lunedì 30 ottobre 2017

Operazione 'Nuova Alba' a Bagheria. Arrestati 16 esponenti di spicco di Cosa Nostra

Il boss Giuseppe Scaduto
OPERAZIONE ANTIMAFIA DEI CARABINIERI DI PALERMO.
ARRESTATI 16  ESPONENTI DI SPICCO DI COSA NOSTRA PER ASSOCIAZIONE DI TIPO MAFIOSO ED ESTORSIONI COMMESSE AI DANNI DI IMPRENDITORI LOCALI.
Nelle prime ore di questa mattinata, il Comando Provinciale Carabinieri di Palermo ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere che - sulla base dell’attività investigativa dei militari del Comando Compagnia Carabinieri di Bagheria - è stata emessa dal GIP presso il Tribunale di Palermo, su richiesta della Procura della Repubblica di Palermo - Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 16 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dall’ art. 7 d.l. n. 152/91, convertito in l.n. 203/91. Sono stati impegnati oltre 100 Carabinieri, con l’ausilio di unità cinofile e di un elicottero del 9° Nucleo di Palermo.
DICHIARAZIONE DEL COL. ANTONIO DI STASIO
L'E
LENCO DI TUTTI GLI ARRESTATI

Le risultanze investigative, acquisite nell’ambito di un’indagine convenzionalmente denominata “Nuova Alba”, hanno permesso di:
-     accertare l’appartenenza di alcuni soggetti all’organizzazione criminale denominata “Cosa Nostra”;
-     documentare alcune estorsioni commesse da suoi affiliati ai danni di imprenditori operanti nel territorio di Bagheria e nei comuni limitrofi;
-     ricostruire i mutevoli equilibri mafiosi del Mandamento di Bagheria, sempre capace di rigenerarsi dopo ogni operazione di polizia, con l’immediato rimpiazzo dei soggetti arrestati.
Nell’ordinanza di custodia cautelare sopra citata viene contestata ad alcuni indagati l’appartenenza alla famiglia mafiosa di Altavilla Milicia (PA), nel ruolo di soggetti preposti alla selezione delle vittime di estorsione e alla successiva riscossione delle somme di denaro, al sostentamento degli affiliati detenuti in carcere, nonché alla gestione monopolistica delle mediazioni immobiliari, imponendo provvigioni superiori a quelle di mercato.
Inoltre, sono state accertate una pluralità di condotte estorsive compiute da esponenti apicali del Mandamento mafioso di Bagheria ai danni di imprenditori locali i quali, operanti nel settore edile e nella fornitura di acqua minerale, sono stati costretti a consegnare ingenti somme di denaro a titolo di “pizzo”, ovvero ad assumere soggetti contigui all’organizzazione mafiosa.
Tra gli arrestati figura SCADUTO Giuseppe, già arrestato nel 2008 nell’ambito dell’operazione “PERSEO”, allorquando - al vertice del Mandamento mafioso di Bagheria - emergeva per il ruolo di promotore nella ricostruzione della Commissione Provinciale di Cosa Nostra e, dallo scorso aprile, tornato in libertà dopo un lungo periodo di detenzione.
Il provvedimento è stato notificato in carcere a DI SALVO Giacinto, altro esponente di spicco della consorteria mafiosa, già a capo del Mandamento mafioso di Bagheria dal 2011 fino al maggio 2013, quando venne arrestato nell’ambito dell’indagine denominata “ARGO”. Le indagini avevano permesso di ricostruire l’ascesa del predetto da capo famiglia a quello di reggente e cassiere delMandamento di Bagheria.
Nel medesimo contesto, è stato arrestato TRAPANI Giovanni ritenuto fino al 2010 a capo della famiglia mafiosa di Ficarazzi, destinatario di misura cautelare nell’ambito dell’operazione denominata “IRON MEN”.
Colpiti dal provvedimento anche i vertici storici della famiglia mafiosa di Altavilla Milicia, come LOMBARDO Franco, ritenuto a capo della famiglia mafiosa di Altavilla Milicia tra il 2011 e l’ottobre 2012 e, per breve periodo, reggente del Mandamento di Bagheria, nonché MODICA Michele, a capo della famiglia mafiosa di Altavilla Milicia fino al giugno 2014, allorquando venne arrestato nell’ambito dell’indagine “RESET”.
Per alcuni degli indagati, già detenuti, il provvedimento è stato notificato presso le Case circondariali di Palermo, Tolmezzo (UD) e Prato.

DICHIARAZIONE COL. ANTONIO DI STASIO, COMANDANTE PROVINCIALE DEI CARABINIERI DI PALERMO
 Nel contesto delle illustri scarcerazioni, dopo il ritorno in carcere di Giulio Caporrimo, ora è stato il turno di un altro reggente, Pino Scaduto, uscito lo scorso aprile. Entrambi sono emersi alle cronache giudiziarie per aver tentato, dopo il capo dei capi, Totò Riina, a ricostruire forme alternative di un’organizzazione di vertice di cosa nostra. In particolare, negli anni 2007/2008, Scaduto, insieme a Benedetto Capizzi, era stato il promotore del progetto di ricostituzione della commissione provinciale di Palermo. Mentre Caporrimo aveva organizzato, nel 2011, l’incontro di “Villa Pensabene” riunendo tutti i capi mandamento del capoluogo siciliano. Ancora una volta, è risultata premiante la sinergia tra la Procura e i Carabinieri e la solerzia degli organi giudicanti. Una ulteriore conferma che lo Stato c'è.

ELENCO SOGGETTI SOTTOPOSTI A MISURA CAUTELARE IN CARCERE_

SPECIALE Francesco, nato a Bagheria il 24.10.1966; ZIZZO Salvatore, nato a Santa Flavia (PA) il  06.09.1960; GUAGLIARDO Vito Lucio, nato ad Altavilla Milicia (PA) il 13.12.1962; D’UGO Damiano, nato ad Altavilla Milicia (PA) il 19.02.1951; URSO Vincenzo, nato ad Altavilla Milicia (PA) il 30.01.1947; SCADUTO Giuseppe, nato a Bagheria il 31.07.1946; CARBONE Andrea Fortunato, nato a Casteldaccia il 27.10.1965; MARSALA Nicola, nato a Sciara (PA) il 19.06.1957; VIRRUSO Antonino Giuseppe Maria, nato a Casteldaccia (PA) il 19.08.1955, già detenuto per altra causa presso la Casa Circondariale “Pagliarelli”  di Palermo; LIGA Pietro, nato a Palermo il 11.04.1966, già detenuto per altra causa presso la Casa Circondariale “Pagliarelli” di Palermo; DI SALVO Giacinto, nato a Bagheria il 17.05.1943, già detenuto per altra causa presso la Casa Circondariale “Pagliarelli”  di Palermo; LOMBARDO Andrea, nato a Palermo il 14.02.1981, già detenuto per altra causa presso la Casa Circondariale “Pagliarelli”  di Palermo; MODICA Michele, nato a Casteldaccia (PA) l’8.06.1955, già detenuto per altra causa presso la Casa Circondariale di Prato (PO); RIZZO Giovan Battista,         nato a Palermo il 15.06.1966già detenuto per altra causa presso la Casa Circondariale “Pagliarelli”  di Palermo; TRAPANI Giovanni, nato a Ficarazzi (PA) il 22.05.1956, già detenuto per altra causa presso la Casa Circondariale di Tolmezzo (UD); LOMBARDO Francesco, nato ad Altavilla Milicia (PA) il 16.01.1956, già detenuto per altra causa presso la Casa Circondariale “Pagliarelli” di Palermo.

Nessun commento: