venerdì 1 luglio 2016

Il Comitato "Liberi Cittadini Corleone": Il comune ha concesso per 2 anni il servizio ad Amap, ma sarebbe stata meglio la gestione diretta...

Comunicato del Comitato Spontaneo “Liberi Cittadini Corleone” circa
 l’affidamento del Servizio Idrico Integrato all’Amap da parte del Comune di Corleone,
in riferimento alla seduta consiliare del 30 giugno 2016.
A seguito di una movimentata seduta del Consiglio Comunale, è stata approvata, con n. 6 voti favorevoli (Di Miceli, Lupo, Macaluso, Provenzano, Sorisi,  Vintaloro) e n. 3 astenuti (Bruno, Cardella, Scianni), la proposta di deliberazione con la quale si è affidata all’Amap la gestione del Servizio Idrico Integrato per due anni, dal 1 febbraio 2016 al 31 gennaio 2018. L’atto deliberativo è di immediata esecuzione.

Subito dopo il prelievo del punto all’o.d.g. proposto dal Consigliere Calogero Di Miceli, hanno abbandonato l’aula il Presidente Stefano Gambino e il Consigliere Pio Siragusa. Il primo perché riteneva che non ci fosse il numero legale  sufficiente per approvare un affidamento/convenzione e il secondo perché riteneva che ci fossero le condizioni con decorrenza immediata della gestione di tale servizio da parte del Comune.
Tutti i Consiglieri Comunali, nel corso della seduta, hanno preso visione del documento trasmesso dal “Comitato Liberi Cittadini Corleone” e, sebbene ne abbiano condiviso l’iniziativa, hanno deliberato di affidare tale servizio all’Amap, ritenendo che, nonostante la chiarezza della normativa a proposito, manchino le condizioni perché tale servizio venga gestito direttamente dal Comune.
Benché consapevoli dei tempi relativi all’iter procedurale, come Comitato, ribadiamo ancora una volta che il servizio debba essere gestito direttamente dal Comune, ai sensi della Legge Regionale n. 19 del 11.8.2015 -“Disciplina in materia di risorse idriche” art. 4 comma 7- nella considerazione che sono state inserite volutamente dal legislatore delle virgole nella dicitura: “i comuni possono provvedere alla gestione in forma diretta e pubblica del servizio idrico, in forma associata, anche ai sensi dell’art.30 del decreto legislativo 18 agosto n. 2000, n. 267, attraverso la costituzione di sub-ambiti (...)”. Tutto questo va sottolineato poiché in netto contrasto con quanto affermato da parte del Responsabile del V° Settore Ing. Gennaro,  in risposta al quesito posto dal consigliere Scianni durante la seduta consiliare.
In questo momento e in mancanza di alternative, per evitare che il Comune di Corleone possa rimanere vacante della gestione del servizio idrico integrato, con conseguenti ulteriori disagi alla cittadinanza, è condivisibile l’affidamento del servizio all’AMAP. Non è giustificabile, invece, l’affidamento del servizio per la durata di 2 anni, riteniamo infatti che al massimo si sarebbe dovuto prevedere un rinnovo di tipo annuale, nelle more di verificare la possibilità della gestione del servizio da parte del Comune.
Si constata l’assenza del Sindaco, fatta rilevare in varie occasioni dal Consigliere Scianni  e di 7 consiglieri comunali Cancemi, Gambino Benedetto, Labruzzo, Nicosia, Paternostro, Piazza, Schillaci in attesa che i due consiglieri subentranti Liborio Grizzaffi e Fausto Iaria accettino di ricoprire la carica di Consigliere Comunale, al fine di ripristinare il quorum del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari.
Questo Comitato ribadisce ancora una volta che non fa riferimento a nessuno schieramento politico-ideologico, ma è solamente una espressione di liberi cittadini, che vogliono attenzionare le problematiche del Comune nel quale risiedono e offrire il loro contributo per la ricerca di possibili risoluzioni. Per tale ragione, si preannuncia che il sottoscritto Comitato si occuperà delle numerose altre problematiche emerse in sede di pubblica assemblea cittadina: raccolta dei rifiuti solidi urbani, raccolta differenziata e viabilità interna ed esterna…et cetera…
Pur essendovene i presupposti, come Comitato non abbiamo mostrato accanimento contro alcuno e pertanto chiediamo solo di essere RISPETTATI e CONSIDERATI, in quanto cittadini attivi e in quanto elettori.
Nessuno si deve permettere di trattarci come carta straccia.
Da oggi, non ci sono più scuse, l’Amap sarà a tutti gli effetti il Gestore Idrico Integrato, per conto del Comune di Corleone, e come tale deve rendere un servizio ottimale in favore della Cittadinanza ed attivare da subito, nei momenti di necessità, la propria Carta dei Servizi per evitare che possano essere provocati dei disagi alla cittadinanza, come quelli avvenuti dalla fine di maggio 2016 al 22 giugno 2016.
I cittadini per eventuali (anomalie, disfunzioni, reclami, segnalazioni) devono contattatore l’AMAP S.p.A. mediante il numero verde 800915333 e per (autolettura contatori) numero verde 800914348.
Dopo la stipula del contratto, il Comune deve provvedere obbligatoriamente all’assegnazione di locali idonei nei confronti dell’Amap per permettere di garantire il regolare svolgimento del servizio in favore dei cittadini, che così potranno soddisfare tutte le loro richieste in loco.

Il Comitato invita il Settore di competenza, a vigilare sul corretto svolgimento del servizio da parte dell’AMAP ed attenzionare, maggiormente, la qualità dell’acqua che viene erogata ai cittadini.

Nessun commento: