mercoledì 21 agosto 2019

Ex Province: così saranno spesi oltre 250 milioni

Giornale di Sicilia, 21 agosto 2019

Il teschio del brigante e il fake di Lombroso

La leggenda del falso bandito. Qui sopra, Giuseppe Villella (1802-1864)
e, sopra, il suo cranio custodito al museo Lombroso di Torino
di Stefano Massini
Storia finita in Cassazione di una contesa tra Torino e la Calabria. Respinto il ricorso neoborbonico, il cranio di Giuseppe Villella resta al museo dedicato al padre della fisiognomica (e di tanti errori fatali)
Non era solo Amleto a dialogare col teschio in mano. Più o meno la stessa conversazione è toccata in sorte ai giudici della Corte di Cassazione, cui spettava pronunciarsi sul futuro domicilio del cranio di Giuseppe Villella, defunto dalla bellezza di 155 anni. Mai si ebbe verdetto più spinoso: essendo il Villella calabrese, natio di Motta S. Lucia, poteva finalmente il suo osseo muso tornare a casa, anziché restare nell’anonima teca di un museo torinese? La risposta, tanto per dirlo subito, è stata un no.

Harakiri di un leader


di FILIPPO CECCARELLI
Salvini come Berlusconi e Renzi: arrivato all’apice è diventato nemico di se stesso. In pochi giorni il leader leghista ha sbagliato tutte le mosse. Come, prima di lui, quei capi che hanno confuso alto consenso e delirio di onnipotenza
Chi troppo vuole, nulla stringe: dedicato a Salvini. Come dire, in modo anche più brutale, che in certe condizioni ci si frega con le proprie mani.

martedì 20 agosto 2019

Da Godrano a Brancaccio, gli eventi per ricordare don Puglisi

Giornale di Sicilia, 20 agosto 2019

Marineo senza pace: coltellate tra nonno e nipote

Giornale di Sicilia, 20 agosto 2019

Ficuzza, 42° anniversario dell’eccidio del Ten. Col. Giuseppe Russo e del prof. Filippo Costa. De Cataldo: "Russo è un esempio"; Nicolosi: "Non si torna indietro dall'impegno per la legalità"

Un momento della commemorazione di Ficuzza
Oggi 20 agosto 2019, ricorre il 42° anniversario dell’uccisione del Ten. Col. Giuseppe RUSSO e del Prof. Filippo COSTA, avvenuta il 20 agosto del 1977 nella frazione di Ficuzza del Comune di Corleone nei pressi della Real Casina di Caccia del re borbonico Ferdinando IV.
Alle ore 10.00 è stata deposta una corona d’alloro sulla stele commemorativa nel luogo dell’eccidio alla presenza del Comandante della Legione Carabinieri Sicilia, Generale di Brigata Giovanni CATALDO, del Vice Prefetto di Palermo, Dott. Fabio SANFILIPPO, del Sindaco di Corleone, Dott. Nicolò NICOLOSI, della Signora Francesca Benedetta RUSSO, figlia dell’Ufficiale dell’Arma caduto e delle autorità civili e militari.

lunedì 19 agosto 2019

il colonnello Giuseppe Russo, un ufficiale scomodo. Domani il 42° anniversario

Il paginone de "La Sicilia" del 19 agosto 1997 dedicato a Russo

DINO PATERNOSTRO
Il colonnello dei carabinieri era un noto investigatore al centro di delicate indagini di mafia. Venne ucciso a Ficuzza il 20 agosto del 1977 con l’amico Filippo Costa. Domani l’Arma lo ricorderà ancora una volta nella piazza della borgata. Dietro l’esecuzione c’era l’affare della Diga Garcia. Tra il 1976 e il 1977 un'agghiacciante serie di delitti a Corleone
Sembrava una serata d’estate come tante altre, quella del 20 agosto 1977 a Ficuzza, piccola borgata a due passi da Corleone. E invece fu una serata tragica. Erano circa le 21.30, quando il colonnello dei carabinieri Giuseppe Russo decise di uscire per fare due passi. Aveva appena finito di cenare con la moglie Mercedes Berretti e la piccola Benedetta, nella piccola casetta al primo piano che dava sulla piazza.

