mercoledì 21 febbraio 2018

Corleone, “incandidabili” per le prossime elezioni l’ex sindaco Savona, gli ex assessori Ciro Schirò e Carlo Vintaloro e l'ex consigliere Renato Di Miceli

L'ex sindaco Lea Savona
La sezione civile del tribunale di Termini Imerese, composta dai giudici Angelo Piraino, a latere Laura di Bernardi e Teresa Ciccarello, lo scorso 16 febbraio ha dichiarato non candidabili alle elezioni regionali, provinciali, comunali e circoscrizionali (limitatamente al primo turno elettorale successivo al provvedimento di scioglimento del consiglio comunale di Corleone, adottato dal Presidente della Repubblica il 12 agosto 2016) l’ex sindaco Lea Savona, gli ex assessori Ciro Schirò e Carlo Vintaloro e l’ex consigliere comunale Cristoforo Di Miceli. Nei confronti di costoro – si legge nella sentenza – “risulta sufficientemente documentata la commissioni di condotte dolose o colpose tali da dar luogo allo scioglimento degli organi comunali per infiltrazioni mafiose”.

Palermo, il seminario della Cgil sul codice antimafia. Un passo avanti, ma adesso bisogna applicare la legge e correggerne i limiti

L'intervento di Mario Ridulfo
di MARIO RIDULFO
Pubblichiamo l'introduzione di Mario Ridulfo al seminario sul nuovo codice antimafia, svoltosi a Palermo il 20 febbraio 2018, nella sala "R. Garibaldi Bosco" della Camera del Lavoro. Ridulfo è componente della segreteria della Cgil di Palermo, responsabile delle politiche della legalità e della sicurezza
(Il seminario è stato coordinato da Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil Sicilia. Sono intervenuti: Mario Ridulfo, segretario Cgil Palermo, Dino Paternostro, responsabile Dipartimento Legalità Cgil Palermo, Luciano Silvestri, responsabile Legalità Cgil nazionale, Riccardo Polizzi, responsabile cda Calcestruzzi Belice, Costantino Visconti, ordinario di Diritto penale (Dems) Università di Palermo. Ha concluso Enzo Campo, segretario generale Cgil Palermo).
I beni sequestrati e confiscati alla mafia non sono solamente di interesse giudiziario e/o di ordine pubblico. Aggredire il patrimonio mafioso e riportarlo nelle mani dei cittadini assume il profondo significato di rafforzare l’immagine dello Stato, specialmente in quei territori, come quello palermitano, dove il degrado ha creato una sfiducia nei confronti delle istituzioni.  

A Ragusa un imprenditore lega e picchia un operaio rumeno

A sinistra: L'azienda; a destra: Rosario Dezio
di PAOLO BORROMETI 
La Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Vittoria –  ha sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria il Consigliere Comunale Rosario Dezio (nato a Vittoria il 12.05.1977) per lesioni gravi. Dovrà rispondere anche di sequestro di persona e porto d’armi. Rosario Dezio era subentrato in Consiglio Comunale al dimissionario Fabio Nicosia, nonostante fosse già denunciato per sfruttamento della manodopera. Dezio era stato eletto nella lista “Nuove idee”, collegata al Pd (e coordinata proprio da Fabio Nicosia) ed è componente della segreteria del Pd cittadina.
La Procura della Repubblica di Ragusa ha chiesto la convalida del fermo operato dalla Polizia di Stato ed il GIP, ravvisando positivamente i gravi indizi di reato raccolti dagli investigatori della Squadra Mobile e del Commissariato, ha applicato la misura cautelare degli arresti domiciliari, anche se non ha ravvisato il pericolo di fuga. Giorno 15 febbraio si presentava un cittadino rumeno presso il Commissariato di Vittoria in quanto voleva denunciare Dezio Rosario per averlo malmenato. In sede di denuncia riferiva che altri due suoi connazionali si erano rifugiati presso un casolare abbandonato, da lui utilizzato come dimora. Riferiva che i due connazionali poco prima della denuncia erano stati nuovamente picchiati e portati via con la forza dopo essere stati nuovamente feriti gravemente dal loro titolare.

DIREZIONE >> UNA MARINA DI LIBRI. Cucitor di canti

M’illumino di meno | 23 febbraio | Eglise - Amélie Nothomb | 6 marzo | Real Teatro Santa Cecilia
Palermo. Doppio appuntamento per “Direzione >> Una marina di libri”. Il 23 febbraio da Église (via dei Credenzieri) alle 18 “M'illumino di meno”, reading a lume di candela nella giornata nazionale del risparmio energetico promossa da Caterpillar. Editori, autori e operatori culturali cureranno le letture, il Teatro Ditirammu omaggerà Vito ParrinelloIl 6 marzo al Real Teatro Santa Cecilia di Palermo, Amélie Nothomb presenterà il suo nuovo romanzo "Colpisci il tuo cuore" (Voland), evento promosso in collaborazione con La Feltrinelli Palermo, l'Institut français Palermo e la Fondazione The Brass Group. Angelo Di Liberto (Billy, il vizio di leggere - il gruppo) intervisterà la scrittrice belga autrice di oltre 21 romanzi, tradotti in oltre 45 paesi.

Il personaggio. Il migrante “anticrimine”. Peter, il ghanese eroe per caso “Ma adesso lo Stato aiuti me”

ROMINA MARCECA
Ha sventato il furto di un ciclomotore facendo arrestare il ladro “Spero che l’Italia mi ospiti e mi dia la possibilità di un lavoro regolare”
Peter Moses aveva fatto perdere le sue tracce dopo il gesto eroico. Per un attimo, ma solo per un attimo, aveva temuto di essere rimpatriato. Perché Peter Moses del Ghana è un extracomunitario irregolare sul territorio italiano. Adesso dice: «Non ho paura di essere rimpatriato ma chiedo allo Stato italiano di concedermi un permesso di soggiorno. Vorrei avere un lavoro regolare».

lunedì 19 febbraio 2018

Elezioni Camera e Senato, come si vota. Ecco la scheda elettorale con i nomi dei candidati del collegio di Monreale

I comuni di Corleone e della zona sono compresi in questo collegio. Scheda elettorale all’interno. Non é ammesso il voto disgiunto
Monreale, 17 febbraio 2018 – Con il nuovo sistema elettorale, il cosiddetto Rosatellum, basterà una sola croce per esprimere il voto per le elezioni politiche del 4 marzo. I seggi saranno attribuiti con sistema misto, parte proporzionale e parte maggioritario. Il territorio nazionale è stato suddiviso in collegi uninominali, collegi plurinominali e circoscrizioni. Solo gli elettori con più di 25 anni potranno votare anche per il Senato. Gli elettori fra 18 e 25 anni avranno solo la scheda per la Camera. Le schede elettorali (e il voto) sono identiche sia per la Camera (apri scheda camerache per il Senato (apri scheda senato). Quello che non si può fare è barrare il nome di un candidato e il simbolo di un partito legato ad un altro candidato. In questo caso il voto è nullo perché la legge Rosato vieta il cosiddetto voto disgiunto.

"Liturgia degli anni" di Giovanni Perrino

di LUIGI CELI 
Giovanni Perrino, originario di Corleone, già insegnante di lettere nelle scuole superiori e dirigente scolastico con un'esperienza di direzione delle scuole italiane in Russia, ha prodotto anche importanti raccolte di poesie, apprezzate dalla critica, ottenendo anche significativi riconoscimenti. La sua ultima "fatica" è questa "Liturgia degli anni", di cui pubblichiamo l'immagine di copertina ed un'importante recensione di Luigi Celi. 
(G. Perrino, Liturgia degli anni, Raffaelli Editore, Rimini 2017)
Liturgia degli anni è un titolo che può sorprendere, dato l’orientamento laico di Giovanni Perrino, ma la scelta è così spiegata dall’Autore: “La liturgia, nel lessico e nella cultura greca, Λειτοủργία, era il servizio pubblico, il complesso di leggi civili e militari che servivano al popolo per la pacifica convivenza (...)”, per il “bene comune”. Così se rispetto all’interpretazione corrente, legata al rito cristiano, abbiamo uno spostamento semantico, tuttavia - a mio avviso - ciò non elimina del tutto il significato sacrale, di celebrazione, che il termine “liturgia” possiede.

Cani avvelenati: M5S, ai Comuni servono risorse non commissioni Ars

PALERMO, 18 FEBBRAIO 2018 - "Istituire una commissione parlamentare sul randagismo con l'obiettivo di indagare un fenomeno arcinoto sarebbe una perdita di tempo. Occorre agire subito per evitare altre stragi di randagi in Sicilia attraverso maggiori risorse ai Comuni da destinare anche alla realizzazione di rifugi pubblici per i randagi insieme a un maggiore coinvolgimento delle associazioni animaliste di volontariato, private della possibilità di continuare ad occuparsi dei randagi". Così il gruppo parlamentare del M5S all'Ars, replica alla proposta del presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè di costituire una commissione parlamentare sul fenomeno del randagismo in Sicilia, dopo la strage di cani avvenuta a Sciacca (Ag).

Sicilia. La commissione antimafia depotenziata

L'Assemblea Regionale Siciliana
GIANNI BONINA
Solo il 17 ottobre scorso, quando il tribunale di Roma stabilì che “Mafia capitale” era un’associazione dedita all’esercizio della corruzione, fu sventato il tentativo di comprendere dentro il fenomeno mafioso fattispecie di reato che semmai andavano iscritte nel lungo elenco degli effetti collaterali della recrudescenza mafiosa e non ricondotte ai casi tassativamente imposti da dottrina e gurisprudenza per disciplinare il 416 bis.
Dicendo che se tutto è mafia niente è mafia, Leonardo Sciascia presagiva un pericolo che successivamente la legislazione ordinaria e la pratica giudiziaria hanno in verità inteso correre, fino al caso limite di “Mafia capitale”, estendendo l’accezione di mafia a un numero sempre maggiore di ipotesi di illegalità. Ma quello che era un pericolo è diventato ora una realtà, dopo il varo in Sicilia della legge regionale istitutiva della Commissione antimafia nel nuovo modello di organo impegnato in «attività di prevenzione e di contrasto della corruzione, della concussione e in genere di tutti i reati contro la pubblica amministrazione e delle illegalità nella Regione e negli enti del sistema regionale». Tutti i reati in genere che coinvolgano gli enti pubblici sono dunque stati assimilati a quello unico per il quale l’Antimafia era stata istituita a Palazzo dei Normanni.

mercoledì 14 febbraio 2018

Palermo. Franco Padrut, venerdì 16 all'Istituto Gramsci iniziativa per ricordare il suo impegno di segretario della Fiom e della Cgil e di segretario cittadino del Pci

Palermo 14 febbraio 2018 - L'Istituto Gramsci, con la partecipazione dei familiari e del segretario Cgil Palermo Enzo Campo, ricorda Franco Padrut, simbolo della sinistra palermitana, morto nel gennaio del 2011. L'iniziativa si terrà venerdì 16 febbraio, alle ore 16.30 nella sede dell'istituto, ai Cantieri culturali alla Zisa, in via Paolo Gili, 4.
Introduce Salvatore Nicosa, presidente dell'Istituto Gramsci. Coordina Simona Mafai. Interverranno Giuseppe Cipolla, sugli anni della Fgci, del Vietnam e dell'Ucciardone; Michele Figurelli, sull'impegno di Padrut nel Pci e sulla sua riflessione politica; Emilio Miceli ricorderà l'attività di Padrut alla guida dei metalmeccanici di Palermo e come segretario della Camera del Lavoro. Testimonianze di Luigi Colombo, Gianni Parisi, Vincenzo Vasile, Nino Mannino, Elio Sanfilippo, Ino Vizzini.

Edilizia, tra il 2016 e il 2017 è sceso di 1.251 unità il numero degli operai al lavoro a Palermo

La Fillea: “La ripresa prevista per il 2017 e il 2018 a Palermo non si vede”.
In vista il 22 febbraio manifestazioni dei disoccupati edili e di Italcementi, che rischia la chiusura. Ed è agitazione tra gli operai del Coime del Comune: pronte 500 cause per gli adeguamenti salariali non scattati.
Palermo 14 febbraio 2018 – Edilizia: il 2017 doveva essere l'anno della ripresa. Ma i dati della Cassa edile di Palermo sconfessano le previsioni. Gli operai al lavoro sono scesi a 9.821 unità nel 2017 mentre erano 11.072 nel 2016, con una perdita di 1.251 operai. Le ore di lavoro svolte passano da 8 milioni e 873.652 nel 2016 a 7 milioni 601.927 nel 2017. La massa salari è calata da 118 milioni di euro a 100 milioni di euro nel 2017, con una perdita di 18 milioni di euro.

“Una strage ignorata”, un “tour” molto emozionante nei paesi della Sicilia

L'intervento di uno studente del liceo "Tommaso Fazzello" a Sciacca
di Fabrizio De Pascale
Cinque proiezioni in quattro giorni, a Partinico, San Cipirello, Palermo, Sciacca e Castelvetrano. Un piccolo “tour de force” per la Fondazione Argentina Altobelli, in giro per la Sicilia a presentare il concorso “Portella, i braccianti, la memoria”, rivolto agli studenti degli istituti superiori siciliani e a proiettare il docu-film “Una strage ignorata” che ripercorre le tristi vicende di circa 50 braccianti e sindacalisti agricoli uccisi dalla mafia in Sicilia, negli anni 1944-48 perché lottavano per dare la terra ai contadini, così come previsto dalla legge. Ma, insieme agli istituti scolastici, il docu-film è stato proiettato anche nella sede di Libera a Palermo, in piazza Castelnuovo, in uno dei tanti beni (un esercizio commerciale) sequestrati alla mafia e affidati ad associazioni e cooperative. Complessivamente alle cinque proiezioni hanno assistito circa 800 persone, di cui 600 studenti.

martedì 13 febbraio 2018

L'Associazione di produttori "Fior di Corleone" "interroga" i candidati del collegio uninominale

Maurizio Pascucci, presidente di Fior di Corleone
L’Associazione FIOR DI CORLEONE ha pensato di svolgere un ruolo attivo e interlocutorio nell’ambito della campagna elettorale in corso. Questo negli interessi dei nostri associati e dell’intera comunità locale. Convinti che è giusto partecipare alle scelte politiche e sarebbe ingiusto parteggiare per qualunque candidato solo per vicinanze ideali. Abbiamo pensato di rivolgere NOI alcune domande ai candidati alle elezioni politiche 2018 e poi adoperarci per la divulgazione delle loro risposte ai nostri associati e attraverso organi di stampa, blog e social network. Ognuno potrà quindi valutare e scegliere a chi affidare il suo consenso politico. Le nostre domande trasmesse a: Salvo Lo Giudice  Centrosinistra, Saverio Romano  Centrodestra, Giuseppe Chiazzese M5S, Serafino La Corte  Liberi e Uguali, Francesca Tumminello  Potere al Popolo, Fabio Ferranti  Il Popolo della famiglia, Caterina Cerra  Casapound, Daniele Urso  Partito Comunista.
ECCO LE DOMANDE:
Caro candidato, in caso Lei venga eletto nel Parlamento Italiano, come si comporterà sui seguenti argomenti?

L’ex rettore di Messina candidato del Pd. Dallo zio boss ai patti proibiti: Navarra corre contro i veleni

Pietro Navarra, il terzo da sinistra, accanto a Davide Faraone
Dal nostro inviato EMANUELE LAURIA,
Il volto nuovo dei dem della Sicilia: basta strumentalizzare Ma accuse e sospetti non si fermano
MESSINA - «So che si può fare, so che ci riusciamo» . Il cambio di set è rapido. E nel salone del nuovo comitato elettorale il manifesto di Pietro Navarra, l’ex rettore candidato di punta del Pd, riempie d’un tratto un’enorme parete. Con tanto di slogan apotropaico: perché ai margini di una Sicilia che, con il referendum e le regionali gli ha riservato cocenti amarezze, Renzi punta sul miracolo della vittoria di un collegio.

UN PAESE SENZA NOME MA NON CERTO IMMAGINARIO

PIPPO ODDO
“Un paese senza nome. Sicilia, storia e sentimenti” (Trapani 2016 ) non è il solo libro della poetessa e scrittrice Emilia Merenda, palermitana, autodidatta di buona cultura e rara sensibilità storica e antropologica, affinata con costanza d’attenzione e orgoglio d’appartenenza al prezioso patrimonio culturale della terra in cui è esordita al mondo alla fine del 1945: la Sicilia, vale a dire la maggiore di quelle isole mediterranee che Fernand Braudel ha definito «quasi continenti» e Goethe «centro meraviglioso dove convergono tanti raggi della storia universale». “Un paese senza nome” non è nemmeno la sua opera prima, perché – senza contare le poesie già piazzate ai primi posti nei concorsi poetici (celebrati in numerose località siciliane) e inserite in diverse antologie – Emilia aveva pubblicato nel 2012 a Patti (Messina), “Il capezzale, 10 racconti”. Nel 2017 ha inoltre dato alle stampe ad Avola (Siracusa) “Diversamente poeta”, una silloge di poesie in lingua italiana, e a Sanremo (Imperia) “A beddu cori”, raccolta di poesie in siciliano. 

Aziende sanitarie provinciali, ecco l’elenco degli idonei per le direzioni generali

MANLIO MELLUSO
Il Ministero della Salute ha pubblicato l’elenco delle persone idonee a ricoprire l’incarico di direttore generale delle aziende sanitarie provinciali – le cosiddette Asp -, delle aziende ospedaliere e degli altri enti del Servizio Sanitario Nazionale.
Di seguito il link al documento con tutti i nomi degli idonei alla direzione generale delle Asp
ilgazzettino.it,  12 febbraio 2018