CFC - CENTRO FISIOTERAPICO DEL CORLEONESE

domenica, ottobre 31, 2021

IL PERSONAGGIO. Pif: “Palermo si è liberata dal cliché della mafia e questo è un trionfo”

Pif 

L’attore- regista racconta il suo film sul mondo dei rider e parla della città: “ Se resti, devi combattere”

di Eleonora Lombardo

Al posto del dialetto, come grammatica siciliana applica a ogni aspetto dell’esistenza l’amabile comunicativa dei dolci della tradizione, dallo “sciù” all’iris, semplici fuori ma sontuosi dentro. Tra i suoi antenati annovera lo scultore danese, rivale di Canova, Bertel Thorvaldsen, dal quale ha ereditato una passione per le rifiniture e i lavori di carpenteria. È andato via da Palermo a 21 anni per raccontare storie, lo ha fatto in televisione, in libreria e al cinema, mentre spopolava in tv “La mafia uccide solo d’estate” a lui si è chiesta un’opinione su tutto, attribuendogli il ruolo di guru delle vicende siciliane, ma Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, è un siciliano di mondo che ripudia la retorica, ha in odio la proverbiale arte di arrangiarsi e cerca di parlare solo quando ha qualcosa da dire. «Essere Siciliani è avere una marcia in più culturalmente, avere la possibilità di facile accesso a una cultura ricca e variegata. 

sabato, ottobre 30, 2021

ACCADE IN SICILIA. Complotti, Green Pass e Olocausto all’Ars va in scena il delirio No Vax


Tutti i relatori, tra cui l’assessore Lagalla, senza mascherina e in sala la indossano in pochi ma per entrare a Palazzo dei Normanni i convegnisti devono mostrare il certificato

di Tullio Filippone

Le prime contraddizioni della mattina in cui il parlamento siciliano si è prestato a un convegno contro i vaccini Covid e il Green Pass, con tanto di paragone con l’Olocausto, si è manifestata ai tornelli di Palazzo dei Normanni, quando i relatori e i 28 spettatori sono entrati esibendo comunque il certificato. L’altra è che per tutta la durata del conferenza quasi nessuno aveva la mascherina. Nemmeno l’assessore all’Istruzione Roberto Lagalla, che ha portato i saluti istituzionali in modo «particolarmente lieto», perché, pur essendo pro vaccino e lontano dalle idee espresse « da medico, scienziato e assessore», ha continuato a sostenere che il parlamento siciliano « doveva rappresentare tutte le idee». 

LOTTA ALLA PANDEMIA. Nella Sicilia a due facce immunità di gregge soltanto tra sette mesi


Covid free anche Corleone, 10 mila abitanti nell’entroterra palermitano:«D’estate abbiamo sfiorato la zona rossa: i ragazzi si sono scatenati e abbiamo avuto fino a cento casi – spiega il sindaco Nicolò Nicolosi – ho ristretto gli orari di apertura dei locali e scritto ai sindaci del comprensorio per chiedere di fare altrettanto » . Da fine settembre non ci sono più positivi: « Merito anche dell’hub vaccinale che ci ha consentito di raggiungere l’ 82 per cento di copertura» , chiosa il primo cittadino. 

di Giusi Spica

C’è una Sicilia a un passo dall’uscita dal tunnel della pandemia: quella dei 115 comuni Covid free da oltre un mese e degli 85 a contagio zero da almeno una settimana. E c’è un’altra Sicilia che invece non vede la luce nemmeno in lontananza: quella dei 191 comuni dove il virus continua a trovare terreno fertile e le coperture vaccinali sono sotto la media.

venerdì, ottobre 29, 2021

Xenia Francesca Palazzo e le quattro medaglie a Tokyo

Pubblichiamo una nuova e interessante intervista rilasciata da Xenia Francesca Palazzo a Heraldo.it lo scorso 19 Ottobre, 2021. E, con grande gioia, informiamo i nostri lettori che, insieme al comune di Corleone, stiamo definendo la visita a Corleone di Xenia, del fratello Misha e del padre Giovanni Palazzo. Un pezzo delle loro radici sono a Corleone. Corleonesi, infatti, sono Salvatore Palazzo e Francesca Perrino, genitori di Giovanni e nonni di Xenia e Misha. (dp) 


Xenia con le altre atlete della staffetta




di GIORGIO VINCENZI

La nuotatrice veronese della Verona Swimming Team ha portato a casa dalle recenti Paralimpiadi giapponesi un successo che sembrava impossibile. Un oro, un argento e due bronzi è il “bottino” di medaglie che Xenia Francesca Palazzo, 23 anni, nuotatrice della società sportiva Verona Swimming Team, ha portato a casa dalle recenti Paralimpiadi di Tokyo. 

Dopo essere stata la più giovane atleta della spedizione azzurra alla precedente edizione dei giochi paralimpici di Rio de Janeiro (Brasile) del 2016, ottenendo un sesto e un ottavo posto, quest’anno in Giappone ha colto grandi soddisfazioni che con orgoglio ha dedicato agli italiani e alla sua famiglia.

I Chiaroscuri – Dopo lo stop al DDL Zan


di Giuseppe Savagnone

Reazioni opposte, ma tutte fuori misura 

Le reazioni, all’indomani dell’affossamento del ddl Zan al Senato, riflettono una radicale contrapposizione etica e politica.  «I diritti possono attendere», è il titolo de «La Repubblica». «Il Parlamento dei diritti negati» titola «La Stampa». «Vergognatevi», è il titolo di «Domani». Sulla stessa linea il commento del segretario del PD Letta, che scrive amareggiato su Twitter: «Hanno voluto fermare il futuro. Hanno voluto riportare l’Italia indietro». Di segno opposto le reazioni dei giornali di destra. «Fine del delirio gender», titola «Il Giornale». «Affondata la legge bavaglio» è il titolo de «La Verità». «Libero» esulta, più che per il contenuto del ddl bocciato, per la sconfitta degli avversari politici: «Piange il PD. Che bello», titola in prima pagina. Così anche Salvini, soddisfatto soprattutto perché ha visto il ddl «affossato dall’arroganza di Letta».