Sanità: aggrediti medico e tecnico di radiologia a Villa Sofia a Palermo

Il Pronto soccorso di Villa Sofia

(ANSA) - PALERMO, 19 AGO - "Altra aggressione ai danni di personale sanitario e danneggiamento di beni del nosocomio: l'ennesimo episodio, ultimo di una lunga serie, si è consumato domenica alle 23 circa all'ospedale Villa Sofia di Palermo". La denuncia è di Giuseppe Bonsignore segretario aziendale del sindacato Cimo. "Questa volta a farne le spese - aggiunge il rappresentante sindacale - sono stati un medico radiologo e una donna, tecnico di radiologia medica, insultati e strattonati da un vero e proprio esercito di parenti inferociti di un paziente, un uomo di circa 60 anni, che stava per eseguire un esame di risonanza magnetica in urgenza ".

Palermo. 70° anniversario dell’ eccidio di sette carabinieri a Passo di Rigano

Un momento della cerimonia davanti alla stele che ricorda l'eccidio

PALERMO: Oggi, 19 agosto 2019, ricorre il 70° anniversario della strage avvenuta in località Passo di Rigano di Palermo.
Il grave evento criminoso provocò la morte di sette Carabinieri effettivi al Battaglione Mobile Carabinieri di Palermo i quali, mentre viaggiavano a bordo di un autocarro militare unitamente ad altri commilitoni, furono uccisi dall’esplosione di una mina collocata sotto il manto stradale, azionata a distanza dal bandito Giuliano.

La Regione attiva 250 milioni di euro per strade provinciali e scuole in Sicilia

La tabella dei fondi attivati a favore delle ex Province siciliane

Gaetano Armao, vice-presidente della Regione: «Si tratta di un ulteriore passo in avanti nell'attuazione dell'Accordo che abbiamo concluso con lo Stato, che consente di mobilitare ingenti risorse per scuole e strade della Sicilia». Mario Ridulfo, segretario generale della Fillea-Cgil Sicilia: «Vigileremo affinché ognuno faccia la propria parte, perché troppe volte sono stati solo annunci. Speriamo sia la volta buona, cominciando dalle tante strade provinciali disastrate, come ad esempio quella che collega il Corleonese con l'autostrada Palermo-Mazara».
Con una lettera congiunta inviata ai Sindaci metropolitani di Palermo, Catania e Messina ed ai Commissari straordinari dei liberi Consorzi comunali di Agrigento, Caltanissetta, Enna, Ragusa e Trapani, gli Assessorati Autonomie locali ed Economia intervengono in forza dell'Accordo sottoscritto con il Goveno nazionale nel dicembre 2018 prevedendo,  fino all'importo massimo di 250 milioni di euro, il trasferimento di somme per investimenti

Memoria e Impegno. Il partigiano "Esempio" oggi avrebbe compiuto 101 anni

Rosolino Cottone (il primo a sinistra) ad una manifestazione del Pci
palermitano. Si riconoscono Pompeo Colajanni (sul podio), Nino Mannino;
Italo Tripi, Saverio Lodato, Giovanni Neglia, Peppino Tornatore
Il ricordo del partigiano palermitano Rosolino Cottone "Esempio" nelle parole semplici del figlio Nino.
Oggi avresti compiuto 101 anni. Il fermo immagine ti ricorda con l'immancabile motorino a distribuire l'unità. Sempre in prima fila nelle manifestazioni con la bandiera rossa è il fazzoletto dell'ANPI. Esempio era il tuo nome di battaglia, nome che ti ha dato il comandante partigiano Ballerini perché ero in esempio da seguire. Ciao papà uomo di sinistra che come diceva spesso: nel PCI, povero sono entrato è povero ne sono uscito. Il suo esempio di militante comunista è dettato dalla guida di uomini che umilmente hai servito. Dirigenti come Girolamo Li Causi, Emanuele Macaluso e Può La Torre. Non hai mai chiesto niente per te un comunista d'altri tempi. 
Nino Cottone

Mezzojuso, la vicenda delle sorelle Napoli. Per il giudice l'ex capo dell'Utc sapeva tutto!

Giornale di Sicilia 17 agosto 2019

Una riflessione: il “principio della rana bollita” del filosofo americano Noam Chomsky

Il principio della "rana bollita"

Il “principio della rana bollita”  del filosofo americano Noam Chomsky è il principio secondo cui, la popolazione accetta la scomparsa dei valori e di conseguenza tutto ciò che ne deriva.
"Immaginate un pentolone pieno d’acqua fredda nel quale nuota  una rana. Il fuoco sotto la pentola è acceso e quindi l’acqua si riscalda lentamente. Dopo un po', diventa tiepida ma la rana trovandola piuttosto gradevole, continua tranquillamente a nuotare.
Dopo qualche minuto, la temperatura sale ancora, la rana si rilassa, e pur trovando il liquido meno gradevole di prima, continua a non spaventarsi.
L’acqua adesso è davvero troppo calda e la rana si è indebolita, non ha la forza di reagire. 
Sopporta e non fa nulla mentre la temperatura sale ancora, fino al momento in cui la rana muore bollita.
Se la stessa rana fosse stata immersa direttamente nell’acqua a 50°, sicuramente sarebbe balzata subito fuori dal pentolone."
È una storiella che rende più facile la comprensione della 3° di 10 strategie della manipolazione elaborata da Chomsky che testualmente scrive: 

domenica 18 agosto 2019

50 ANNI FA CALAVA IL SIPARIO SU WOODSTOCK CON LA PROVOCAZIONE PACIFISTA DI HENDRIX


PIETRO SCAGLIONE
Il 18 agosto del 1969, il cantautore e chitarrista Jimi Hendrix, protagonista del Rock e della Psichedelia degli anni Sessanta, concluse il Festival di Woodstock con una reinterpretazione polemica dell'inno nazionale Usa, intervallata dal rumore dei bombardamenti americani contro il Vietnam e delle sirene della controaerea. Fu una protesta clamorosa che scatenò l'indignazione della destra Usa, ma l'apprezzamento dei giovani presenti e dell'opinione pubblica di mezzo mondo, indignata dalla guerra contro il Vietnam. 

Emanuele Macaluso all'Huffpost: "Compagni, non abbiate paura del popolo"

Emanuele Macaluso

Intervista allo storico esponente della sinistra, che a 95 anni invita i dem alla battaglia senza accordi con M5S: "Il Pd è malato di governismo, non si ferma questa destra con una manovra di palazzo... ma chi l'ha detto che l'Italia sceglierà Salvini?"
·       Novantacinque primavere di lucidità e coraggio. Eccolo Emanuele Macaluso, grande vecchio della sinistra, anzi diciamoci la verità, il più giovane di tutti, per energia, lucidità, passione politica. Eccolo, nel corso di questa lunga conversazione, pronunciare più volte la parola “battaglia politica”, “popolo”, invitando la sinistra ad “avere coraggio e non paura del voto”. Lui che nella lotta, in anni duri e novecenteschi, si è formato: la Sicilia dei braccianti, il Migliore che lo chiamò a Roma, la Guerra Fredda, la direzione dell’Unità ai tempi di Enrico Berlinguer, una vita assieme a Giorgio Napolitano nella corrente migliorista. Insomma, un comunista italiano che di quella lezione ricorda l’essenziale: “La manovra politica e parlamentare non può prevalere o essere un surrogato del consenso. Lasciamo stare Togliatti e quella tradizione. Il Pci era per il consenso, da conquistare attraverso la battaglia nella società, e per la manovra”. 

Caporalato, nei campi del Ragusano migranti pagati 2,5 euro all’ora


CARMELO RICCOTTI LA ROCCA
Nelle serre anche ragazzini (che non vanno a scuola) 
Marina di Acate, minuscolo borgo marinaro tra Vittoria e Gela, è una sorta di capitale del caporalato. Qui lavorano migliaia di persone, soprattutto di origine romena e magrebina: in quattro anni la Caritas ne ha censite circa duemila, ma i numeri sono probabilmente superiori. Secondo un report pubblicato nel 2018 dalla diocesi di Ragusa, nella piccola frazione marinara un'azienda agricola su due utilizza lavoratori in modo illegale e paga gli operai con paghe comprese tra i 2,5 e i 3 euro l’ora. 

IL PERSONAGGIO. La donna che guiderà fino a cento anni: "Io meglio dei maschi"


di Enrico Ferro
Chiara Maria ha 98 anni e le hanno rinnovato la patente fino al 2020 "Mai un incidente, la vera fatica a Milano è trovare parcheggio"
«Chi l’ha detto che guidare non è roba per donne? Guardate me, a 98 anni. La mia auto ha qualche graffietto sì, ma mai un incidente». Chiara Maria Tanara coccola tra le dita cariche di anelli d’oro la sua inseparabile patente, con la data di scadenza che è già un vanto oltre che un traguardo. C’è scritto 2020. Con il rinnovo di altri due anni, fino al compimento del secolo d’età, Chiara Maria diventa probabilmente l’automobilista più anziana di Milano e ci sono buone possibilità di scalare anche un’ipotetica classifica nazionale. «Ho preso la patente nel 1955, dopo il secondo figlio», racconta e il suo ricordo è una cartolina in bianco e nero.

venerdì 16 agosto 2019

Fulvio Piazza ed Epifanio Di Natale nuovi direttori di Urologia e Nefrologia a Villa Sofia-Cervello

Fulvio Piazza ed Epifanio Di Natale

Le graduatorie finali sono state deliberate dalla Direzione strategica: incarichi assegnati per cinque anni rispettivamente a Fulvio Piazza ed Epifanio Di Natale.
PALERMO. Arrivano in porto a Villa Sofia-Cervello due concorsi per Direttore di unità operativa complessa dell’area sanitaria. Si tratta delle selezioni per il Direttore dell’Urologia e per il Direttore di Nefrologia e Dialisi, posti vacanti ormai da lungo tempo.

Corleone, mercoledì prossimo si riunirà il consiglio comunale

Corleone, il palazzo municipale sede del consiglio comunale 

Su richiesta del Sindaco e con  determinazione del Presidente del Consiglio, il Consiglio Comunale di Corleone è stato convocato in sessione ordinaria per il giorno 21 agosto 2019 alle ore 11,00. L’elenco degli argomenti da trattare, ai sensi dell’art. 39 c. 4 dello Statuto Comunale, è il seguente:

giovedì 15 agosto 2019

INTERVISTA A PANKAJ MISHRA: “Un’etica socialista contro la destra"


di Enrico Franceschini
L’autore dell’“Età della rabbia” interviene sulla crisi della democrazia liberale e rilancia un’utopia mai realizzata, “erede del cristianesimo”
Mettere sotto accusa il liberalismo economico ». Per Pankaj Mishra, scrittore e saggista indiano, bisogna partire da una sorta di “critica della ragion pura” per poter salvare quello che c’è di buono nella democrazia liberale – oggi in crisi in buona parte del mondo occidentale – separandola dagli eccessi del capitalismo. «Il quale, lasciato a se stesso, è una bestia capace di distruggere tutto», ammonisce l’autore di L’età della rabbia (il suo saggio più noto, pubblicato in Italia da Mondadori), nato 50 anni fa in India da una famiglia di bramini, figlio di un ferroviere e sindacalista, diventato uno dei commentatori più autorevoli del New Yorker e del New York Times .