sabato 21 luglio 2018

Le istituzioni, i sindacati, le associazioni dicono "No" ai tagli all’Ospedale di Corleone

L'Ospedale di Corleone

Ci risiamo. La politica e le istituzioni regionali vogliono nuovamente colpire, ridimensionandola, la sanità per Corleone e per i comuni della zona. E' incredibile con quale accanimento si accaniscono contro una zona che ha già tante difficoltà. Per fortuna, pare che anche questa volta il territorio stia dimostrando di saper reagire. Si è rimesso in piedi il Comitato Pro Ospedale, che già si è riunito e adesso chiede incontri urgenti al Presidente della Regione e all'Assessore alla Salute e di essere audito dalla Commissione Sanità. Non sappiamo come andrà a finire. Ma noi ci siamo, fermamente decisi a difendere il diritto alla salute delle donne e degli uomini che in questo territorio vivono e vogliono continuare a vivere. (dp)  
IL DOCUMENTO DEL COMITATO PRO-OSPEDALE 
La Commissione Straordinaria del Comune di Corleone, i Sindaci di Bisacquino, Campofiorito, Chiusa Sclafani, Contessa Entellina, Giuliana, Marineo, Prizzi, Roccamena, i rappresentanti sindacali aziendali di CGIL e Cisl Corleone, la CNA di Corleone, la Camera del Lavoro zonale, il movimento “ORA Corleone”, e Città Nuove esprimono la loro preoccupazione rispetto al futuro dell’Ospedale di Corleone.
La Rete Ospedaliera approvata dalla Giunta Regionale, prevede, infatti, il declassamento della Chirurgia da Unità Operativa Complessa, con il taglio di 6 posti letto, a Unità Operativa Semplice Dipartimentale e della Medicina che passa da Unità Operativa Complessa a Unità Operativa Semplice.
Il nuovo Governo Regionale, infatti, è andato ben oltre la proposta di Piano Aziendale presentata dall’Azienda Asp di Palermo all’Assessorato e che era stata approvata dalla Conferenza dei Sindaci tenutasi a Corleone oltre un anno fa. Veniva previsto il ripristino della Pediatria, una Chirurgia con un’Unità Semplice Dipartimentale con posti ordinari e il mantenimento di tutto l’esistente, compresa l’Unità Operativa Complessa di Medicina.
Il Comitato “Pro Ospedale” chiede pertanto un incontro immediato con il Presidente della Regione Musumeci, l’Assessore alla Salute Razza e di essere audito in VI Commissione.
Il Comitato rivendica:
·         Il ripristino dell’Unità Operativa Complessa di Medicina;
·         Un’Unità Operativa Semplice, senza posti letto, di cardiologia che sia funzionale alle esigenze degli altri reparti e utile ai cittadini del territorio;
·         Lo sblocco dei fondi per il completamento della terza ala dell’Ospedale.
Nei prossimi giorni il Comitato stabilirà le modalità di mobilitazione democratica del corleonese, con il coinvolgimento dei consigli comunali e della popolazione, per salvaguardare il nosocomio che serve un territorio che insiste in una zona disagiata.
Firme
La Commissione Straordinaria del Comune di Corleone
Termini, Mallemi, Cacciola
Il Sindaco di Bisacquino
Tommaso Di Giorgio
Il Sindaco di Campofiorito
Giuseppe Oddo
Il Sindaco di Chiusa Sclafani
Francesco Di Giorgio
Il Sindaco di Contessa Entellina
Leonardo Spera
Il Sindaco di Giuliana
Francesco Scarpinato
Il Sindaco di Marineo
Franco Ribaudo
Il Sindaco di Prizzi
Luigi Vallone
Il Sindaco di Roccamena
Tommaso Ciaccio
RSU CGIL
Leo Cuppuleri e Gregorio Pizzolato
Segretario Aziendale Presidio CISL
Stefano Rubino
RSU CISL
Carlo Vintaloro e Mario Leone
Il Segretario della CNA di Corleone
Salvatore Schillaci
Il Segretario della Camera del Lavoro
Cosimo Lo Sciuto
Il Direttore Responsabile di Città Nuove Dino Paternostro
Il Presidente di ORA Corleone
Giuseppe Crapisi





Nessun commento: