giovedì 6 giugno 2019

Vogliamo essere comunità: abbiamo aperto la Casa del Popolo - Palermo!

La Casa del Popolo in via Cavour a Palermo
Lo avevamo detto, lo avevamo promesso: vogliamo recuperare gli spazi abbandonati dalle istituzioni e vogliamo farli tornare a essere utili alla comunità, al quartiere, a tutta la città. È per questo che abbiamo deciso di farci carico dell’ex Istituto Nazionale Sordomuti di via Cavour, 6 a Palermo e di trasformarlo in uno spazio aperto, necessario e utile, in cui tutte e tutti possiamo svolgere attività che fanno solo bene alla società e al quartiere: doposcuola popolare, sportello per il lavoro e contro lo sfruttamento, insegnamento dell’italiano agli stranieri, sportello emergenza abitativa, raccolta e distribuzione indumenti, biblioteca e aule studio. Oggi siamo tutte e tutti in qualche modo insultati dai potenti: buttate/i fuori di casa perché povere/i e senza la possibilità di avere una casa popolare, licenziate/i, sfruttate/i, discriminate/i per quello che siamo, prese/i in giro da chi promette benessere e pensa solo alle sue tasche. 

Ecco: le nostre esigenze devono riacquistare visibilità dopo anni in cui sono diventate invisibili, inesistenti nelle proposte della politica di palazzo di ogni colore e schieramento.
Abbiamo tutte e tutti bisogno di combattere, di pensare alle ultime e agli ultimi, a tutti noi che ci sentiamo lontani, rassegnati a guardare crescere i nostri figli e le nostre figlie senza un futuro chiaro per loro, rassegnati a dovere vivere in una terra che non ci dà opportunità. 
E allora abbiamo deciso di prendere uno spazio, di sistemarlo, di migliorarlo, di renderlo utile, di farne un luogo per costruire una comunità che si vuole rialzare e vuole dare dignità a tutte e tutti. 
Da sempre non ci siamo mai rassegnate/i all’esistenza di spazi enormi, inutilizzati, abbandonati, perché abbiamo sempre visto in tutta la nostra città tante persone e tanti soggetti politici, artistici, con una grande forza di volontà e una grande voglia di mettersi in gioco, con una grande voglia di sfuggire al destino dell’emigrazione e di un sud che non promette niente a nessuno e non garantisce niente a nessuno, di mettersi al servizio delle altre e degli altri, cercando di offrire quello che ognuno ha da dare, per competenze, voglia, passione. 
Così abbiamo deciso di mettere su una casa del popolo per svolgere attività di mutualismo, eventi artistici, attività per persone di tutte le età, laboratori, spettacoli, mostre, perché questo spazio lo popoli chiunque non ha mai trovato un posto dove esprimere la propria creatività, le proprie passioni, i propri interessi.
Vogliamo anche lanciare percorsi di mobilitazione a partire dalle nostre concrete esigenze: dal lavoro al territorio, dalle scuole alle università, dalla casa alla sanità e via così, per ampliare la nostra partecipazione politica e costruire insieme delle proposte concrete.
La casa è aperta a tutte e tutti, e sarà uno spazio inclusivo, gestito da chiunque voglia mettersi al servizio della comunità... ed è questo uno dei suoi valori fondanti: un modello non privatistico ma circolare e aperto di gestione dello spazio, per un progetto unitario tra persone e forze diverse!
La casa del popolo è per tutte e tutti: per chi è stato licenziato, per chi è sfruttato, per chi non ha una casa o occupa uno spazio e vuole riconosciuta la dignità che spetta a tutte e tutti dalle istituzioni, per tutte le ultime e gli ultimi, per chi vuole mettersi in gioco e cercare di cambiare le cose!
Insomma, vogliamo costruire una comunità che abbia bene in mente che la società di oggi dominata dall’individualismo, una società che ci vuole separati, la dobbiamo combattere! Dobbiamo andare contro tutti coloro che ci vogliono distanti, che ci vogliono sospettosi, razzisti, fascisti, omofobi, transfobici, chiusi, poveri, ultimi e rifiutati da tutti... e questo è il nostro modo per rispondergli! 
Gli spazi abbandonati devono diventare spazi sociali, di tutte e tutti, per il quartiere, per il popolo! 

“Quando tutto è o pare perduto, bisogna rimettersi tranquillamente all’opera, ricominciando dall’inizio” (A.Gramsci)

LE ATTIVITÀ (elenco in aggiornamento eh... Venite a proporne altre!): 
doposcuola popolare e tempo d’estate 
Sportello per il lavoro e contro lo sfruttamento 
Sportello emergenza abitativa 
Raccolta e distribuzione indumenti 
Insegnamento italiano L2
Biblioteca e aule studio 

LA GESTIONE
Tutte e tutti possono partecipare alla gestione della casa del popolo... bastano solo un po’ di passione e di impegno! 

Casa del Popolo Palermo

Nessun commento: