giovedì 27 febbraio 2020

Domenica il Rotary ha festeggiato il 115° compleanno

Il presidente Salvatore Raimondi (secondo da sx) ed altri rotariani corleonesi

Il 23 febbraio i rotariani di tutto il mondo hanno celebrato il Rotary Day, l’anniversario della fondazione del Rotary a Chicago nel 1905. Paul Harris ebbe l’intuizione di mettere insieme persone di diverse professionalità ed esperienze per poter fare del bene nel mondo. I rotariani sono oggi oltre un milione e duecento mila riuniti in oltre 30 mila club.
Nel Distretto 2110 Sicilia e Malta, il Rotary Day è anche l’occasione per far conoscere l’associazione.

“Il Rotary – afferma Valerio Cimino, Governatore del Distretto 2110 Sicilia - Malta – festeggia il 115° anniversario dalla fondazione rinnovando il proprio impegno al servizio a favore degli ultimi. Di grande rilievo il progetto End Polio Now per l'eradicazione della polio nel mondo. In circa 30 anni di lavoro i rotariani hanno contribuito a vaccinare oltre 2,5 miliardi di bambini nel mondo riducendo il numero dei casi da 300 mila all'anno a poco più di cento, limitati solo a Pakistan e Afghanistan”.
Con la collaborazione ed il riconoscimento dei comuni dell’isola la bandiera del Rotary International è stata esposta nei municipi di moltissime città e paesi: Palermo, Catania, Caltanissetta, Siracusa, Delia, Enna, Trapani ed anche Acicastello, Barcellona Pozzo di Gotto, Castroreale, Corleone, Gela, Lentini, Licata, Menfi, Milazzo, Motta S. Anastasia, Noto, Paceco, Palma di Montechiaro, Paternò, Piedimonte Etneo, San Cataldo, Sant’Agata di Militello, Sciacca, Terme Vigliatore, Vittoria.
I club, in concomitanza, hanno organizzato iniziative di servizio e di raccolta fondi da destinare ai progetti rotariani.
Nella nostra zona il Club di Corleone, presieduto da Salvatore Raimondi, ha esposto la bandiera del Rotary presso il Palazzo Municipale e ha organizzato sabato 22 febbraio un banco alimentare presso i supermercati di Corleone, con distribuzione dei prodotti raccolti alle famiglie bisognose individuate dai parroci.

Nessun commento: