CFC - CENTRO FISIOTERAPICO DEL CORLEONESE

sabato 16 gennaio 2021

Una borsa di studio dedicata a Pippo Vetrano, operatore del Gal stroncato dal Covid. L’ha deciso l’Università di Catania

Pippo Vetrano

Con la voce rotta dall’emozione, è stata la moglie Anna Maria Alfano a darne notizia: “Ho il piacere di comunicarvi che il Consiglio di Dipartimento di scienze politiche dell’Università di Catania ha deliberato positivamente sulla manifestazione di interessi per la concessione di un premio per la partecipazione al Master di II livello in management di sviluppo locale, alla memoria di Pippo Vetrano. Già dal prossimo bando di Master 2021 sarà disponibile una borsa di studio  “Gal di Sicilia Pippo Vetrano”  per mantenere vivo il suo ricordo”. “Sono felice ed emozionata - conclude Anna Maria - Pippo è riuscito a metterci tutti insieme all’unisono”. 

Pippo Vetrano, originario di Bisacquino ma conosciuto in tutta la Sicilia, è stato ucciso dal Covid 19. Era da tempo uno dei più capaci e stimati operatori del Gal Sicilia Centro Meridionale. 

“È stato  un grande onore conoscerlo, apprezzarlo e lavorare insieme a lui ”, ha detto l’architetto Olindo Terrana, Direttore del Gal Sicilia Centro Meridionale, di cui fanno parte 13 comuni della provincia di Agrigento. 

Pippo Vetrano è stato consapevole e attivo interprete delle istanze “bottom up” della programmazione territoriale in Sicilia. “Attento osservatore delle dinamiche territoriali- sottolinea il direttore del Gal Scm- e convinto assertore delle politiche concertative e negoziali, con il suo carattere garbato e determinato si è sempre distinto per la costante disponibilità al confronto per trovare le migliori soluzioni alle problematiche comuni di democrazia partecipativa. La sua perdita ha lasciato un vuoto incolmabile alla famiglia e in tutti noi (Marcello Troia, Angelo Palamenghi, Alessandro La Grassa, Sebastiano di Mauro, Dario Costanzo, Salvatore Tosi e tanti altri ancora) che lo abbiamo avuto come amico e compagno in tanti impegni professionali e di vita”.

Adesso la borsa di studio in suo onore è un bel modo per ricordarlo e continuare a raccontare alle giovani generazioni di questo “ragazzo” nato in uno dei comuni interni della Sicilia che sognava un futuro diverso per la sua terra e a questo futuro ha dedicato buona parte della sua esistenza. Grazie ancora, Pippo!

Dino Paternostro

4 commenti:

Ridulfo Calogero ha detto...

E' stata un grande tristezza per me apprendere che l'amico Pippo Vetrano non è più fra noi. Ed è una bella emozione sapere che l'Università di Catania ha dedicato una Borsa di Studio alla sua memoria. Ricordo di averlo conosciuto nel lontano 1993, quando ebbi a far parte del Gruppo di Azione Locale del Progetto LEADER "Terre del Sosio". Una esperienza molto bella e costruttiva, che ha fatto crescere tutti noi operatori, tra i quali Pippo si affermò presto come guida e coordinatore, per la sua preparazione e la sua competenza, che sempre più nel corso degli anni ne ha fatto uno dei più bravi attori dello Sviluppo Locale nell'ambito delle politiche comunitarie. Un affettuoso abbraccio vada alla dolce e carissima moglie Anna Maria e ai figli, ai quali Pippo ha lasciato certamente un vuoto incolmabile, ma un ricco patrimonio di buoni valori. La loro forza sia l'energia migliore per dare linfa vitale al ricordo di un uomo che ha lasciato, attraverso il suo impegno nelle azioni di sviluppo della nostra terra, un patrimonio che non può andar perso.

Ridulfo Calogero ha detto...

E' stata un grande tristezza per me apprendere che l'amico Pippo Vetrano non è più fra noi. Ed è una bella emozione sapere che l'Università di Catania ha dedicato una Borsa di Studio alla sua memoria. Ricordo di averlo conosciuto nel lontano 1993, quando ebbi a far parte del Gruppo di Azione Locale del Progetto LEADER "Terre del Sosio". Una esperienza molto bella e costruttiva, che ha fatto crescere tutti noi operatori, tra i quali Pippo si affermò presto come guida e coordinatore, per la sua preparazione e la sua competenza, che sempre più nel corso degli anni ne ha fatto uno dei più bravi attori dello Sviluppo Locale nell'ambito delle politiche comunitarie. Un affettuoso abbraccio vada alla dolce e carissima moglie Anna Maria e ai figli, ai quali Pippo ha lasciato certamente un vuoto incolmabile, ma un ricco patrimonio di buoni valori. La loro forza sia l'energia migliore per dare linfa vitale al ricordo di un uomo che ha lasciato, attraverso il suo impegno nelle azioni di sviluppo della nostra terra, un patrimonio che non può andar perso.

DINO PATERNOSTRO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Inserisco con piacere questo commento per conto del prof. Calogero Ridulfo, che ha difficoltà tecniche ad inserirlo:
“ E' con profonda tristezza che ho appreso della scomparsa del caro amico Pippo Vetrano. Reputo, allo stesso tempo, che la decisione dell'Università di Catania di dedicare una Borsa di Studio alla sua memoria sia il giusto riconoscimento all’impegno di un uomo che ha dedicato la sua attività professionale alle azioni di sviluppo delle comunità locali di Sicilia. Ricordo di averlo conosciuto nel lontano 1993, quando ebbi a far parte del Gruppo di Azione Locale del Progetto Comunitario LEADER "Terre del Sosio". Una esperienza molto positiva, un’occasione di crescita per tutti noi operatori, tra i quali Pippo si affermò presto come guida e coordinatore, per la sua preparazione e la sua competenza, che sempre più nel corso degli anni ne ha fatto uno dei più bravi attori dello Sviluppo Locale nell'ambito delle politiche Comunitarie. Un affettuoso saluto e un caro abbraccio vada alla dolce moglie Anna Maria e ai figli, ai quali Pippo ha lasciato certamente un vuoto incolmabile. La loro forza sia l'energia migliore per continuare a dare linfa vitale al ricordo di un uomo che ha lasciato, attraverso il suo impegno nelle azioni di sviluppo locale, un patrimonio che non può andar perso”.
PROF. CALOGERO RIDULFO