Dopo la vicenda parlamentare dell’ex ddl Zan. Tutti i diritti umani per tutti…

Padre Giovanni Calcara

di Padre Giovanni Calcara, o.p.

Ancora una volta, la classe politica con i suoi giochi di potere, vendette e rivincite gioca sulla pelle e sulla dignità delle persone più fragili che, al contrario meritano di essere aiutate e tutelate, in tutti i loro bisogni.

La vicenda parlamentare dell’ex ddl Zan ne è l’ultima e triste manifestazione. Una legge approvata da un ramo del parlamento, dopo duri confronti e compromessi, è stata bocciata in Senato dalle stesse forze politiche che alla Camera avevano votato a suo favore.

Qualcuno parla di “retroguardia culturale”, e poi i “cori da stadio” in Senato, la rivendicazione della “vittoria” da parte di chi arriva prima e si considera il più bello, le reciproche accuse isteriche tra politici-opinionisti-saltibanchi e bizzocchi di sagrestia.

Leggi Erodoto e capirai cos’è la Libia

Cirene incoronata da Lybia Bassorilievo del British Museum

DI FERNANDO GENTILINI

È mediterranea e africana, territorio di confine tra Oriente e Occidente, porta d’accesso al Sahel. E per comprenderne le sfide attuali, basta tornare agli scritti del grande storico

I primi coloni arrivarono su piccole imbarcazioni, provenienti dall’isola di Thera, oggi Santorini. Fuggivano miseria e carestia, e avevano preso il mare facendosi guidare da Apollo, di cui erano adoratori. Dedicarono alla sua ninfa preferita una città, Cirene, in corrispondenza di un foro nell’alto dei cieli che assicurava pioggia e fertilità. La Cirenaica, da allora, divenne un avamposto ellenico sulle coste africane. Ancora oggi, a Bengasi, certe cose possono avere un sapore olimpico. I coloni greci non si spinsero mai oltre la Sirte.

IL REPORTAGE. Il Cantiere navale di Palermo torna a costruire: nave militare del Qatar prima opera dopo dieci anni


di Tullio Filippone

A mezzogiorno, puntuale come dal 1942, l’acuto della sirena irrompe tra l’Arenella e l’Acquasanta per scandire il tempo delle ultime tute blu della città. E gli operai sfilano sotto l’ingresso dove campeggia la scritta Fincantieri, mentre sopra le loro teste, nella stanza del direttore, c’è ancora la pergamena firmata da Ignazio Florio il 21 marzo del 1904 per il varo della nave Caprera. Ma questa volta nel bastione industriale si aspetta solo novembre e il “taglio” della Landing Platform Dock, la nave anfibia militare commissionata dal Qatar che rilancia l’ultimo pezzo della grande industria palermitana: 460 dipendenti diretti e 900 di indotto, che con le grandi commesse arrivano a 1.200. 

BCSICILIA ESPRIME PROFONDO DOLORE PER LA SCOMPARSA DI GIOVANNI MANNINO, GRANDE STUDIOSO DI ARCHEOLOGIA PREISTORICA

L’archeologo Giovanni Mannino

È morto all’età di 92 Giovanni Mannino, il grande studioso di archeologia preistorica. Appassionato dell’età antica ha condotto in circa 70 anni di attività innumerevoli scavi nella Sicilia occidentale. 
Ma il suo impegno inizia ancor prima dei vent’anni. Come speleologo, ancora giovanissimo, veniva citato dai giornali locali per le sue “ardimentose” esplorazioni di grotte inaccessibili e di profonde cavità. Sin dal 1947 ha svolto ricerche speleologiche. Ha creato il Catasto delle Grotte della Sicilia. Ha compiuto i rilievi topografici di circa 250 cavità.

Ambiente, il Centro Pio La Torre: “La Sicilia non spende i soldi contro i disastri”


Il vicepresidente Garufi: “investiti solo 28 milioni dei 789 assegnati dallo Stato”

PALERMO, 27 OT - Nella Sicilia dei disastri ambientali record di soldi disponibili per la prevenzione, minima spesa. Duro atto di accusa della Corte dei conti: all'Isola sono state assegnate le maggiori risorse con circa 789 milioni di euro, seguita da Lombardia con 598 milioni, Toscana (591 milioni), Campania (486 milioni) e Calabria con 452 milioni. Mentre risultano impegni di spesa per opere contro il rischio dissesto idrogeologico per 45,33 milioni pari al 19,9% e pagamenti per 28,66 milioni pari al 12,6%. Catania e Messina non hanno speso un euro.

giovedì, ottobre 28, 2021

Sa­ba­to 30 ot­to­bre tor­na il cor­teo del Pa­ler­mo Pri­de “Fa­sci­sti tre­ma­te, le stre­ghe sono tor­na­te”


Te­sti­mo­nial 2021 è Mim­mo Lu­ca­no, al­le­sti­to an­che il vil­la­ge con par­ty e in­ter­ven­ti po­li­ti­ci a Vil­la Fi­lip­pi­na

Dopo due anni di stop sa­ba­to 30 ot­to­bre tor­na per le stra­de di Pa­ler­mo la pa­ra­ta del Pri­de che ha come ti­to­lo “Fa­sci­sti tre­ma­te, le stre­ghe sono tor­na­te”. Per l’e­di­zio­ne di que­st’an­no è sta­ta im­ple­men­ta­ta la pre­sen­za di te­sti­mo­nial e la scel­ta è ca­du­ta su Mim­mo Lu­ca­no, at­ti­vi­sta ed ex sin­da­co di Ria­ce con­dan­na­to per la ge­stio­ne del­l’e­mer­gen­za mi­gra­to­ria e per que­sto al cen­tro di pre­si­di e ma­ni­fe­sta­zio­ni di so­li­da­rie­tà, che com­men­ta “Ade­ri­sco alle ri­ven­di­ca­zio­ni e alle istan­ze del Pa­ler­mo Pri­de e rin­gra­zio di cuo­re il Coor­di­na­men­to per la vi­ci­nan­za che ha vo­lu­to espri­mer­mi”. 

COVID-19, i report settimanale dei contagi in tutti i comuni della provincia di Palermo


Ecco il numero dei positivi al COVID-19 dei comuni della provincia di Palermo nella settimana dal 18 al 24 ottobre 2021: VISUALIZZA

Per tenerti costantemente informato collegati con l’hub vaccinale del distretto sanitario di Corleone: CLICCA QUI

Presso il Distretto Sanitario di Corleone da domani 29 ottobre sarà attivo il servizio per il rilascio dei green-pass: CLICCA QUI

mercoledì, ottobre 27, 2021

Corleone, domenica sarà presentato il libro di Dino Paternostro “La strage più lunga”


DOMENICA 31 OTTOBRE, ALLE ORE 17.00, NEI LOCALI DEL CIDMA (L’ASCENSORE È STATO RIPARATO!), SARÀ PRESENTATO IL LIBRO DI DINO PATERNOSTRO “LA STRAGE PIÙ LUNGA”, CHE RACCONTA DEI SINDACALISTI ASSASSINATI DALLA MAFIA IN SICILIA DALLA METÀ DEL 1800 AGLI ANNI ‘60 DEL ‘900. INSIEME ALL’AUTORE, INTERVERRANNO CLAUDIO DI PALERMO, GIUSY DRAGNA, UMBERTO SANTINO, PIPPO CIPRIANI, MARIO RIDULFO.

In Sicilia, dall'Unità d'Italia alla metà degli anni Sessanta del '900, si è consumata "la strage più lunga" della nostra storia. Una strage "al rallentatore", potremmo definirla, snodatasi nel corso di un secolo, il cui "filo rosso" è dato dalla pervicace volontà con cui mafia, agrari e "pezzi" di politica hanno colpito il movimento contadino e bracciantile, guidato dal sindacato, che coraggiosamente rivendicava lavoro, diritti, libertà. Sono tanti i caduti di questa lunga strage, la maggior parte dimenticati. 

I sindaci siciliani a Roma per chiedere misure straordinarie che evitino il fallimento dei comuni

 

Giornale di Sicilia, 27 ottobre 2021

martedì, ottobre 26, 2021

Corleone, visita del comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri generale Giuseppe De Liso

Il generale Giuseppe De Liso col sindaco Nicolosi e la vicesindaco Crapisi

Visita a Corleone stamattina del Comandante provinciale dei Carabinieri generale di Brigata Giuseppe De Liso. Ad accoglierlo al Comune il sindaco Nicolò Nicolosi e il vice sindaco Maria Clara Crapisi. Erano presenti anche il comandante di Compagnia capitano Daniele Giovagnoli, il 
tenente Giuseppe Giangrande e il luogotenente C.S. Diario Virga.
Il comandante De Liso si è insediato da poco. A settembre ha preso il posto del generale di brigata Arturo Guarino, che ora è a Roma. In precedenza De Liso è stato a capo dell’ufficio cerimoniale del Comando generale.
“Ringraziamo il comandante per la visita - dice il sindaco Nicolosi -. È stata l’occasione per fare conoscenza e porre le basi per lavorare insieme. Nel nostro territorio la collaborazione con le forze dell’ordine è di fondamentale importanza ed è testimoniata da un’attività costante fianco a fianco”.

Concorsi pubblici, apre uno sportello presso l'Fp Cgil Palermo, in via Meli,5. Il servizio sarà attivo ogni giovedì e il lunedì in collaborazione con il Sol Cgil


Palermo 27 ottobre 2021 - La Fp Cgil Palermo attiva uno sportello di consulenza e formazione per l’accesso ai concorsi pubblici presso la sede del sindacato, in via Meli, 5.  Il nuovo servizio sarà attivo ogni giovedì e lunedì (dalle 15,30 alle 18) a partire dal 28 ottobre.
L’obiettivo è quello di offrire un servizio di informazione, assistenza e formazione per l’accesso a tutti i settori del pubblico. Lo sportello il lunedì si terrà  in collaborazione  con l'Udu (Unione degli universitari) e il Sol Cgil Palermo (Servizio orientamento lavoro), che offrono già un servizio di informazione e assistenza completo sull'accesso al mondo del lavoro e sulle opportunità lavorative, rivolto a tutto il mondo universitario.  E ogni giovedì al secondo piano presso i locali della Funzione pubblica, aperto a lavoratori e cittadini.

DONATO ALL’ASP DI PALERMO UN NUOVO MAMMOGRAFO DI ULTIMA GENERAZIONE. SARA’ ATTIVATO GIOVEDI’ 28 A VILLA DELLE GINESTRE


L’AZIENDA PRESENTERA’ REPORT E PROGRAMMI DELLO SCREENING MAMMOGRAFICO
PALERMO 26 OTTOBRE 2021 – Un nuovo mammografo di ultima generazione è stato donato all’Asp di Palermo nell’ambito della campagna “screening routine”. L’Azienda sanitaria del capoluogo è stata selezionata sul territorio nazionale dall’ente indipendente, Fucina Sanità, per ricevere l’apparecchiatura. L’obiettivo dell’iniziativa, promossa da Roche Italia e Fujifilm Italia con i partner aderenti, è di offrire un contributo al rilancio delle attività di screening  mammografico dopo il calo di adesioni ed esami  registrati durante la pandemia.

La Cgil Palermo a sostegno dell’appello dei sindaci dell'Anci, tra cui 50 della provincia di Palermo, per un intervento normativo contro il dissesto dei bilanci. “Subito un decreto salva-comuni. Così si uccide la ripartenza. Evitare lo tsunami su cittadini e lavoratori”

Mario Ridulfo, segretario generale Cgil Palermo

Palermo 26 ottobre 2021 - La Cgil Palermo condivide l'appello lanciato da un centinaio di sindaci dell'Anci, tra cui 50 primi cittadini della provincia di Palermo, con la richiesta  di norme in sostegno per evitare il dissesto dei loro Comuni.
“La gravissima crisi finanziaria negli enti locali consegna ai cittadini della provincia palermitana un futuro incerto, con una sola certezza: i tagli ai servizi pubblici, già ai minimi – dichiara il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo, che chiede di scongiurare lo  “tsunami” in arrivo per le nostre comunità. Il tema dei bilanci dei comuni e del Comune di Palermo si intreccia con le possibilità della ripartenza. “Le difficoltà dei comuni e del Comune di Palermo, diciamolo chiaramente, rischiano di uccidere la ripresa – avvisa Ridulfo - Per quasi tutti i comuni della nostra provincia, compreso il capoluogo, la difficoltà nella riscossione dei tributi, a cominciare dalla Tari, è ormai strutturale, con tutto quello che ne deriva per i loro bilanci e per i servizi pubblici. La crescente evasione fiscale e dei tributi avviene a danno soprattutto dei cittadini più fragili, a cominciare dai più giovani, dagli anziani, dalle persone in situazione di disabilità, dai tanti lavoratori precari, ai disoccupati”.  

Villa Sofia e Cervello, cambio appalto pulizia. Domani assemblea dei lavoratori. “Non accettiamo il taglio trasversale del 20% del servizio. Pronti ad azioni di sciopero”


Palermo 26 ottobre 2021 - Continua lo stato di agitazione dei lavoratori dell'appalto del servizio sanificazione e pulizia  dell'azienda Villa Sofia Cervello. Domani si terrà un'assemblea su due turni dei 321 addetti aderenti,  in cui con le organizzazioni sindacali Filcams Cgil Palermo, Fisascat Cisl Palermo Trapani e Uil Trasporti si valuteranno le azioni da intraprendere alla scadenza della procedura di raffreddamento.

Al centro della vertenza, il cambio appalto dell'azienda Rekeep, subentrata alla Dussmann con una riduzione del 20 per cento delle ore di servizio da far effettuare al personale.  “Valuteremo con il personale l'esito degli ultimi incontri  e decideremo come procedere, valutando anche eventuali iniziative di sciopero -  dichiarano per la Filcams Cgil Palermo il segretario generale Giuseppe Aiello e Manlio Mandalari, la segretaria generale di Fisascat Cisl Palermo Trapani Mimma Calabrò e  Stefano Spitalieri, Paolo Di Maio segretario regionale Uil Trasporti e Paolo Riggi- Noi manteniamo la nostra posizione dichiarando di essere contrari a qualsiasi riduzione dell'appalto. Chiediamo il ripristino dei parametri orari dei lavoratori  e dei loro livelli reddituali.

lunedì, ottobre 25, 2021

OPERAZIONE ‘’JATO BET’’: eseguite n. 10 MISURE CAUTELARI. Arrestati elementi di spicco della FAMIGLIA MAFIOSA DI SAN GIUSEPPE JATO per ASSOCIAZIONE DI TIPO MAFIOSO, ESTORSIONE aggravata dal METODO MAFIOSO, cessione di SOSTANZE STUPEFACENTI e altro


Alle prime ore di stamattina, a San Giuseppe Jato (PA) e a San Cipirello (PA), i militari del Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Monreale hanno dato esecuzione a n.10 provvedimenti cautelari
 (8 in carcere, 1 domiciliare e 1 della sospensione dall’ufficio o servizio) emessi dall’ufficio G.I.P. del Tribunale di Palermo sulla base delle risultanze investigative emerse al termine dell’indagine dei militari e diretta da un pool di magistrati della locale Direzione Distrettuale Antimafia, coordinati dal Procuratore Aggiunto Salvatore DE LUCA, per le ipotesi di reato di associazione di tipo mafiosoestorsione aggravata dal metodo mafiosocessione di sostanze stupefacenti e accesso abusivo a sistema informatico.

Settimana sulla Sicurezza. “Ridulfo: “Bisogna intensificare gli sforzi, agire sul sistema di vigilanza e prevenzione, per rendere alle imprese conveniente investire sulla sicurezza. Non si può risparmiare sulla vita dei lavoratori“


Palermo 25 ottobre 2021 - “Da tempo chiediamo un maggiore sforzo e ispezioni per contrastare questa lunga catena di morti sul lavoro, che anche a Palermo è aumentata in maniera drammatica, con 9 morti nel 2021 contro i 3 di un anno fa, come ha evidenziato oggi il comitato consultivo provinciale dell'Inail.
Non si può risparmiare in nome del profitto a scapito dei diritti dei lavoratori. Le aziende devono sapere che c'è un sistema sanzionatorio, bisogna agire sulla vigilanza e sulla repressione e fare capire alle imprese che è più conveniente investire sulla prevenzione e sulla sicurezza. Più formazione e informazione per studenti, giovani lavoratori, sui rischi che corrono nel mestiere scelto, e utenti e accompagnamento di azioni mirate: sono i tre livelli sui quali agire per far sì che le imprese trovino economicamente vantaggioso rendere i luoghi di lavoro sicuri. 

domenica, ottobre 24, 2021

Corleone, forse potrà rinascere il Rally della Conca d’Oro!

L’intervento di Franco Vintaloro 


Occorrerebbero 45.000 euro per rimettere su un Rally della Conca d’Oro di livello regionale. L’ha detto ieri sera a Corleone Angelo Pizzuto, presidente dell’Aci Palermo, rispondendo alla domanda di uno sportivo. E, nonostante le difficoltà finanziarie a tutti i livelli, l’Automobil Club Palermo, l’Unione dei comuni del corleonese, il Rotary Club di Corleone e gli appassionati di automobilismo non disperano di poter riuscire a far rinascere un evento sportivo di cui tutti sentono la mancanza. 

sabato, ottobre 23, 2021

L’INTERVISTA. Walter Veltroni "La Torre fu ucciso perché capì la mafia"

di Eleonora Lombardo

Luci accese fino a tarda sera all’Istituto Gramsci di Palermo: attorno al grande tavolo della biblioteca che custodisce l’archivio personale di Pio La Torre si lavora tra i documenti, le carte e le fotografie per rinnovare la memoria e disegnare un ritratto quanto più vivido possibile del segretario regionale del Pci ucciso dalla mafia il 30 aprile del 1982 a Palermo. 

«Cercherò di raccontare la vita politica, le ragioni della sua morte e al tempo stesso cercherò di raccontare l’essere l’umano», racconta Walter Veltroni, l’ex segretario del Partito democratico che da anni si dedica all’impegno civile attraverso il cinema. Veltroni è a Palermo per mettere insieme il materiale d’archivio e raccogliere le interviste che gli consentiranno tra febbraio e marzo prossimo di iniziare a girare il docufilm, prodotto da Minerva Pictures, dedicato al grande politico siciliano ideatore della legge sul reato di "associazione di tipo mafioso" e la confisca dei patrimoni di provenienza illecita, il pacifista che si oppose alla costruzione della base Nato di Comiso, l’ambientalista che cercò di contrastare la brutale speculazione edilizia. 

venerdì, ottobre 22, 2021

Francesco Foti eletto all’unanimità segretario generale della Fiom Cgil Palermo. Foti: “Un lavoratore alla guida dei metalmeccanici di Palermo: è con orgoglio e consapevolezza dei problemi che rappresento questo mondo”

Francesco Foti con Maurizio Landini

Palermo 22 ottobre 2021 - L’assemblea generale della Fiom Cgil Palermo, alla presenza della segretaria generale della Fiom, Francesca Re David, e del segretario generale della Cgil Palermo, Mario Ridulfo, ha eletto questa mattina all'unanimità Francesco Foti segretario generale della Fiom Cgil Palermo. L’assemblea si è svolta nei locali del Porto di Palermo. 

Francesco Foti, 47 anni, storico rappresentante Fiom dei Cantiere Navali di Palermo, metalmeccanico sin da giovanissimo, ha iniziato a lavorare come installatore e manutentore elettrico nell'indotto Telecom, per poi transitare all’indotto di Fincantieri, come manutentore elettrico di gru e carri ponte. Nel 1999, superata una selezione, è entrato in Fincantieri come manutentore elettrico.

Cordoglio della Cgil per la morte di Rosario Faraone, storico dirigente del sindacato. Fu segretario generale della Fnle Cgil palermitana e della Slc Cgil Palermo, ricoprendo anche altri incarichi di rilievo

Rosario Faraone 


Le dichiarazioni di Mario Ridulfo e Marcello Cardella

Palermo 22 ottobre 2021 - “Ricordiamo con profondo affetto un dirigente sindacale che ha segnato positivamente la storia del movimento sindacale palermitano. Ma ricordiamo anche una persona perbene, apprezzata per la sua onestà intellettuale e per il suo esempio concreto”. Così il segretario generale Cgil Palermo, Mario Ridulfo, ricorda la figura di Rosario Faraone, storico militante e dirigente della Cgil, esprimendo il cordoglio di tutta la Cgil Palermo. 

OTTOBRE, MESE ROSA PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO. DOMENICA 24 OPEN DAY NEI CENTRI SCREENING DELL’ASP DI PALERMO


MAMMOGRAFIA GRATUITA E SENZA PRENOTAZIONE. I CAMPER DELLA PREVENZIONE ALLA “DOMENICA IN FAVORITA”

PALERMO 22 OTTOBRE 2021 – Porte aperte domenica prossima 24 ottobre nei centri screening dell’Asp di Palermo. Le donne di età compresa tra 50 e 69 anni avranno  l’opportunità di effettuare gratuitamente e con accesso diretto la mammografia. L’Open Day domenicale dell’Azienda sanitaria provinciale del capoluogo (che si aggiunge alle aperture periodiche dei Centri anche nei giorni di sabato) rientra nell’ambito delle iniziative organizzate in occasione di “Ottobre, mese rosa per la prevenzione del tumore al seno” ed ha l’obiettivo di andare incontro alle esigenze delle donne, soprattutto quelle che lavorano e durante la settimana potrebbero incontrare difficoltà ad aderire alla campagna di screening.

Corleone, sabato 23 ottobre sarà presentato il libro sulla storia del Rally “Conca d’Oro”

 

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO

Gino Rigogliuso: “Vi racconto la vera storia del Rally Conca d’Oro

Al centro: i giovanissimi Gino Rigogliuso e Franco Vintaloro

Trappeto, piazza municipio, sabato 23 ottobre 2021: “MAI PIÙ FASCISMI!”

 


giovedì, ottobre 21, 2021

Assemblea organizzativa Cgil Palermo. Approvazione del documento e conclusioni del segretario nazionale Giuseppe Massafra: “Colmare i divari territoriali, a partire da quello tra Nord e Sud”

L’intervento di Giuseppe Massafra


Palermo 21 ottobre 2021 - “Colmare tutti i divari territoriali è una sfida che riguarda tutta l’organizzazione, a partire dallo storico divario tra Nord e Sud, con la richiesta di una equa ripartizione degli investimenti e fuori dalle logiche campanilistiche dello spostamento di risorse togliendole alle regioni più in sofferenza”.
Lo ha detto il segretario confederale della Cgil nazionale Giuseppe Massafra, concludendo l’assemblea organizzativa della Cgil Palermo all’Astoria Palace Hotel.
 L’assemblea, dopo le relazioni e il dibattito, ha approvato sia il documento nazionale, che la condivisione delle istanze emerse dai territori e dai luoghi di lavoro. 

L’assemblea organizzativa Cgil Palermo. “Un progetto per Palermo nel mondo del lavoro che cambia e una Recovery della legalità per gli investimenti. Servono le competenze di tutti, istituzioni, imprese e sindacato. Il lavoro al centro per guardare al futuro”

Mario Ridulfo svolge la relazione introduttiva


Oggi l’assemblea organizzativa all’Astoria Palace Hotel, con l’annuncio di una stagione di mobilitazione per lo sviluppo.
 
Palermo 21 ottobre 2021 - Un modello di sviluppo industriale per Palermo, per potenziare il lavoro e lo sviluppo sostenibile. Ma anche il rafforzamento delle camere del lavoro, delle leghe del territorio, l’ascolto ampio delle istanze delle categorie, il coinvolgimento dei giovani, per affrontare le nuove sfide del mondo del lavoro che cambia e per garantire il diritto dei lavoratori a un lavoro stabile e di qualità. 

Morta oggi Giuseppina Rizzotto, sorella minore del sindacalista Placido Rizzotto assassinato dalla mafia il 10 marzo 1948. Il cordoglio della Cgil Palermo

Giuseppina Rizzotto
Palermo 21 ottobre 2021- È morta oggi a Corleone Giuseppina Rizzotto, 91 anni, la sorella più piccola e l’unica ancora vivente di Placido Rizzotto, il segretario della Camera del lavoro di Corleone, che la mafia del feudo uccise nel 1948. 

    Nel maggio 2012, dopo il ritrovamento del corpo di Placido Rizzotto, il giorno dei funerali di Stato a 64 anni dalla morte del sindacalista, Giuseppina Rizzotto ricevette una medaglia d’oro al valore civile dalle mani del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Corleone, rinnovati gli organismi dirigenti della Pro-Loco. Angela Leone nuovo presidente

La cascata delle Due Rocche, uno dei luoghi più belli
di Corleone


Sono stati rinnovati gli organi direttivi della Pro-Loco “Corleone-Chiosi-Ficuzza”. Il 2 ottobre l’assemblea dei soci ha eletto il nuovo direttivo, che risulta così composto: Cipriani Giuseppe, Cuppuleri Biagia, Di Puma Nicola, Labruzzo Angelo, Leone Angela, Scaturro Giuseppe, Zabbia Maria Teresa.
 
Nella seduta del 15 ottobre il direttivo ha eletto presidente Angela Leone, vice-presidente Nicola Di Puma, segretario Anna Maria Scalisi.

Corleone, ci ha lasciati oggi Giuseppina, l’ultima delle sorelle di Placido Rizzotto

Giuseppina Rizzotto

É venuta a mancare oggi Giuseppina Rizzotto, sorella di Placido, segretario della Camera del lavoro di Corleone assassinato dalla mafia nel 1948. Era l’ultima delle sorelle ancora viventi. Legatissima al fratello, ogni volta che ne parlava piangeva, ma non si rifiutava mai di rilasciare un’intervista, di raccontare di lui.
 Nel fare le nostre affettuose condoglianze ai figli e agli altri familiari, 
pubblichiamo, per ricordare Giuseppina, l’intervista realizzata il 19 febbraio 2015 da Dino Paternostro e Pierluigi Basile per la Fondazione “Argentina Altobelli”. 

Placido era un leader sorridente e “troppo buono”...

mercoledì, ottobre 20, 2021

Domani l'assemblea organizzativa della Cgil Palermo. “Cgil 2030: Il lavoro crea il futuro”

Partecipano 111 delegati dei posti di lavoro. Conclude il segretario nazionale Giuseppe Massafra

Palermo 19 ottobre 2021 – Sindacato di strada e sindacato digitale, per intensificare il dialogo con i lavoratori ma anche per governare ritmi e algoritmi del mondo lavoro che cambia. Una nuova stagione di rinnovamento, per la Cgil che guarda al futuro, con maggior attenzione ai delegati nei posti di lavoro, alle rsu e alle rsa, alle camere del lavoro e alle leghe territoriali. 

Lavoro agricolo di qualità, insediata oggi la “rete”, con la prima seduta in Prefettura. Flai e Cgil: “Strumento fondamentale da noi fortemente voluto per la lotta contro caporalato e illegalità”


Palermo 20 ottobre 2021 - Si è costituita la sezione palermitana del lavoro agricolo di qualità. La seduta di insediamento della Rete si è svolta questo pomeriggio presso la sala Dalla Chiesa della Prefettura di Palermo.
All'evento, organizzato dalla Prefettura assieme all'Inps di Palermo, che ha istituito la sezione nei giorni scorsi, hanno partecipato la Cgil Palermo e la Flai Cgil Palermo, che nei mesi scorsi avevano sollecitato con una lettera al prefetto la costituzione anche nella nostra realtà della “rete”, strumento fondamentale nella lotta contro il lavoro nero e lo sfruttamento dei braccianti nelle campagne e per la promozione di politiche attive per il lavoro. 

martedì, ottobre 19, 2021

Pascucci: "Il Centro Documentazione Mafia Antimafia non garantisce l'accesso a tutti i cittadini: l’ascensore non funziona". Di Palermo: "Lo stiamo riparando"

Il complesso architettonico di S. Ludovico, sede del Cidma

Un cittadino corleonese segnala che nella presentazione del libro di Santo Lobino effettuata nei giorni scorsi gli è stato impossibile raggiungere i locali del CIDMA perché l'ascensore NON FUNZIONAVA.
 Il Vice Presidente del CIDMA Claudio Di Palermo ha così risposto al cittadino " Allora se non ci puoi venire tu, noi non la dovevamo fare la presentazione?" La presentazione del Libro non si poteva fare a piano terra? In questi mesi perché l’ascensore non è stato riparato? Il CIDMA è del Comune? Non è affidato ad un’associazione di cui il Presidente è Il Sindaco di Corleone e il VicePresidente è il Segretario del PD di Corleone?
Mi domando se un Partito come il PD con la sua storia, il suo impegno per il miglioramento dei diritti sociali e oggi Partito di Maggioranza del Governo Draghi può ammettere che un suo segretario cittadino possa effettuare un’affermazione così nei confronti di un cittadino disabile.
Prima cosa da fare: far funzionare l’ascensore
Maurizio Pascucci
Capogruppo Attiva Sicilia
Consigliere Comunale
---------
La risposta di Claudio Di Palermo: "Come già in altra occasione ribadito è necessario ristabilire le verità dei fatti!"

Arresti a Palermo per l'attacco alla Cgil. Il segretario Ridulfo: “L'intervento dello Stato va nella direzione giusta, per lo scioglimento dei partiti che si richiamano al fascismo. Sabato saremo all'assemblea pubblica di Trappeto 'Mai più fascismi' per proseguire il nostro impegno”


Palermo 19 ottobre 2021 - La Cgil Palermo sarà sabato all'assemblea pubblica  'Mai più fascismi' organizzata a Trappeto alle ore 9 a piazza Municipio dalle associazioni, Il tarlo e Casa Memoria Peppino Impastato,  per analizzare i fatti che hanno portato all'attacco alla sede nazionale della Cgil. Saranno presenti assieme al sindacato numerose associazioni.
Continua l'iniziativa della Cgil dopo la grande manifestazione di Roma. “Abbiamo aderito a questa importante occasione di confronto pubblico sul territorio – dichiara il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo - perché per noi la risposta migliore alla violenza è lavorare e impegnarsi  ogni giorno in continuità con i valori dell'antifascismo e perseguire azioni utili  per arginare  ogni forma di fascismo sul  territorio nazionale. E Trappeto è inoltre il paese di  Danilo Dolci, il luogo dove poté esercitare la sua opera di impegno sociale e civile e di risveglio culturale”.

Michele Sala, storia di un rivoluzionario di Altofonte che fu segretario della Cgil Palermo e parlamentare nazionale


Venerdì 22 ottobre, alle ore 17.00, al circolo Arci Tavola Tonda (Cantieri culturali alla Zisa), si terrà la presentazione del nuovo libro di Elio Sanfilippo, "Michele Sala. Storia di un rivoluzionario di Altofonte".

Ne discutono con l’autore: Alessandra Mangano, Nino Mannino, Emilio Miceli, Filippo Parrino e Mario Ridulfo. Coordina: Mario Azzolini.

Il volume:

lunedì, ottobre 18, 2021

“Né luna né santi” di Lombino a Corleone. La riflessione di Anna Buscemi sui difficili anni ‘20 del Novecento in Sicilia

I protagonisti della presentazione del libro
(Ph. M. Midulla)

ANNA BUSCEMI*

È un romanzo breve quello presentato sabato scorso a Corleone, che con uno stile asciutto e sobrio ci presenta scene della vita e della realtà del nostro territorio agli inizi del Novecento. La struttura è quella del diario, un genere letterario tanto caro all’autore, che ha curato il manoscritto autobiografico di Tommaso Bordonaro, intitolato “La spartenza” che nel 1990, al concorso annuale di Pieve Santo Stefano, è stato giudicato la migliore autobiografia inedita.

Economia sommersa. La Cgil: “Il Governo intervenga con la prossima legge di Bilancio per combatterla”


Roma, 18 ottobre - “Nel nostro Paese la legalità è purtroppo fortemente compromessa: 3 milioni 586 mila le unità di lavoro irregolari, 203 miliardi, pari all'11,3% del Pil, il totale dell'economia non osservata di cui 183 miliardi quella sommersa e oltre 19 miliardi quella illegale. Dati impietosi che fotografano un’Italia che rischia di non avere futuro”. Così la Cgil Nazionale commenta i dati Istat di oggi sull’economia non osservata.

Per la Confederazione “diritti e condizioni di lavoro, in questo modo, vengono pesantemente colpiti. In una fase delicata come questa il lavoro dovrebbe essere centrale per la ripresa economica”.

Istat: vale 203 mld l'economia sommersa e illegale, 11,3% del Pil


Istat: vale 203 mld l'economia sommersa e illegale, 11,3% del Pil. I dati del 2019 sono in calo del 2,6% su base annua, -5 mld.
“I dati sono a dir poco inquietanti: 3 milioni 586 mila le unità di lavoro irregolari; 203 miliardi pari all'11,3% del PIL il totale dell'economia non osservata, di cui 183 miliardi quella sommersa e oltre 19 miliardi quella illegale. Dati impietosi che rendono evidente la fotografia di un paese che rischia di non avere futuro” (Luciano Silvestri, Cgil nazionale). 
Roma, 18 ott. (askanews) - Nel 2019 l'economia non osservata vale 203 miliardi di euro, pari all'11,3% del Pil. Rispetto al 2018 si riduce di oltre 5 miliardi (-2,6%) confermando la tendenza in atto dal 2014. La componente dell'economia sommersa ammonta a poco più di 183 miliardi di euro mentre quella delle attività illegali supera i 19 miliardi. Lo ha reso noto l'Istat. Sono 3 milioni 586 mila le unità di lavoro irregolari nel 2019, in calo di oltre 57mila rispetto all'anno precedente. L'incidenza dell'economia non osservata sul Pil si è dunque ridotta di 0,5 punti percentuali, portandosi all'11,3% dall'11,8% del 2018. 

I Chiaroscuri – Lo scontro sul green pass: i personaggi e le maschere


di GIUSEPPE SAVAGNONE

La pandemia e la trasformazione dei termini dello scontro politico

Le proteste di questi giorni contro l’obbligatorietà del green pass – tra esplosioni di violenza urbana e forme pacifiche di contestazione – evidenziano una reale spaccatura del Paese. A fronte di una maggioranza silenziosa che sembra appoggiare le misure del governo, c’è una parte consistente della popolazione che, in modo assai più rumoroso, manifesta il proprio dissenso.

Corleone, sarà presentato sabato il libro sul Rally “Conca d’Oro”

Si comunica che per motivi connessi alle condizioni atmosferiche la presentazione del libro "Rally Conca d'oro" si svolgerà alla stessa ora presso il Complesso Monumentale di Sant'Agostino

Sabato 23 ottobre alle ore 16:30, presso il complesso architettonico di S. Agostino avrà luogo la presentazione del libro Rally Conca d’Oro di Franco Vintaloro. 
L’iniziativa è curata dal Rotary Club di Corleone con il patrocinio del Comune di Corleone. Dopo i saluti di Nicolò Nicolosi, Sindaco di Corleone, e dell’Assessore allo Sport Gianfranco Grizzafi, nonché di Giuseppe Palmeri, Sindaco di Roccamena e Presidente Unione dei Comuni del Corleonese, interverranno Angelo Pizzuto, Presidente ACI Palermo, i giornalisti: Salvatore Geraci e Guido Monastra, i  piloti: Alberto Carrotta, Sergio Montalto, Ninni Runfola

Peppino e Felicia Impastato: un esempio antimafia anche per il Nord

Giovanni Impastato, Giuseppe Lumia, Pasquale Lo Tufo 

GIUSEPPE LUMIA

Tra le tante iniziative di questi giorni a cui ho partecipato, una la voglio condividere con voi. A Caselette, in provincia di Torino, un piccolo comune posto all’ingresso del magico scenario della Val di Susa, è stato intitolato a Felicia e Peppino #Impastato un parco molto bello e attrezzato. I bambini potranno giocarci e gli anziani prendere il sole. Intorno ad esso si svolgeranno attività educative e culturali sulla straordinaria vita di Peppino Impastato e di sua mamma, la altrettanto straordinaria Felicia. 

domenica, ottobre 17, 2021

“Il cielo in una stanza. Un laboratorio di studi per l’innovazione della conoscenza storica”

“Il cielo in una stanza”...

GIOVANNA CORRADINI

Qualcuno dell’entourage lo ha definito «il cielo in una stanza», e la metafora è indubbiamente adeguata. Si tratta del «Laboratorio degli Annali di storia dei Mediterranei e dei mutamenti globali», fondato in questo ottobre dallo storico Carlo Ruta, che ne ha assunto la direzione scientifica. 

Nasce con le movenze di una istituzione d’eccellenza, a coronamento di un iter di ricerca condotto da anni, in contatto con diverse aree scientifiche, del Paese e dell’estero. Gli antefatti maggiori stanno comunque in due esperienze essenziali, guidate ancora dallo storico delle civilizzazioni: l’ormai notissima Storia dei Mediterranei, di cui sono usciti ben sei tomi, prodotti dalle Edizioni di storia e studi sociali, e il progetto degli Annali di storia, che si avvale, tra l’altro, di un comitato internazionale di garanti.

Domani seduta del consiglio comunale per contrastare la scelta che la protagonista di una fiction tv abbia il nome di “Lady Corleone”

La mozione firmata da tutti i  capigruppo 


Dopo la denuncia di Città Nuove dello scorso 11 ottobre sui danni che deriverebbero alla nostra città
  
da una fiction tv intitolata “Lady Corleone”, le istituzioni cittadine si sono mosse. Il sindaco Nicolò Nicolosi si è detto disponibile ad iniziative per dissuadere la casa di produzione Taodue e la rete tv Mediaset dall’usare il nome Corleone. Il presidente del consiglio comunale Pio Siragusa, d’intesa con tutti i capigruppo, ha preparato una mozione (“Tutela immagine città di Corleone”), che sarà discussa ed approvata nella seduta consiliare convocata per lunedì 18 ottobre alle ore 16.00. Ecco il testo del documento, dove si chiede al sindaco e alla giunta di “attivare tutte le iniziative amministrative e legali necessarie per ottenere dalla Taodue e da Mediaset che la protagonista della miniserie tv in programma non abbia il nome di “Lady Corleone”, perchè inevitabilmente rafforzerebbe in Italia e nel mondo il falso stereotipo di una Corleone città di mafia”:

L’INTERVISTA. Il personaggio. Oliviero Toscani: “Che rabbia la Sicilia discarica di intelligenze”

«Un po’ di anni fa realizzai un catalogo a Corleone, i modelli erano i ragazzi del paese. Volevo dimostrare che i corleonesi non sono Totò Riina. Proiettammo le foto su un grande muro. Eccoli “i corleonesi” veri, non i criminali della cosca mafiosa. Ricordo l’entusiasmo straordinario di quei ragazzi».
di Massimo Lorello 
«La Sicilia è una grande discarica di intelligenze, la più grande della Terra». Oliviero Toscani, milanese, 79 anni, fotografo tra i più celebri al mondo, sintetizza il suo pensiero al culmine di un lungo, urticante j’accuse.
Ma perché ce l’ha tanto con la Sicilia?
«Io non ce l’ho con la Sicilia ma con i siciliani».
Cosa le hanno fatto i siciliani?
«Cosa fanno ogni giorno contro loro stessi, direi. In Sicilia si opera in un sistema di perenne compromesso. Sono incazzatissimo con i siciliani».
C’entra qualcosa la sua esperienza di assessore della giunta Sgarbi a Salemi?

La manifestazione dei sindacati a Roma: Tutti i fascismi che conosciamo

di Corrado Augias

Mai più fascismi” diceva la frase d’apertura. Un plurale pieno di significati. Perché fascismo è una parola che può voler dire molte cose; non così diverse l’una dall’altra, però molte. Nella grande piazza San Giovanni, gremita come quelle d’un tempo, questa cosa l’hanno capita benissimo, hanno applaudito, cantato e ballato al ritmo di Bella ciao che ormai è entrata nell’immaginario mondiale, compresi gli sceneggiati televisivi, una specie di inno popolare alla libertà di tutti — perché la libertà o è di tutti o non è.
C’è il fascismo della storia, cominciato nel marzo 1919 a Milano, piazza San Sepolcro, con la fondazione dei fasci di combattimento. Primo annuncio di un movimento che cinque anni dopo sarebbe diventato un regime. Quel fascismo è finito nell’aprile del 1945, con la morte del fondatore. Su quel ventennio il giudizio della storia è consolidato. Nessuno può negare che durante quel periodo si siano fatte anche “cose buone”. Ma, a distanza di un secolo, il giudizio della storia dev’essere globale e in un bilancio complessivo gli errori, i crimini, superano di gran lunga il merito d’aver completato la bonifica delle paludi pontine e fatto arrivare i treni in orario. Non c’è nessun intento caricaturale in queste righe, potrei citare anche altri risultati, ricordare gli istituti previdenziali, i dopolavoro, un’urbanistica spesso di qualità. Ma nessun risultato mette in paro la scellerata decisione delle leggi razziali, dell’alleanza con la Germania nazista, dell’entrata in una guerra che non potevamo combattere come gli stessi gerarchi avevano più volte ripetuto al Duce ottenendone la terrificante risposta (se dobbiamo credere a Galeazzo Ciano): “Che figura ci farei con Hitler?”.