lunedì 26 marzo 2018

Corleone, ora i Riina vogliono pagare le tasse. La vedova del boss in municipio: “Rateizzo”


di SALVO PALAZZOLO
Le commissarie del Comune vincono il braccio di ferro. Ma altre famiglie di mafia non accettano ancora di mettersi in regolaClamoroso a Corleone: venerdì, la vedova del capo dei capi, il defunto Totò Riina, si è presentata a sorpresa al Comune e ha annunciato di voler pagare la tassa sui rifiuti. A rate. Ninetta Bagarella ha un debito di 600 euro, la figlia Lucia di 400. Che saranno mai per la famiglia simbolo di Cosa nostra siciliana: nei mesi scorsi, la procura di Palermo ha sequestrato a donna Ninetta e famiglia trentotto fra conti correnti bancari e postali. Ma quei mille euro erano diventati ormai una questione di orgoglio mafioso. Sì, perché, come vi abbiamo raccontato nei mesi scorsi, Corleone è sempre stata una zona franca fiscale, i mafiosi e i loro parenti non hanno mai pagato le tasse. Dettaglio non secondario, la società incaricata della riscossione era pure gestita da alcuni imprenditori contigui alle cosche. Poi, però, il Comune è stato sciolto per infiltrazioni mafiose e al municipio sono arrivate tre commissarie. Hanno iniziato a fare tutto quello che mai nessuno aveva fatto. Anche mandare un messo a casa Riina con una cartella esattoriale…LEGGI TUTTO

Nessun commento: