CFC - CENTRO FISIOTERAPICO DEL CORLEONESE

sabato 8 maggio 2021

L’amministrazione Orlando incontra Cgil, Cisl e Uil Palermo. I sindacati lamentano l’assenza di confronto nel tempo e propongono i tavoli tematici: il primo si svolgerà il prossimo 21 maggio sulle Partecipate


“Bisogna rimettersi in marcia e guardare anche al 2022”. 

Palermo 8 maggio 2021 - Si è tenuto ieri in videoconferenza l’incontro convocato dal sindaco Orlando con gli assessori e i segretari di Cgil Cisl e Uil Palermo, Mario Ridulfo, Leonardo La Piana e Ignazio Baudo. Al centro del confronto, le problematiche dell’amministrazione della città e le prospettive per il futuro. Il sindaco, con la giunta presente, ha voluto ascoltare le organizzazioni sindacali confederali dopo la dichiarazione di preoccupazione sullo stato della città, sia in tema di bilancio comunale che di gestione delle aziende partecipate, rilasciate da lui in un’intervista. “Questo ascolto, se pur ritardato e discontinuo, dopo tante nostre richieste d’incontro rimaste senza risposta, lo raccogliamo come segnale di una volontà, per adesso solo dichiarata, di aprire una discussione non solo con il sindacato, come chiediamo, ma con le forze sociali e produttive oltre che politiche della città - dichiarano il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo, il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana e Ignazio Baudo per Uil Palermo - Una città che deve a nostro avviso guardare al futuro, cogliendo l’occasione di crescita e sviluppo offerta dalla situazione e dai fondi che arriveranno dall’Unione europea. Però questa è una città che deve fare i conti con i suoi problemi storici, a cominciare dalle infrastrutture sempre più carenti, ai servizi pubblici inadeguati collegati alle sue aziende partecipate, al tema dei cimiteri ancora in emergenza, fino alle periferie abbandonate e alla sua capacità di riscossione delle risorse necessarie, senza gravare su quelli che già le pagano”. I sindacati hanno chiesto a sindaco e giunta “un impegno aggiuntivo in questo scorcio di consiliatura in quanto ritengono che le fibrillazioni politiche in atto siano incompatibili rispetto alle prospettive complessive di sviluppo e le esigenze in questo particolare momento della città”. 
La difficoltà enorme a chiudere il bilancio comunale fra limiti di spesa, sovraindebitamento, contenziosi, riscossioni etc, il Piano triennale delle opere pubbliche non approvato, la variante al Piano regolatore generale, infrastrutture, Pnrr, aziende partecipate, decoro urbano, reindustrializzazione green, mobilità, sanità, scuola, servizi sociali, sono stati alcuni dei temi toccati. “Sono tanti gli argomenti che avrebbero bisogno di un luogo e di un momento di confronto aperto con la città, sia per decidere cosa fare in questo scorcio di consiliatura, sia soprattutto per tracciare un percorso per il futuro- aggiungono Ridulfo, La Piana e Baudo - Riteniamo necessario sviluppare il dibattito coinvolgendo tutte le nostre categorie sindacali, e attivare quei meccanismi di sinergia che possano anche prevedere il contributo di tutti gli altri attori sociali che hanno a cuore il bene della città. E bisogna affrontare il tema dell’ammodernamento e della digitalizzazione della macchina comunale e dei servizi”. 
Cgil Cisl Uil Palermo hanno chiesto anche di pensare a un progetto di sviluppo per l’intera area metropolitana che comprende comuni importanti come Carini e Termini Imerese in modo tale da dare prospettive in tema di lavoro anche a quella parte del territorio, puntando molto sulle Zes e sulle Zone franche montane. 
A conclusione della riunione, durante la quale hanno preso la parola diversi assessori, il sindaco ha proposto di aprire sin da subito un confronto, oltre a quello già in corso su edilizia cittadina e infrastrutture, su personale comunale, politiche sociali e aziende partecipate. Proprio partendo da quest’ultimo tema è stato fissato un primo incontro per il prossimo 21 maggio alle 15 tra Cgil Cisl Uil e le rispettive categorie all’interno delle aziende. Un cenno durante l’incontro anche sullo sciopero che le categorie hanno proclamato in Amat il prossimo 12 maggio e su questo l’assessore alla Mobilità ha già convocato le organizzazioni di categoria per un incontro fissato per  lunedì 10 maggio.

Nessun commento: