giovedì 23 ottobre 2014

Corleone, il sindaco Savona: "Solidarietà al presidente Gambino, ma rigettiamo con forza le sue insinuazioni..."



Il sindaco Lea Savona
Con riferimento all’intimidazione subita dal presidente del Consiglio Comunale Stefano Gambino, Il  Sindaco di Corleone Lea Savona, unitamente alla Giunta tutta, facendo seguito agli attestati di solidarietà già posti in essere privatamente, ribadisce, con il presente comunicato, la vicinanza al Presidente del Consiglio per il vile ed intollerabile gesto subito. Tanto posto, tuttavia, in relazione all’articolo oggi apparso sul Giornale di Sicilia sul triste accaduto, in cui il presidente del Consiglio Comunale Stefano Gambino associa l’intimidazione subita alla sua attività di opposizione alla giunta di Lea Savona, corre obbligo rigettare con forza qualsiasi tipo di addebito al riguardo, nonché qualsiasi basso tentativo di strumentalizzare la gravità di quanto verificatosi per fini politici e di parte.
L’impegno della Giunta e del Sindaco per lo sviluppo del principio di legalità e per il progresso culturale e sociale di tutta la Comunità corleonese sono infatti di limpidezza cristallina, per cui associare un evento intimidatorio con le caratteristiche tipiche del modus agendi mafioso all’attività di opposizione politica alla Giunta stessa rappresenta una condotta altamente lesiva ed offensiva della dignità del Sindaco e dei suoi consiglieri.
Ci si riserva pertanto sotto questo profilo di agire in tutte le sedi civili e penali onde tutelare la propria immagine e la propria rispettabilità.
Corleone lì, 23 ottobre 2014

1 commento:

Anonimo ha detto...

Una Cristiana come Lea non può essere mafiosa.