sabato 22 dicembre 2012

La scomparsa di Salvatore Giuliano. Un nuovo libro di Giuseppe Casarrubea e Mario J. Cereghino


Giuseppe Casarrubea - Mario José Cereghino: "La scomparsa di Salvatore Giuliano. Indagine su un fantasma eccellente. L’inchiesta che ha riaperto il caso del bandito di Montelepre". Prefazione di Nicola Tranfaglia - Bompiani, pagine 360, € 12,50. In libreria da giovedì 3 gennaio 2013
Castelvetrano (Sicilia), 5 luglio 1950. Il corpo di un giovane uomo giace bocconi in un cortile del centro storico. La notizia dell’uccisione di Salvatore Giuliano fa il giro del mondo in poche ore. Ma non tutti credono alla versione raccontata dai Carabinieri. “Di sicuro c’è solo che è morto” scrive qualche giorno dopo, su “L’Europeo”, un giornalista di razza come Tommaso Besozzi. Chi è veramente il “Re di Montelepre”? Un Robin Hood del XX secolo che ruba ai ricchi per dare ai poveri? O un terrorista nero al soldo di mafia e servizi segreti nel periodo in cui si profila la nascita di Gladio? L’affaire Giuliano sembrava ormai consegnato agli annali della storia criminale italiana, una leggenda raccontata per decenni da rotocalchi scandalistici, documentari, film e quotidiani in vena di scoop.
Ma lo studio di centinaia di carte – desecretate negli ultimi anni e provenienti dagli archivi americani, inglesi e italiani – hanno convinto Casarrubea e Cereghino a chiedere alla Procura di Palermo di riaprire le indagini su ciò che avvenne realmente in quella notte d’estate siciliana. Basato su testimonianze e documenti di prima mano, La scomparsa di Salvatore Giuliano è un cold case all’italiana che non mancherà di sollevare polemiche e interrogativi inquietanti sulle origini della nostra Repubblica.
Giuseppe Casarrubea storico, ha scritto Intellettuali e potere in Sicilia (1983), Portella della Ginestra (1997) e Storia segreta della Sicilia (Bompiani, 2005). È presidente dell’associazione “Non solo Portella” e dirige a Partinico l’Archivio Casarrubea (www.casarrubea.wordpress.com), dedicato alla memoria di suo padre, dirigente sindacale assassinato nel 1947.
Mario José Cereghino si occupa di archivi statunitensi e britannici. Collabora con il quotidiano la Repubblica. Per Bompiani ha pubblicato, con Vincenzo Vasile, Che Guevara Top Secret (2006) e, con Giuseppe Casarrubea, Tango Connection (2007) e Lupara Nera (2009). Con Giovanni Fasanella ha scritto Il golpe inglese (2011).

Nessun commento: