venerdì 15 maggio 2020

Il Sunia suona l'allarme sul disagio ormai cronico degli ultimi a Palermo


PALERMO 15 MAGGIO 2020 - Lei Sara, appena 24 anni, mamma single di un bambino di 4 anni, reddito di cittadinanza 140 € mensili, perché risulta ancora residente con i genitori pensionati, aveva presentato l’istanza per l’iscrizione anagrafica nel novembre del 2018, deve aspettare ancora perdendo cosi anche gli aiuti economici nazionali, regionali e comunali oppure come lo zio Mariano, pensionato con un figlio minore per il quale perde tutti i sussidi economici, e forse un anno di scuola, i casi simili a quello di Sara e lo zio Mariano sono decine in tutta la città.

Il Sunia, Sindacato degli inquilini suona l’allarme sul disagio sociale della città  e sul quale nemmeno la pandemia corona virus, riesce ad influire e  sbloccare gli ingranaggi ossidati della macchina amministrativa della città di Palermo, decine di famiglie e di cittadini restano sempre e comunque invisibili al governo della città, alle misure lentissime e inadeguate, la moltiplicazione degli organismi ed enti impegnati alla distribuzione alimentari, più o meno volontari, creando solo confusione ed incertezze, l’assistenzialismo ha prevalso sui valori di cittadinanza.
A cosa serve una moltiplicazione degli organismi (come quelli proposti nel piano Sud 2030) se poi è l’amministrazione stessa a svuotare questi di compito e di competenza, è avvenuto con l’osservatorio per l’emergenza abitativa, reso quasi unicamente organismo di testimonianza, come è avvenuto per l’agenzia sociale per la casa, la quale avrebbe dovuto avere un ruolo determinante nella gestione del disagio legato alla pandemia, invece è stata del tutto marginale al limite della inesistenza.
La politica tutta, a partire dai governi della città, dovrebbe incarnare la democrazia, ed agire nel concreto di conseguenza, l’autosufficienza della politica è residuale di una cultura passata e per fortuna sconfitta, l’approvazione da parte del consiglio comunale del regolamento politiche sociali, sorpassando il confronto nel merito con il sindacato ha il sapore amaro di una regressione culturale.


Nessun commento: