venerdì 23 marzo 2018

L’ospedale di Corleone è sempre più una risorsa

L'Ospedale di Corleone

Ieri il sen. Giuseppe Lumia ha visitato l’Ospedale di Corleone. Ha trovato operatori sempre motivati, che con impegno e sacrificio fanno funzionare una struttura importante per la salute dei cittadini di un comprensorio molto vasto, di circa 100 mila abitanti. Ormai è completata la ristrutturazione del corpo A (la vecchia ala), dove è già stata trasferita la chirurgia, e dove presto si trasferiranno la pediatria e la geriatria.
Ultimamente anche l’organico si sta rafforzando. È arrivato un medico incaricato in chirurgia ed un altro arriverà a breve. In pediatria sono arrivati quattro medici titolari. In radiologia tre medici, che si affiancano ai due che già c’erano. Sono arrivati due medici titolari in geriatria, un medico incaricato in medicina, un medico al pronto soccorso, un medico in direzione sanitaria. In sofferenza sono invece gli infermieri con 7 unità in meno e le ostetriche, a causa di tre unità in astensione per maternità non sostituite. Il sen. Lumia ci ha inviato la nota che di seguito pubblichiamo (dp)
 --------------------------------
di GIUSEPPE LUMIA
L’ospedale di Corleone è sempre più una risorsa. Altro che problema! È stato un cammino lungo, faticoso, con alti e bassi ma adesso sembra finalmente vedersi un po’ di luce per fare dell’ospedale di Corleone una realtà moderna e avanzata. La lotta è stata lunga, addirittura la mia prima manifestazione da parlamentare appena eletto è stata proprio dedicata all’ospedale di Corleone per impedirne allora la chiusura. Poi con gli operatori sanitari, con le organizzazioni sindacali, con l’allora Sindaco Cipriani e il comitato civico iniziò un percorso per raggiungere 3 obiettivi:

 1. Costruire un ospedale nuovo. In buona parte ci siamo riusciti, adesso manca solo il completamento ed è fatta.
 2. Mantenere le principali funzioni. Abbiamo salvato così la psichiatria, la ginecologia ed ostetricia, la pediatria e adesso la chirurgia e faremo di tutto per salvare anche la cardiologia. Non è stato facile ma questo impegno è stato mantenuto.
 3. Evitare che l’ospedale venisse spogliato dei suoi migliori operatori a vantaggio di professionisti che acquisivano il titolo a tempo indeterminato a Corleone e così chiedere facilmente il trasferimento a Palermo. Abbiamo contrastato questa pratica e adesso bisogna far di tutto perché sia l’ospedale che il distretto siano composti da operatori medico-infermieristici e amministrativi in pieno organico. 
Infine l’impegno continua. Questo ospedale è entrato nel mio cuore e quindi il legame con esso va avanti con una attività corale che supera le barriere culturali e politiche per diventare espressione di tutta la più sana comunità di Corleone e del Corleonese.
Giuseppe Lumia

Nessun commento: