERNOSTRO
CORLEONE, 2 GIUGNO 1992 - I BAMBINI DELLA SCUOLA ELEMENTARE: "Giovanni non dovevi morire!". A dieci giorni dalla strage mafiosa di Capaci in cui persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Antonio Montinaro, Rocco di Cillo e Vito Schifani, gli 800 alunni della scuola elementare di Corleone manifestarono sfilando per le vie del paese con un grande striscione: "vogliamo vivere con fierezza nella nostra Corleone!".

Gaetano Porcasi, pittore di impegno civile: "Tele vive sulla strada della memoria"

Porcasi, la strage di Capaci (olio su tela)
di Federica Governanti
Quando l’arte sposa il ricordo nasce la pittura d’impegno sociale di Gaetano Porcasi
Un quarto di secolo è ormai trascorso da quel famigerato 23 maggio 1992. Una potente deflagrazione di sgomento e dolore sbrecciò non solo l’asfalto dell’A29 all’altezza dello svincolo di Capaci ma anche la coscienza d’una nazione intera, ridotta a brandelli, come quella strada. Una strada trasformatasi in una voragine che trascinò con se Giovanni Falcone, volto dell’antimafia siciliana, insieme alla moglie Francesca Morvillo e agli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonino Montinari.

La Cgil di Palermo domani alle manifestazioni per ricordare Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti di scorta morti nella strage di Capaci

La tessera 2012 della Cgil dedicata a Falcone e Borsellino
Enzo Campo: “Ricordare tutti, da Falcone, Borsellino, La Torre ai dirigenti sindacali uccisi, costruttori di libertà e democrazia nel nostro Paese”.
Palermo, 22 maggio 2017 – Un'ampia delegazione della Cgil parteciperà domani pomeriggio al corteo che arriverà sotto l'albero Falcone, in via Notarbartolo, per ricordare il venticinquesimo anniversario del sacrificio di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e degli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Montinaro e Rocco Dicillo. In mattinata, la Cgil sarà presente alla manifestazione nell'aula bunker.

Palermo. Cosa ci dice l’omicidio del boss Giuseppe Dainotti?

Giuseppe Lumia
di GIUSEPPE LUMIA 
L’omicidio del boss Giuseppe Dainotti, commesso stamattina a Palermo, ci dice tre cose importanti. La prima riguarda l’ineluttabilità del ruolo che si ha dentro l’organizzazione mafiosa. Da boss, infatti, non ci si dimette mai. Nonostante il carcere i boss appena liberati tornano a far parte dell’organizzazione, anche a costo di rischiare e lasciarci la pelle. La seconda riguarda il ricorso agli omicidi.Quello di Dainotti è l’ultimo di una serie commessi in questi anni dalla mano mafiosa, per cui pensare che Cosa nostra dismetta l’uso delle armi è un errore clamoroso. Semmai al fuoco preferisce il ricorso alle collusioni, sapendo che pistola e kalashnikov sono sempre a portata di mano, anche quando si organizza la Cosa nostra 2.0 attraverso le strategie tipiche dei colletti bianchi.

Corleone, giornata della legalità, ricordando la strage di Capaci


Venticinquesimo anniversario della strage di Capaci: tutti gli eventi in programma

Giovanni Falcone

Nel 25esimo anniversario della strage di Capaci Palermo si prepara a commemorare il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Sono diverse le manifestazioni in programma.
DOMENICA 21 MAGGIO – Alle 19, è stato presentato il libro “Giovanni Falcone – Le idee restano” di Maria Falcone. Il libro scritto dalla sorella del magistrato ucciso da Cosa Nostra, insieme a Monica Mondo. All’evento che si è tenuto presso la chiesa di San Domenico, è stato presentato in anteprima anche il volume “Paolo Borsellino – L’uomo giusto” scritto da Alessandra Turrisi.

Altofonte. Operazione “Happy holidays”

L'estorsione documentata in diretta...
Il 16 maggio 2017, i Carabinieri del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione al fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, nei confronti di Salvatore RACCUGLIA, indagato in ordine ai reati di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dall’utilizzo del metodo mafioso ai danni di un imprenditore di Altofonte. La misura è stata convalidata il successivo 18 maggio dal G.I.P. presso il Tribunale di Palermo, il quale contestualmente ha emesso, su richiesta della stessa Procura Distrettuale, un’ordinanza di custodia cautelare a carico del citato RACCUGLIA, di Salvatore LA BARBERA, di Andrea DI MATTEO e diGiuseppe SERBINO, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei medesimi reati.