mercoledì 16 ottobre 2013

Palermo, protocollo d'intesa tra comune e sindacati: "sviluppo, legalità, lavoro"

Un momento dell'incontro a Villa Niscemi
Firmato a Villa Niscemi protocollo "sviluppo, occupazione  e legalita'" nell'edilizia, tra comune sindacati e associazione costruttori. "Nei bandi del comune prevista l'assunzione di manodopera locale. Passo fondamentale per garantire il lavoro nel settore in crisi" 
Palermo 15 ottobre 2013 -   E' stato siglato questo pomeriggio a Villa Niscemi il "protocollo per lo sviluppo, l'occupazione e la legalità nell'edilizia"  che impegna, Comune, Organizzazioni sindacali e Associazione dei costruttori (Ance) a "fare sistema" per dare nuovi sbocchi al lavoro edile e tutelare l'occupazione nel settore. "Il protocollo ricalca quello già sottoscritto a luglio con l'amministrazione comunale. 
E impegna il Comune a prevedere  nei bandi di gara già pubblicati e in quelli di prossima uscita l'assunzione della manodopera locale da parte delle imprese vincitrici di appalti di manutenzione e di restauro  - dichiarano Mario Ridulfo,  Angelo Gallo e Antonino Cirivello, rispettivamente segretari provinciali di Fillea-Cgil, Filca-Feneal e Feneal- Uil - E' importante che oggi alla firma del protocollo abbia partecipato  l'Ance:  sindacati, amministrazione e datori di lavoro devono  muoversi sulla stessa lunghezza d'onda per dare una veria risposta alla crisi del settore".   Della delegazione sindacale hanno fatto parte anche Piero Ceraulo, Paolo D'Anca e Ignazio Baudo, di Fillea, Filca e feneaL.    
   Il protocollo impegna anche il Comune a discutere del piano trienanale delle opere pubblche, da poco approvato dal consiglio comunale,  con le organizzazioni sindacali e datoriali. "Abbiamo deciso di a di instaurare un tavolo  tecnico permanente, che si riunirà a giugno, settembre e gennaio,  in cui discutere della programmazione delle opere, per trasformare il cosideetto 'libro dei sogni' in interventi concreti per l'edilizia, programmando l'inserimentodelle somme in bilancio. Abbiamo chiesto a questo proposito di avviare un monitoraggio: ci sono tante opere incompiute che attendono, a partire  dal collettore fognario, come si è è visto in questi giorni fondamentale, per continuare  col passante ferriovuiario e il completamento del tram". I sindacati edili hanno anche affrontato il tema dell'edilizia privata e delle agevolazioni per le ristrutturazioni e la messa in sicurezza degli edifici nel centro storico. "Anche su questi argomenti l'impegno è di convocare un tavolo per recepire il protocollo anche nell'edilzia privata".  

Nessun commento: