Barra video

Loading...

venerdì 9 dicembre 2016

Acquapark e il Natale, aspettando il concerto di Mimmo Fini

Il 10 dicembre, dalle ore 21, grande serata di spettacolo allo Sperone di Palermo, organizzata dalla Biffy Music con il supporto di diverse azienda e realtà locali, tra queste spicca l’Acquapark di Monreale. La serata, dal titolo “il mio concerto di Natale”, avrà come protagonista Mimmo Fini, accompagnato da una nutrita squadra di cantanti, cabarettisti, ballerini e dj. La serata sarà condotta da Sandra Grassi e Gioacchino Stassi. Le coreografie durante lo show saranno curate dalla Dance Art Accademy. L’ingresso al concerto è libero. L’Acquapark sostiene questo concerto perché crede fermamente  nello spettacolo e nel divertimento sano della gente, soprattutto di giovani e bambini.  In più sarà l’occasione per presentare con largo anticipo, ad un pubblico vasto e variegato, le novità della nuova stagione e le attività in corso all’interno della pizzeria-ristorante e dell’area dancing. Nel 2017 Acquapark Monreale intende proseguire il percorso di restyling e rinnovamento intrapreso quest’anno, con nuove attrazioni, spazi verdi e piscine sempre più efficienti e pulite. Verranno introdotti innovativi sistemi per la pulizia e il controllo delle acque, verranno proposti nuovi scivoli e sarà curata l’area dedicata al relax, alla ristorazione e agli spettacoli. Inoltre verranno nuovamente organizzate sfilate di moda e di bellezza e sarà dato ampio spazio all’animazione e all’intrattenimento. Non potrà mancare la grande festa di Ferragosto e i concerti durante tutta l’estate.

giovedì 8 dicembre 2016

A Corleone, lunedì il via al progetto di volontariato dei migranti: contribuiranno gratuitamente a rende la città più vivibile

Job Ankoma, ghanese, 23 anni
CORLEONE - Job Ankoma, giovane ghanese di 23 anni, sorrideva timido ieri mattina, mentre ringraziava i corleonesi per la buona accoglienza riservata in questi anni ai migranti ospitati nel CAS di contrada Belvedere. E spiegava, nel suo italiano stentato ma ormai comprensibile, che in segno di gratitudine alcuni di loro vogliono impegnarsi volontariamente e gratuitamente in un progetto di pubblica utilità per rendere più vivibile Corleone, la città che li ha accolti. Job ha parlato nel corso della conferenza stampa, promossa dalla Commissione straordinaria del comune di Corleone, dove questo progetto è stato illustrato. Le attività di volontariato a beneficio della collettività saranno svolte a partire da lunedì prossimo da 10 migranti per settimana, 5 da adibire al verde pubblico e 5 a lavori di manutenzione dei beni comunali. “Le attività, assolutamente volontarie e gratuite, verranno svolte a supporto del personale comunale nei settori della piccola manutenzione e della cura del verde pubblico, cominciando dalla Villa Comunale e dalla pulizia delle caditoie”, precisa la commissione straordinaria. 

Pisapia: "Pronto a unire la sinistra fuori dal Pd. Renzi dialoghi con noi, basta Alfano e Verdini"

Giuliano Pisapia
di SEBASTIANO MESSINA
L'ex sindaco di Milano: "Lancio Campo Progressista, un'idea per arrivare al governo"
ROMA. "È il momento della verità" avverte Giuliano Pisapia. Ognuno si assuma le proprie responsabilità, dice l'ex sindaco di Milano: e quando si andrà a votare, "al più presto possibile, con una legge elettorale che sia uguale per le due Camere", lui è pronto a tornare in pista. Per riunire il popolo di sinistra che non si riconosce nel Pd sotto la bandiera di un nuovo soggetto politico - il Campo Progressista - disponibile a un'alleanza leale con Renzi. Ad una condizione: che lui rompa con Alfano e con Verdini.
Lei è stato uno dei pochi uomini alla sinistra del Pd che si è schierato a favore della riforma, e a Milano il Sì ha vinto. Pochi conoscono meglio di lei i sentimenti del popolo di sinistra. Perciò le chiedo: è il momento giusto, secondo lei, per andare a elezioni anticipate?

mercoledì 7 dicembre 2016

Viabilità secondaria, necessità primaria. La relazione di Mario Ridulfo all'iniziativa della Cgil di Palermo

Mario Ridulfo, segretario Cgil Palermo
"...... in qualche luogo le strade costrutte rimangono con manutenzione insufficiente, talchè deperiscono e bisogna talvolta quasi rifarle." Sicilia,1876
Le opere pubbliche. (1)
" Fra i principali mezzi per rimediare ai mali non solo amministrativi, ma di ogni specie, devesi annoverare la facilità delle comunicazioni, la costruzione di una fitta rete di strade ruotabili e di ferrovie. Certamente le strade da sè sole non potrebbero recare grande utilità almeno in breve tempo, ma senza di esse, qualunque altro rimedio perderebbe ogni efficacia. .....Di fronte allo spreco di forze e di denari adesso cagionato dal mancare l’unità di direzione per la costruzione della rete stradale siciliana, di fronte all’urgente bisogno di compierla nel più breve tempo possibile, .... Il personale dovrebbe.. essere intelligente, istruito, laborioso e coraggioso per potere studiare sui luoghi le condizioni dei terreni e i tracciati. Dovrebbe essere inaccessibile alle influenze e pressioni di ogni genere…e per ciò dovrebbe essere composto esclusivamente di persone del Continente....Abbiamo detto che lo Stato per salvar la Sicilia deve governarla senza la cooperazione dei Siciliani..."

(1) LEOPOLDO FRANCHETTI E SIDNEY SONNINO "LA SICILIA NEL 1876. LIBRO PRIMO CONDIZIONI POLITICHE E AMMINISTRATIVE DELLA SICILIA
Perché iniziamo con la citazione della famosa relazione Franchetti-Sonnino?

Mille chilometri in provincia. Il viaggio della Cgil sulle strade dissestate della provincia di Palermo

Strade trasformate in torrente per decine di chilometri, muri di contenimento franati, piante cresciute nei crateri al centro delle strade, lunghi tratti senza asfalto, cartelloni stradali scoloriti, posizionati in modo inadeguato, tratti segnalati come off limits per chilometri ma con i varchi lasciati liberi al transito degli automobilisti. Guard rail appesi nel vuoto a delimitare strade ormai precipitate di alcuni metri. Percorsi con l'asse stradale completamente deviato, carreggiate ristrette della metà a causa delle frane. Strade che all'improvviso scompaiono alla vista, costringendo, a salti nel buio. É la rete stradale che collega i centri dell'entroterra della provincia di Palermo. La Cgil ha effettuato un viaggio in 4 tappe lungo circa mille km, attraversando le strade che collegano le zone più interne e impervie della provincia di Palermo.

7 dicembre in ricordo di Pietro Busetta

Pietro Busetta, vittima innocente della mafia ucciso a Bagheria il 7 dicembre 1984, era un onesto imprenditore. Fu ucciso da Cosa Nostra perché cognato di Tommaso Buscetta, con il quale non aveva alcun rapporto. Mercoledì 7 dicembre alle ore 9:30, in occasione del 32° anniversario dell’omicidio, ci ritroveremo in via Federico II, di fronte al Tribunale al numero civico 31, per portare una corona di
fiori alla targa commemorativa.

lunedì 5 dicembre 2016

Strade provinciali dissestate e intransitabili: la Cgil chiede interventi urgenti

STRADE DISSESTATE, DOMANI  6 DICEMBRE INIZIATIVA DELLA CGIL SULLA VIABILITA' SECONDARIA NELL'AREA METROPOLITANA. LA PRESENTAZIONE DI UN DOSSIER: “STRADE DA RIPARARE PER 100 MILIONI NEL TRIENNIO: OCCASIONE DI LAVORO DA NON PERDERE”. CONCLUDE GIANNA FRACASSI, SEGRETARIO NAZIONALE CGIL
Palermo 5 dicembre 2016 – Ci sono 105 milioni di euro nel triennio, sulla carta, da impiegare per 63 interventi sulle strade secondarie dissestate, franate, interrotte,  nell'area della città metropolitana. Strade da riparare che possono essere occasione di lavoro per edili, geologi, ingegneri, forestali. La Cgil, che in uno studio ha evidenziato tutti i punti fragili della viabilità dell'area metropolitana ed elencato i tipi di intervento e i finanziamenti, chiama a raccolta istituzioni, enti, associazioni e comuni, dall'Anas, all'assessorato ai Trasporti della Regione, al Comune di Palermo, ai Comuni della Provincia, per avviare una fase di monitoraggio e di controllo della spesa dei fondi destinati ai lavori. E per chiedere che dagli annunci si passi all'apertura dei cantieri e alla messa in sicurezza del territorio con l'avvio delle opere pubbliche. 

“Lacrime di sale”: domani iniziativa benefica dell’Asp di Palermo

PALERMO 5 DICEMBRE 2016 - Un’iniziativa benefica per l’acquisto di un’attrezzatura da destinare al Poliambulatorio di Lampedusa. L’ha organizzata per domani pomeriggio (martedì 6 dicembre), alle ore 16.30, l’Asp di Palermo che ospiterà all’interno della mostra “Altromare” (direzione generale di via Giacomo Cusmano 24)  un incontro-dibattito su migrazione ed assistenza agli sbarchi dal titolo “Lacrime di sale”.
Saranno presenti gli autori dell’omonimo libro, Pietro Bartolo (Responsabile del Poliambulatorio di Lampedusa) e la giornalista della Rai, Lidia Tilotta. Interverranno, tra gli altri, il Presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, l’Assessore alla salute, Baldo Gucciardi, ed il Direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo, Antonio Candela. Coinvolto nell’iniziativa il Rotary club Palermo Sud che si è fatto promotore dell’acquisto di un rilevatore di battito cardiaco fetale da donare al Presidio dell’Asp a Lampedusa. (nr)


Cinisi, in ricordo di Felicia

Felicia Impastato
Per l’anniversario della morte di Felicia Bartolotta Impastato, in programma un contenitore ricco di iniziative culturali e sociali Cinisi, 5 dicembre 2016. Il 7 dicembre sono dodici anni che mamma Felicia ci ha lasciato. Come sempre dalla sua scomparsa, la ricorderemo anche quest’anno con un programma culturale e sociale di grande interesse e valore. Dopo la presentazione del libro di Umberto Santino “La strage rimossa”, svoltasi venerdì 2 dicembre, le iniziative proseguiranno domani e mercoledì 7 dicembre, ricorrenza della morte di Felicia. Ecco il programma dettagliato delle iniziative:
Martedì 6 dicembre ore 17.30 - Presentazione e inaugurazione mostra d'arte “La Natività” della Bottega di Filippo Lippi e codice membranaceo del XIV secolo di Jacopo da Varagine presso ex casa Badalamenti e Casa Memoria.
Interverranno: Aurelio Pes, critico d’arte, Don Armando Zappolini, presidente del Cnca, Paola Nicita, giornalista de La Repubblica, Umberto Santino, presidente del CSD Giuseppe Impastato.
Mercoledì 7 dicembre ore 17.30 - Convegno “Diritti negati: dallo stragismo alle vittime della tratta” presso ex casa Badalamenti. Interverranno: Claudia Pinelli, figlia dell'anarchico Giuseppe Pinelli, Osas Egbon, responsabile dell’associazione “Donne di Benin city”, Nino Rocca, della Rete sociale a sostegno della lotta alla tratta, Umberto Santino, presidente del CDS Giuseppe Impastato.

INFLU DAY: 800 CITTADINI SI VACCINANO A PALERMO

Open Day Vaccinazione
GRANDE AFFLUSSO NELLA POSTAZIONE MOBILE DELL’ENRICO ALBANESE
PALERMO 5 DICEMBRE 2016 – Sono state più di 800 le persone che a Palermo e provincia hanno sfruttato l’Open Day organizzato dall’Asp per effettuare la vaccinazione antinfluenzale. In tanti si sono anche presentati nella postazione mobile allestita nella terrazza a mare del Presidio “Enrico Albanese” di via Papa Sergio. L’iniziativa rientrava nell’ambito delle manifestazioni realizzate in occasione dell’Influ Day della Regione siciliana.

La vittoria del NO al referendum. Premier: “Mi prendo responsabilità”. M5S e Lega: “Subito voto”

Matteo Renzi
La riforma non passa: solo il 41% vota sì. Attesa per il Consiglio dei Ministri. Presidente della Repubblica: “Alta affluenza testimonia democrazia solida”. Esulta minoranza PD. Boccia chiede Congresso subito, ma direzione di domani potrebbe slittare. Tutte le reazioni. La commozione di Renzi, fotostoria di 1000 giorni di governo. Su Sky Tg24 la maratona continua
Il No stravince al referendum con il 59,11% contro il 40,89% dei Sì. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi annuncia la riunione del Cdm (prevista per le 18.30) dopo la quale salirà al Quirinale per dimettersi. "Mi assumo la responsabilità della sconfitta -  ha detto il premier - il governo finisce qui". Altissima la partecipazione al referendum: in Italia ha votato più del 68,48% degli aventi diritto. All'estero, invece, l'affluenza è stata del 30,74% (1.245.929 votanti) e i sì hanno prevalso con il 64,7% a fronte del 35,3% dei no. L'ipotesi maggiormente accreditata fino a questo momento è che Renzi possa restare fino all'approvazione della Legge di Bilancio da varare in Senato in tempi brevissimi, già entro venerdì.

CORLEONE, MERCOLEDI' PRESENTAZIONE DEL PROGETTO “VOLONTARIATO MIGRANTI”

Immigrati a Corleone
Mercoledì 7 dicembre prossimo, alle ore 11,00 presso i locali del Complesso Sant’Agostino, la Commissione Straordinaria illustrerà nel dettaglio agli organi di informazione ed alla cittadinanza il progetto di prossimo avvio concernente le attività di volontariato a beneficio della collettività, che saranno svolte dai migranti richiedenti asilo, temporaneamente accolti in un centro sito a Corleone. Le attività assolutamente volontarie e gratuite verranno svolte a supporto del personale comunale nei settori della piccola manutenzione e della cura del verde pubblico. L’iniziativa si inquadra in un più ampio contesto che mira a contrastare l’inattività dei migranti accolti e ad incentivare la conoscenza del territorio e lo scambio culturale per favorirne la coesione e l’integrazione.

Se la fiction cambia la storia della mafia...

ATTILIO BOLZONI
Dal “Padrino” all’ultimo film di Pif. Così il cinema riscrive Cosa Nostra. “Solo bugie” dice lo studioso John Dickie
Come può una grande bugia trasformarsi in verità? Basta diffonderla con convinzione, magari arricchendola di volta in volta di nuovi e intriganti dettagli che la fanno sembrare sempre più credibile e “autentica”. Oppure – come è capitato di recente in una fiction televisiva sui Medici – basta lanciare il falso per esigenze di spettacolo e far morire ammazzato il capostipite della famiglia mentre nella realtà si era serenamente spento nel suo letto. Ma ci sono favole e favole. E alcune più di altre continuano a confondere, come dimostra l’epopea della mafia inaugurata dal film Il Padrino diretto da Francis Ford Coppola e adattato dal romanzo di Mario Puzo. Una leggenda persistente vuole che Cosa Nostra abbia aiutato gli anglo- americani per lo sbarco in Sicilia del 10 luglio 1943. Un mito recentemente rilanciato dal film di Pif In guerra per amore. È vero? È falso? Risponde uno studioso che di queste vicende se ne intende: «Il problema è molto serio: la verità storica non sembra capace di smontare un mito costruito su una grossa balla». Con John Dickie, storico inglese conosciuto al grande pubblico italiano per i suoi pregevoli libri sulla criminalità organizzata e il Mezzogiorno, affrontiamo la querelle sullo “sbarco” a Gela e sulle polemiche che si sono riaccese sull’invasione alleata. Su quanto (non) sarebbe avvenuto nel luglio del ‘43. E su come la mafia – fra patti e ricatti e protezioni – avrebbe influenzato in seguito i destini della nostra libertà.

REFERENDUM: ANCHE A CORLEONE HANNO VINTO I CITTADINI E LA DEMOCRAZIA!

Corleone, l'ingresso dei seggi elettorali
Referendum istituzionale. Risultati definitivi Corleone: 
SI 1.260 (27,80%)NO 3.222 (71,12%) BIANCHE 12; NULLE 45; VOTANTI 51%.
A Corleone, come e più che in Italia, hanno vinto i cittadini e il loro amore per la libertà e la democrazia, che la Costituzione più bella del mondo (la nostra) ha garantito per oltre 70 anni. Ha perso la politica decisionista impersonata dall'idea di un uomo solo al comando. 
I cittadini vogliono contare, vogliono che il loro punto di vista venga preso in considerazione. 
A Corleone molti pensavano che i cittadini, delusi da una "casta politica" che ha condotto il comune allo scioglimento per mafia, non andassero a votare. Invece la maggioranza (il 51%) è andata a votare e nella stragrande maggioranza (il 71,12%) ha votato NO. Anche da noi è un voto per la democrazia e per la libertà, quelle che dobbiamo ricostruire con pazienza e con altrettanta determinazione. La ricostruzione inizia dalla bonifica del comune dalle scorie degli inquinamenti passati e chiamando a responsabilità di governo una nuova classe dirigente capace di amare davvero Corleone. 
Intanto, buon lavoro alla commissione straordinaria che questo lavoro faticoso e determinato l'ha iniziato. E noi vogliamo che lo porti a termine nei 18 mesi di tempo che ha avuto assegnati. (Dp)

sabato 3 dicembre 2016

Calcio. Il Corleone fa tremare il don Carlo Misilmeri. Ma la partita finisce 2-2

Le Brigate giallo-rosse incitano il Corleone
ATL. CORLEONE 2
DON CARLO MISILMERI 2
MARCATORI: 37’ p.t. A. Galluzzo; 15’ s.t. Pecorella; 23’ s.t. Cane; 30’ s.t. Orlando G.
ATLETICO CORLEONE: Zabbia, Governali (1’s.t. Mondello), Marino, Passiglia, Orlando, Tessitore, E. Sclafani, Cardella (1’ s.t.Lipari (32’ s.t. I. Sclafani), Pecorella, Cane, Simonetti.
DON CARLO MISILMERI: Parisi, Priola, Rizzo, S. Bonanno (24’ s.t. G. Orlando), D. Galluzzo, Namio (16’ s.t. Fumia), Crini, P. Bonanno, A.Galluzzo, Barvald, Reina (44’ s.t.Alfano).
ARBITRO: Giordano.
NOTE. Ammoniti: Tessitore, Cane (C), D. Galluzzo, Namio, Bonanno (M).
CORLEONE -  Partita ricca di emozioni e goal quella tra l'Atletico Corleone e il Don Carlo Misilmeri. Primo tempo equilibrato, con le squadre attente a studiarsi. Al 37’, però, a rompere l'equilibrio e a  sbloccare la gara sono gli ospiti, con un gran tiro in diagonale da fuori area di Alberto Galluzzo, su cui Zabbia non può fare nulla.

Corleone, nuove difficoltà nell'erogazione dell'acqua, ma il problema dovrebbe risolversi presto

Ecco l'avviso che il Comune di Corleone ha pubblicato sul proprio sito a proposito delle difficoltà nell'approvvigionamento idrico:
"SI AVVISA LA CITTADINANZA CHE A CAUSA DEI LAVORI DI MANUTENZIONE DELL’IMPIANTO DI SOLLEVAMENTO DEL LAGO DI PRIZZI, RESISI NECESSARI A SEGUITO DEI RECENTI EVENTI METEOROLOGICI AVVERSI CHE HANNO INTORBIDITO L’ACQUA, E’ STATO SOSPESO IL POMPAGGIO IN CONDOTTA DA PARTE DELL’AZIENDA “AMAP”. 

venerdì 2 dicembre 2016

GUSTAVO ZAGREBELSKY: "Preferisco il No al Sì, il No è innovativo, il Sì conservativo"

di GUSTAVO ZAGREBELSKY
CARO Eugenio Scalfari, ieri mi hai chiamato in causa due volte a proposito del mio orientamento pro-No sul referendum prossimo venturo e, la seconda volta, invitandomi a ripensarci e a passare dalla parte del Sì. La “pessima compagnia”, in cui tu dici ch’io mi trovo, dovrebbe indurmi a farlo, anche se, aggiungi, sai che non lo farò. Non dici: “non so se lo farà”, ma “so che non lo farà”, con il che sottintendi di avere a che fare con uno dalla dura cervice. I discorsi “sul merito” della riforma, negli ultimi giorni, hanno lasciato il posto a quelli sulla “pessima compagnia”. Il merito della riforma, anche a molti di coloro che dicono di votare Sì, ultimo Romano Prodi, appare alquanto disgustoso. Sarebbero piuttosto i cattivi compagni l’argomento principale, argomento che ciascuno dei due fronti ritiene di avere buoni motivi per ritorcere contro l’altro.

giovedì 1 dicembre 2016

APPELLO DEI SOCIALISTI PER IL NO

Compagne e compagni,
se è vero che prudenza ed esperienza ci inducono a non dare per certa una vittoria percepita, non è certamente imprudente prepararsi a gestire la difficile fase politica che si aprirà dopo il voto referendario e a predisporre idee, strumenti e iniziative per far fronte a due possibili scenari.
Se prevarrà il NO, verrà bloccato l’assalto all’impianto democratico della Costituzione. E’ questo un obiettivo essenziale ma dobbiamo essere consapevoli che non si bloccherà, da parte dello schieramento battuto, il tentativo di svuotamento dei contenuti di autonomia e del carattere di sovranità statale e democratica della Carta. I tentativi di rivincita riemergeranno anche perché vasto è il fronte, interno ed esterno, dai connotati non solo economici ma anche politici e culturali, che ormai colloca le Costituzioni dei popoli come reperti di archeologia, inadatte a farsi permeabili ai processi di globalizzazione, alle necessità di unificazione e omogeneizzazione della governance, alle leggi del mercato.

OPERAZIONE ANTIDROGA: ARRESTATO UMBERTO FIORILLO

Umberto Fiorillo
Pochi minuti fa, Umberto FIORILLO, nato a Casavatore (NA) il 26.11.1964, si è costituito presso il Comando Stazione Carabinieri di Casoria (Na). L’uomo ormai braccato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo, sentendosi in trappola, ha deciso di presentarsi in caserma consegnandosi ai Carabinieri, consapevole che i militari erano sulle sue tracce e che l’arresto era ormai imminente. Il FIORILLO è l’ultimo dei destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare, emessa dall’ufficio GIP del Tribunale di Palermo (dott. Lorenzo Jannelli) su richiesta della Procura distrettuale di Palermo diretta dal dott. Francesco Lo Voi, nei confronti di 7 persone ritenute responsabili di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti (74 D.P.R. 309/1990).
Durante le indagini i Carabinieri hanno accertato che l’uomo in più occasioni, aveva condotto l’autovettura che staffettava quella contenente lo stupefacente proveniente dal capoluogo campano. In una di queste occasioni, e precisamente nel giugno 2015, i Carabinieri avevano sequestrato 131 kg di hashish trasportati nel doppio fondo di un veicolo.


Flai-Cgil Palermo, domani sciopero all'azienda feudo Disisa: stipendi pagati sempre in ritardo

Uno scorcio di Feudo Disisa
“Stipendi pagati sempre in ritardo. Inammissibile per un'azienda sana, che vince premi per l'eccellenza dei suoi prodotti”, denuncia Tonino Russo, segretario generale della Flai-Cgil di Palermo.
Palermo 1 dicembre 2016 - Domani sciopero a oltranza, dichiarato dalla Flai Cgil Palermo, all'azienda agricola Feudo Disisa della famiglia Di Lorenzo, che ha vinto quest'anno al Vinitaly 2016 il premio speciale 5 Star Wines per il miglior vino bianco. La Flai sarà alle 7 davanti ai cancelli dell'azienda di Grisì, frazione del comune di Monreale, dove a occuparsi delle vigne, del grano e degli olivi, 500 ettari nel territorio Doc Alcamo e Doc Monreale per la produzione vitivinicola, ci sono circa 30 lavoratori agricoli a tempo determinato, chiamati dai quattro ai sei mesi l'anno per le varie fasi delle coltivazione.