domenica 11 dicembre 2016

Una frana minaccia Marineo, scatta piano d'evacuazione

La frana di contrada "Roccabianca" a Marineo
(ANSA) - PALERMO, 11 DIC - Una frana ancora in atto sta impegnando le squadre dei vigili del fuoco e della protezione civile a Marineo (Pa). In una cava in contrada Roccabianca si è staccato parte del costone roccioso. Un movimento franoso ancora in piena evoluzione che ha già fatto sgomberare alcuni capannoni e attività commerciali all'ingresso del paese. Tra queste un'impresa di calcestruzzo e una lavanderia che sono state evacuate. I tecnici del Comune insieme ai vigili stanno controllando l'evolversi del fenomeno che potrebbe interessare anche il vicino comune di Misilmeri. Il Comune di Marineo ha emesso un'ordinanza di divieto di accesso all'area.
Ribaudo (Pd): “Occorre fare chiarezza sul cedimento nella cava di Roccabianca”

Palermo 11 dicembre – “Occorre fare chiarezza ed accertare le cause che hanno portato al cedimento di un intero costone roccioso nella cava di contrada Roccabianca, nel territorio dei comuni di Marineo e Misilmeri, causando l’evacuazione di alcune abitazioni e delle attività commerciali i cui capannoni rischiano adesso di essere letteralmente travolti”.  Lo scrive in una nota il deputato marinese del Pd Franco Ribaudo.
“Nelle prossime ore – aggiunge – depositerò un’interrogazione parlamentare per chiedere, al Ministro dell’Ambiente e al Ministro dell’Interno, i motivi di tale disastro e verificare se le istituzioni territoriali competenti hanno svolto tutte le attività di vigilanza necessarie per impedire quanto accaduto”.

“Chiederemo al Ministro – conclude – quali iniziative intende assumere volte a tutelare l’incolumità pubblica, nonché la salvaguardia del territorio e dell’ambiente, e se lo ritiene opportuno, intervenire anche in via sostitutiva”.

Nessun commento: