mercoledì 12 giugno 2019

La storia. Ibrahim e la sua nuova famiglia: “È un figlio a tutti gli effetti”

di CLAUDIA BRUNETTO 
Ibrahim fa parte della loro famiglia da un anno e mezzo. Quando è arrivato a casa aveva appena compiuto 18 anni e aveva lasciato lo Sprar dove era stato ospite fino a quel momento. La famiglia Maniscalco è una di quelle che ha risposto all’appello di Refugees Welcome e che ha aperto le porte della sua casa a Ibrahim, originario della Guinea. Uno dei tanti neo maggiorenni che usciti fuori dalla rete di protezione dei minori stranieri non accompagnati rischiava di finire in strada.

«E’ come un figlio a tutti gli effetti — dice Giando Maniscalco, 67 anni, dirigente regionale in pensione — Ogni volta che al ricevimento dei professori ci raccontano che ha ottimi voti mi sento orgoglioso come un padre. Ecco provo un rinnovato orgoglio paterno». Ibrahim che come tanti migranti è arrivato in Sicilia a bordo di un gommone affrontando da solo un lungo viaggio pieno di rischi frequenta il terzo anno dell’istituto Nautico e vuole diventare capitano di coperta dopo che avrà conseguito il diploma. La famiglia Maniscalco ha già due figli di 31 e 32 anni che adesso studiano e lavorano lontano da Palermo.
«Con loro e con mia moglie Patrizia Picciotto — dice Maniscalco — abbiamo da subito condiviso questa scelta. Dico sempre che si può quel che si fa e non il contrario, e noi siamo l’esempio concreto di questo. Ibrahim vive in casa nostra con i tempi e l’organizzazione di un ventenne. All’inizio ci siamo posti delle semplici domande, come, per esempio, “ avrà le chiavi di casa?” La risposta è stata “ ovviamente sì” perché le deve usare e deve potere uscire ed entrare in base alle sue necessità».
La casa dei Maniscalco è stata sempre aperta agli amici e alle fidanzate dei figli, per loro non c’è altro modo di intendere la famiglia.
«Siamo una famiglia a fisarmonica — dice il capofamiglia — A volte siamo in cinque, a volte siamo in tre, a volte di più. Ciascuno di noi ha una responsabilità verso i figli o verso i proprio cari in genere per esempio. In questo caso si tratta di assumersi una responsabilità in più. Per noi è del tutto normale. Non c’è nulla di eccezionale in quello che facciamo. Amici e parenti ci hanno sempre sostenuto, anche mia madre novantenne è entusiasta della nostra scelta».
Ibrahim è « una macchina di energia » , come racconta suo « padre » . « Ama tutti gli sport — dice Maniscalco — Dal calcio al nuoto alla bicicletta. Condividiamo anche tante passioni insieme. Ogni fine settimana andiamo in campagna e abbiamo in comune anche diverse letture. Ha conosciuto l’opera di Sciascia, per esempio, e ha cominciato a leggere i suoi libri».
La famiglia sostiene tutte le spese di Ibrahim: dallo studio allo sport, dallo svago alla salute. «Proprio come si fa con un figlio — dice Maniscalco — Noi lo sosteniamo, lui adesso ha il compito di studiare e di costruirsi un futuro. Finché non sarà autonomo, ma anche dopo, noi ci saremo ».
Ecco perché, quando un anno e mezzo fa in questura hanno compilato il modulo per definire le modalità di accoglienza in casa di Ibrahim, alla domanda “ per quanto tempo?”, hanno risposto “ a tempo indeterminato”. «Si tratta di un legame forte — dice Maniscalco — che non può avere una scadenza sulla carta».
La Repubblica Palermo, 11 giugno 2019

Nessun commento: