giovedì 22 settembre 2016

Roccamena, sequestrato l’ex mattatoio comunale trasformato in maxi discarica

L'ex mattatoio di Roccamena sequestrato
E’ stata sequestrata dai carabinieri della compagnia di Corleone l’area dell’ex mattatoio comunale trasformato in discarica. Dopo la denuncia di Blog Sicilia sono scattati i controlli e le verifiche sulla zona. Sono in corso indagini per cercare di risalire alle responsabilità di questo scempio ambientale. Nell’area i militari hanno trovato di tutto. Da rifiuti ingombranti a tossici e pericolosi. Una bomba ecologica che adesso dovrà essere bonificata. Ancora un anno fa era l’area affidata dal Comune di Roccamena all’Ato di Monreale. L’area dell’ex mattatoio comunale era utilizzata come deposito dei mezzi della società che si occupava insieme a 17 comuni del monrealese della raccolta dei rifiuti.

Adesso è l’emblema della fine miserrima degli ambiti territoriali. Fallita la società sono rimaste le macerie di tutto quello che hanno rappresentato queste società per i comuni.
Cumuli di spazzatura di ogni tipo anche pericolosa. Auto e mezzi lasciati lì a marcire. Una maxi discarica pericolosa per i residenti di via Trappeto.
A due passi da quei cumuli di spazzatura ci sono abitazioni, uomini e donne che convivono con questo immondezzaio.
Adesso su queste cataste di spazzatura e rifiuti ingombranti abbandonati indagano i carabinieri. E’ stata presentata una denuncia con tanto di foto e già da ieri i militari stanno verificando e cercando di risalire ai responsabili di questo ennesimo scempio ambientale in provincia di Palermo.
“Il Comune è vittima di questa situazione – aveva detto ieri il sindaco di Roccamena Tommaso Ciaccio – Quella zona dell’ex mattatoio è stata affidata dal Comune alla società d’ambito quando si occupava della raccolta dei rifiuti. Qui venivano conservati i mezzi. Una volta che la società è fallita l’area è stata abbandonata. Evidentemente anche se ci sono i cartelli qualcuno continua ad abbandonare gli ingombranti. Un’operazione del tutto inutile visto che adesso c’è la nuova ditta che garantisce il servizio di raccolta e pensa lei a raccogliere questi rifiuti”.
Adesso prima che il Comune ripulisca la zona bisogna attendere l’esito delle indagini e le richieste della magistratura. Magistratura che potrebbe togliere i sigilli per consentire all’amministrazione di presentare un piano di bonifica. bisogna attendere.
BlogSicilia.it

Nessun commento: