venerdì 15 maggio 2020

Lo storico Salvatore Lupo: "L’unificazione italiana. Mezzogiorno, rivoluzione, guerra civile"


Spetta al professor Salvatore Lupo l’introduzione e codificazione di un nuovo paradigma interpretativo del brigantaggio postunitario, che è quello di guerra civile. 
Il riferimento va alle sue opere  “Il grande brigantaggio. Interpretazione e memoria di una guerra civile” in “Storia d'Italia Einaudi, Annali XVIII, Guerra e Pace”, a cura di W. BARBERIS, Einaudi, Torino 2002 e specialmente “L’unificazione italiana. Mezzogiorno, rivoluzione, guerra civile”, Donzelli, Roma 2011. Il Lupo ritiene che la vecchia spiegazione del brigantaggio quale rivolta contadina e primitiva lotta di classe, cara a Franco Molfese e teorizzata dallo storico inglese Eric J. Hobsbawm con un’analisi transculturale, sia erronea, come in verità avevano finito con il riconoscere gli stessi Molfese ed Hobsbawm. 

Egli invece propone una spiegazione che riconosce in esso una natura ibrida. Lo studioso siciliano rintraccia le forti componenti criminali delle bande brigantesche postunitarie, che però furono manovrate ed appoggiate da forze propriamente politiche loro esterne, mosse dal progetto di una restaurazione borbonica.
Il professor Lupo inserisce quindi il brigantaggio successivo all’Unità in un contesto temporale e spaziale allargato, dato dal lungo conflitto fra “rivoluzione” e “reazione” in Europa a partire dalla fine del secolo XVIII sino agli anni Sessanta del XIX.
I briganti, delinquenti e mercenari assieme, furono sostenuti da gruppi borbonici dopo la caduta del regno delle Due Sicilie, proseguendo una consuetudine di strumentalizzazione delle bande che risaliva almeno sino all’armata della Santa Fede del Ruffo. La lotta contro il brigantaggio s’inserì quindi in quella guerra civile, non fra Nord e Sud, bensì interna al Mezzogiorno stesso, fra unitari ed autonomisti, ossia liberali e legittimisti, che si protraeva da molti decenni.
L’opera del professor Pinto, “La guerra per il Mezzogiorno”, si pone idealmente in prosecuzione ed approfondimento delle prospettive teoriche suggerite da Salvatore Lupo.

Nessun commento: