mercoledì 9 maggio 2018

La Sicilia ricorda Peppino Impastato: casolare aperto e corteo da Terrasini

Con Susanna Camusso al corteo per ricordare Peppino Impastato

Il fratello: «Nel quarantesimo anniversario vogliamo passare il testimone coinvolgendo un’intera generazione con il suo messaggio, che non è stato solo di impegno civile e di lotta politica, ma anche un messaggio educativo per tutti i giovani» Ricorre oggi il 40simo anniversario della morte di Peppino Impastato, militante di Democrazia proletaria, giornalista, fondatore di Radio aut, ucciso dalla mafia a Cinisi (Pa) il 9 maggio ‘78 quando aveva 30 anni. Per il delitto sono stati condannati i mafiosi Vito Palazzolo e Gaetano Badalamenti. (GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO)

«La casa memoria Felicia e Peppino Impastato» oggi ha organizzato, dalle ore 10, un presidio nel casolare dove Impastato venne ucciso. Seguirà la premiazione dei vincitori del bando scuole. Il casolare rimarrà aperto, con la collaborazione del Cricd (Centro Regionale per l’Inventariazione, la Catalogazione e la Documentazione) dell’assessorato regionale ai Beni culturali, fino a venerdì prossimo. Alle 16 si è sviluppato il corteo che dalla sede di Radio Aut a Terrasini è arrivato alla Casa memoria Felicia e Peppino Impastato a Cinisi, dove si sono svolti gli interventi conclusivi di Giovanni Impastato, Susanna Camusso, don Luigi Ciotti, Beppe Giulietti ed altri. Vi è stato anche un collegamento con la famiglia Regeni e l’avvocato Alessandra Ballerini.
«Il 2018 è un anno importantissimo 
- dice il fratello di Peppino, Giovanni, sul sito della casa memoria - Nel quarantesimo anniversario dell’uccisione mafiosa di Peppino vogliamo passare il testimone coinvolgendo un’intera generazione con il suo messaggio, che non è stato solo di impegno civile e di lotta politica, ma anche un messaggio educativo per tutti i giovani che vogliono ancora cambiare il mondo. Per questo stiamo lavorando quotidianamente con tantissime scuole raccontando la storia di Peppino e ascoltando la voce di molti allievi e allieve di ogni età. Per questo incontriamo tanti ragazzi e ragazze a Casa Memoria, come ha voluto mamma Felicia, perché saranno loro che, con la cultura e tenendo la schiena dritta, costruiranno un futuro migliore».
«Con questo anniversario - continua - daremo a tantissimi giovani la possibilità di conoscere i luoghi dove Peppino è stato ucciso, dove si era impegnato contro la mafia e per il cambiamento e dove noi abbiamo continuato a lottare. Vogliamo coinvolgere la «Meglio Gioventù» con l’impegno, ma anche con l’aggregazione. Tra convegni, dibattiti, libri, musica e mostre e mobilitazione. Era questo quello che Peppino faceva, era così che metteva in movimento tanti ragazzi e ragazze della sua generazione e adesso toccherà ad una nuova generazione far sentire la sua voce e la voce di chi spera ancora e si impegna per la giustizia e la libertà».

9 maggio 2018 | 11:58

Nessun commento: