mercoledì 27 gennaio 2021

Le leggi razziali: David, il mio amico ebreo, un ricordo di Andrea Camilleri


ANDREA CAMILLERI

Quando nel 1938 il fascismo promulgò le leggi razziali io avevo tredici anni e frequentavo la terza ginnasio. Fin dal primo anno avevo stretto amicizia con un compagno di classe che si chiamava David Perna, ma che tutti, chissà perché, chiamavamo Pippo. Una mattina, alla fine delle lezioni, Pippo mi chiamò in disparte e mi disse che dal giorno seguente non avrebbe più frequentato la scuola. Siccome era figlio di un ferroviere, pensai che suo padre fosse stato trasferito altrove. Ne volli conferma: «Tuo padre è stato trasferito?» gli domandai.

«No, – rispose – nemmeno papà potrà più lavorare.»

«Ma perché?»

Ebbe un sorriso amarissimo.

PROGETTO DEL’ASP DI PALERMO PER PROMUOVERE LA SALUTE DEGLI STUDENTI


OLTRE 200 INSEGNANTI HANNO PARTECIPATO ALLA FORMAZIONE ONLINE

PALERMO 27 GENNAIO 2021 - Oltre 200 insegnanti hanno partecipato al primo incontro del Percorso di Formazione online (seconda fase)  previsto dal progetto “Life Skills e Resilienza: strategie efficaci per promuovere la salute a scuola”, realizzato dall’Asp di Palermo in collaborazione con l’Associazione per la Mobilitazione Sociale Onlus (AMS).

Coronavirus a Corleone. Oggi due nuovi casi e tre persone ricoverate in ospedale

🔴 #CoronavirusCorleone (27 gennaio 2021) 

Si comunica che in data odierna sono stati registrati 2 nuovi casi di Coronavirus a Corleone. Sono 3 le persone che sono state ricoverate in ospedale.

Oggi è il giorno della memoria. Confermiamo l’impegno antifascista firmando la proposta di legge per punire più duramente chi inneggia ancora ai “mostri”


GIOVANNI PERRINO

Oggi è il GIORNO DELLA MEMORIA. L'impegno dell’Anpi per non dimenticare. L’invito a raccogliere le firme per chiedere una legge di iniziativa popolare che punisca la diffusione anche sui social di manifesti e simboli inneggianti al nazifascismo e che renda più severa l'applicazione delle leggi esistenti

Oggi ricorre il XVI Giorno della Memoria. Dopo 16 anni di celebrazioni è tempo di bilanci per la scuola  e la società in tutta l'Unione Europea. Il ricordo precede la memoria e fa bene ricordare gli sforzi profusi dalle istituzioni. Segnalo le mie perplessità sui risultati. Resta grande l'ignoranza e l'indifferenza.

martedì 26 gennaio 2021

Coronavirus a CORLEONE. Un nuovo contagio, tre guariti e un ricovero in ospedale


🔴 #CoronavirusCorleone (26 gennaio 2021) 

Si comunica che in data odierna è stato registrato un nuovo caso di Coronavirus a Corleone. Sono 3 i guariti. Una persona ha avuto bisogno del ricovero in ospedale.

CORLEONE, quasi un milione di euro per le Cascate delle Due Rocche

La cascata delle Due Rocche a Corleone

L’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente ha dichiarato ammissibile il progetto del Comune di Corleone “Tutela e valorizzazione e fruizione del sito delle Cascate delle Due Rocche.
Interventi per la tutela e la valorizzazione di aree di attrazione di rilevanza strategica diretti a consolidare e promuovere processi di sviluppo” per un importo di € 990.823,05.

CONFISCA BENI, ARMI PIU’ AFFILATE NEL NUOVO REGOLAMENTO UE. LA SINTESI DI AVVISO PUBBLICO


 Massimo Lauria
I sequestri e le confische di beni strumentali e dei proventi derivanti dalle attività criminali saranno applicabili in tutta Europa, con il riconoscimento reciproco nei Paesi dell’Unione dei provvedimenti antimafia dell’autorità giudiziaria. Lo prevede il nuovo Regolamento (UE) 2018/1805 del Parlamento e del Consiglio europeo (14 novembre 2018), entrato in vigore il 19 dicembre 2020. La magistratura, dunque, viene dotata di armi più affilate per colpire economicamente le organizzazioni mafiose presenti su tutto il continente.

Operazione Bivio. Il segretario Cgil Palermo Mario Ridulfo: “Apprezzamento per il lavoro svolto da magistrati e carabinieri. Intervenire con gli investimenti programmati per la crescita delle periferie”. Il ministro Lamorgese: “La mafia usa la crisi per rafforzare il suo consenso”

Il segretario della Cgil Palermo Mario Ridulfo

Palermo 26 gennaio 2021 - “Manifestiamo forte apprezzamento per l'operazione antimafia che ha portato all'arresto di 16 esponenti del clan di Tommaso Natale e dello Zen.
Ai magistrati e ai carabinieri del nucleo investigativo va il plauso della Cgil per essere riusciti a smantellare un'organizzazione che si stava espandendo cercando consenso tra le fasce più bisognose e deboli della popolazione, presentandosi come un welfare alternativo – dichiara il segretario della Cgil Palermo Mario Ridulfo -

Palermo. Operazione “Bivio”: 16 arresti nel mandamento mafioso di Tommaso Natale

Il generale Arturo Guarino, comandante provinciale
dei Carabinieri di Palermo

La Procura Distrettuale Antimafia di Palermo ha emesso un provvedimento di fermo di indiziato di delitto nei confronti di 16 indagati
 che sono stati tratti in arresto dai Carabinieri di Palermo questa mattina in quanto ritenuti a vario titolo responsabili dei delitti di associazione per delinquere di tipo mafioso, tentato omicidio, estorsioni consumate e tentate aggravate, danneggiamento seguito da incendio, minacce aggravate, detenzione abusiva di armi da fuoco.
I NOMI E LE FOTO DEGLI ARRESTATI

Ricordando Mario Francese, cronista controcorrente

Mario Francese

Aaron Pettinari*

Dalla strage di viale Lazio al delitto Tandoj, passando per la strage di Ciaculli e l'omicidio del colonnello Giuseppe Russo. E' così che Mario Francese, giornalista del Giornale di Sicilia, divenne in poco tempo un grandissimo conoscitore della mafia palermitana ed i suoi segreti. Fu uno dei primi a capire cosa stesse accadendo all'interno di Cosa nostra negli anni Settanta, raccontando l'ascesa dei corleonesi Riina e Provenzano. Fu persino l'unico giornalista a intervistare la moglie di Totò RiinaNinetta Bagarella. Fece anche rivelazioni su personaggi come don Agostino Coppola, il sacerdote di Partinico che aveva celebrato le nozze segrete del latitante Riina e aveva rapporti con l'anonima sequestri.

La morte di Roberta Siragusa, cordoglio della Cgil. “Esprimiamo tutto il nostro dolore alla famiglia e alla comunità di Caccamo

Roberta Siragusa

“Intensificare gli interventi di prevenzione contro la violenza di genere e di aiuto alla donne”. 

Palermo 26 gennaio 2021 - Cordoglio della Cgil di Palermo, Termini Imerese e Caccamo per la morte di Roberta Siragusa, la ragazza di 17 anni vittima di violenza. “Desideriamo esprimere il nostro profondo dolore e la nostra vicinanza alla famiglia e alla comunità di Caccamo – dichiarano Anna Maria Tirreno, segretario Cgil Palermo, Laura Di Martino, segretario Cgil Termini Imerese e Enza Pisa, coordinatrice donne Cgil Palermo – Per il nostro territorio, questa morte è l'ennesima manifestazione di violenza che sconvolge la nostra società, senza distinzione di ceto, cultura, colore.

lunedì 25 gennaio 2021

CORLEONE, oggi cinque nuovi casi di coronavirus e un morto


🔴 #CoronavirusCorleone (25 gennaio 2021) 

Si comunica che in data odierna sono stati registrati 5 nuovi casi di Coronavirus a Corleone. Come già comunicato, una persona è deceduta. Un nuovo lutto a causa del coronavirus ha colpito infatti Corleone. È arrivata la notizia di un quarto decesso provocato dal covid. 

Corleone, sopralluogo nell’ex area artigianale di contrada Frattina per verificare la fattibilità di un ambulatorio veterinario per i cani randagi

I tanti presenti al sopralluogo 

La settimana scorsa é stato effettuato un  s
opralluogo nell'area artigianale di contrada Frattina per verificare la possibilità di realizzarvi “un ambulatorio per la sterilizzazione dei cani randagi di Corleone”, scrive il comune in una nota Facebook. E aggiunge: “Il Comune ha intenzione di rimettere a nuovo un immobile ormai in disuso e oggetto di alcuni atti vandalici”. Segue un elenco infinito delle persone che hanno partecipato e si vedono in foto, incuranti dell’assembramento provocato in un comune che ormai viaggia sui 50 contagiati.

LA LETTERA. Ci vuole tolleranza nei confronti delle idee diverse dalle nostre


LUCIA MAZZARA

Un parlamentare che si reca dal Presidente della Repubblica credo sia tenuto, per un saldo principio etico, a non svelare quanto si siano detti durante la loro conversazione. Inoltre, la pescivendola  si sarà sentita a disagio per avere offeso un uomo dello Stato, nella persona del Presidente Conte, in una sede istituzionale importante, quale il Senato?  E' inammissibile che si dica tutto e il contrario di tutto, è inaccettabile che non  trovino mai, dico mai, una convergenza di idee.

SICILIA. FAVA: "PREFERENZA DI GENERE NON PIÙ RINVIABILE"


PALERMO (ITALPRESS) - "Condividiamo l'appello lanciato da Le Siciliane. Non e' piu' tempo di rimandare una necessita democratica, come chiesto da tempo a partire dalla Cgil e dalle
 organizzazioni femminili in Sicilia. Anche per le elezioni regionali deve essere introdotto lo strumento della doppia preferenza di genere, come e' avvenuto, con esiti positivi, per le elezioni amministrative ed europee. In questo senso abbiamo depositato un emendamento ai disegni di legge che saranno esaminati dall'ARS nei prossimi giorni e che fa seguito all'appello lanciato dalla societa' civile. Lo offriamo a tutte le forze parlamentari a cui chiediamo di aderire: il tema della rappresentanza di genere non ha etichetta di parte ed e' una necessita' non piu' rinviabile". Lo dichiara in una nota Claudio Fava, annunciando la presentazione di un emendamento che introduce la "preferenza di genere" per l'elezione del parlamento regionale.

(ITALPRESS) - 25-Gen-21

 NNNN ********************

domenica 24 gennaio 2021

Per rompere le gabbie che bloccano la Calabria


ENZO CICONTE*

Il problema di ogni campagna elettorale è trovare candidati credibili e rappresentativi. In Calabria, dove si voterà tra poco, lo è ancora di più. Qui, chiunque si candidi, deve avere la forza di rifiutare i voti della ‘ndrangheta. In Calabria c’è però la questione delle classi dirigenti la cui qualità si è abbassata negli ultimi anni, complice anche il fatto che i partiti tradizionali sono evaporati e chi ha cavalcato l’antipolitica ha visto deludere le aspettative.

Iniziativa del M5S per la zona interna del Corleonese con lo strumento SNAI

GdS 24 gennaio 2021

 

Sicilia, Spera (Pd): Innaturale coalizione moderati con Salvini-Meloni

Leonardo Spera

Roma, 24 gen. (LaPresse) - “Oggi più che mai è importante creare delle alleanze che contrastino l'affermazione del dilagante ‘sovranismo’.
 Un problema che esiste e che riguarda tutta l'Italia, così la Sicilia. Per questo, è fondamentale riunire tutte quelle forze che possono arginare questo fenomeno e bisogna iniziare a farlo prima possibile, già dalle prossime amministrative di Palermo”.

Termoscanner e sanificatori sono stati donati dal Rotary Club di Corleone a parrocchie e scuole


Il Rotary Club Corleone ha completato la consegna dei sanificatori e dei termoscanner  in alcuni istituti scolastici, parrocchie e istituti per anziani di Corleone , Marineo , Prizzi , Palazzo Adriano, Chiusa Sclafani  e Bisacquino. Un sanificatore ud un termoscanner è stato consegnato anche al
la casa di riposo " Madonna delle Grazie" di Bisacquino, dove si sono verificati decessi a causa di infezioni di coronavirus.

sabato 23 gennaio 2021

Sicilia. Intensa attività dei Carabinieri per contrastare i furti nelle campagne


In una prospettiva in cui la sicurezza deve farsi più vicina ai reali bisogni dei cittadini, è oggi necessario percorrere con decisione la strada di sempre più efficaci modelli operativi volti al controllo dei territori extra-urbani, per prevenire situazioni di pericolo e favorire la vivibilità dei contestrurali, sempre più frequentemente oggetto di reati predatori, tanto è che spesso si parla di fenomeni riconducibili alla “criminalità rurale”.

Alcune recenti attività delle Stazioni Carabinieri hanno evidenziato che le tipologie dei reati più diffusi, che incidono sulla percezione della sicurezza e sui livelli di produttività delle zone rurali, vanno dal semplice furto dei prodotti della terra, al danneggiamento di casolari, sino ad arrivare alla sottrazione di capi di bestiame, attrezzature varie e macchinari agricoli.

"SCHOOL WORK DAY ON LINE " DON COLLETTO SEDE MARINEO


DOMENICA 24 GENNAIO E LUNEDI 25 Gennaio 2021 dalle ore 15.00 alle ore 18.00
  in occasione dell'ultimo weekend utile per le iscrizioni all'anno scolastico 2020/2021 la sede di Marineo dell'Istituto Statale Don Colletto Corleone organizza un incontro con le Aziende del Territorio che in questi anni hanno contribuito insieme ai docenti della  scuola alla formazione degli alunni in attività di tirocini formativi di Alternanza Scuola Lavoro e Apprendistato riconosciuti dallo Stato Italiano e dalla Regione Siciliana. Le aziende partner coinvolte sono:

venerdì 22 gennaio 2021

Nidil Cgil Palermo: “I rider sono lavoratori dipendenti a tutti gli effetti, vanno tutelati”


Delivery. Nidil Cgil: “Il riconoscimento al rider palermitano dimostra ancora una volta che parliamo di un lavoro a tutti gli effetti”. Appello alle istituzioni per la sicurezza dei lavoratori 

Palermo 22 gennaio 2021 - “Il riconoscimento del rider palermitano come recordman di consegne, addirittura a livello mondiale, ancora una volta è la prova che questo lavoro, soprattutto in una città come Palermo, in una realtà del Mezzogiorno, non si può classificare come lavoretto ma per molti rappresenta il primo e unico lavoro a tempo pieno.

GENEROSITA' SENZA CONFINI: IL VENEZUELA AIUTA IL BRASILE NONOSTANTE L'OSTILITA' TRA I GOVERNI


PIETRO SCAGLIONE
La solidarietà prevale sulle rivalità politiche. Sulla base di questo principio, il Venezuela(guidato da un governo socialista) ha inviato medici, aiuti e ossigeno alle popolazioni dell'Amazzonia in difficoltà per emergenza Covid, nonostante il Presidente brasiliano Bolsonaro (esponente della destra più radicale) non abbia riconosciuto la legittimità dell'elezione del suo omologo venezuelano Nicolas Maduro (successore di Hugo Chavez). Un gesto di solidarietà giustamente apprezzato dal governatore locale, ma non dallo stesso Bolsonaro (assai contestato in Brasile per la gestione della pandemia e tanto altro). 
Il governo venezuelano, nei giorni scorsi, ha inviato a Manaus una carovana di 6 camion carichi di 136mila litri di ossigeno equivalenti a 14mila singole bombole.

Macaluso racconta l’Operazione Milazzo: quando fece la storia

Emanuele Macaluso 

Il politico siciliano fu l’ispiratore di quella stagione politica. Ecco un’intervista del 2005 che descrive motivazioni, sviluppo e conclusioni di un periodo ben preciso della storia siciliana

di Giovanni Burgio

Nella lunga e importante vita politica di Emanuele Macaluso, purtroppo recentemente scomparso, un preciso momento ne connota la personalità e l’ideologia politica: la fine degli anni cinquanta durante la formazione dei “Governi Milazzo”all’Assemblea regionale siciliana.

Egli, infatti, deputato all’Assemblea regionale e segretario del PCI isolano, è uno dei principali ideatori e artefici di questa singolare e controversa fase politica siciliana che ha dato vita a vivaci e lunghi dibattiti, aspre polemiche, duri contrasti.

Ma perché l’“Operazione Milazzo” disarticolò le tradizionali alleanze politiche? Come mai quei governi sono ritenuti da alcuni confusi e trasformisti, da altri invece sono considerati come delicatissimi passaggi da una vecchia fase di immobilità assoluta ad una di movimento convulso con aperture fino allora ritenute impossibili?

Emergenza coronavirus a Corleone. Oggi un nuovo caso di coronavirus che porta a 50 gli attuali contagi


🔴 #CoronavirusCorleone (22 gennaio 2021) 

Si comunica che in data odierna è stato registrato un nuovo caso di Coronavirus a Corleone.

L’EMILIA-ROMAGNA, TOGLIATTI E IL “NON FAREMO COME LA RUSSIA”


Riproponiamo una nota attualissima pubblicata proprio un anno fa sulla pagina Facebook EM.MA in corsivo dal caro compagno Emanuele Macaluso che abbiamo salutato ieri per l’ultima volta...(Dp)
.

EMANUELE MACALUSO

Oggi Antonio Polito, nel suo editoriale sul Corriere della Sera dedicato alle elezioni imminenti in Emilia-Romagna, scrive: “Quando il Pci in Italia sognava ancora di fare come in Russia, a Bologna e dintorni la sinistra era invece già una ragionevole pratica di buon governo e un accorto sistema di alleanze tra contadini, operai e borghesia produttiva”.

giovedì 21 gennaio 2021

Emergenza coronavirus a CORLEONE. Oggi altri due nuovi casi: siamo arrivati a 49!


🔴 #CoronavirusCorleone (21 gennaio 2021) 

Si comunica che in data odierna sono stati registrati 2 nuovi casi di Coronavirus a Corleone.

Ci chiediamo (e chiediamo al comune e alle autorità sanitarie): quando si farà una seria riflessione e si adotteranno misure più adeguate ad impedire questo progressivo e costante aumento dei contagi? Tra i cittadini comincia a serpeggiare preoccupazione e paura. (Dp)

Corleone, dal prossimo anno scolastico il liceo “don G. Colletto” avrà anche l’indirizzo musicale


L’Istituto “Don Colletto” diventa liceo musicale. Grazie ad una convenzione firmata con il Conservatorio “Scarlatti” di Palermo, è già possibile iscriversi per l’anno scolastico 2021/2022.
Oltre alle classiche materie generali del liceo (dall’italiano all’inglese, dalla matematica alla fisica, passando per la filosofia e le scienze naturali), sono previsti insegnamenti specifici: primo e secondo strumento, storia della musica, tecnologie musicali, laboratorio di musica d’insieme. 

Io e il Pci col Pci che non c’è più

Da sx: Achille Occhetto, Giovanni Giannobile e Dino Paternostro (Corleone1979)

DINO PATERNOSTRO                                         
I primi rudimenti di marxismo li appresi al liceo di Corleone col prof. Giovanni Callari. Mi affascinavano Marx ed Engels e la loro idea di comunismo come una società dove ognuno da quel che può dare e riceve quello di cui ha bisogno. Mi affascinava anche l’affermazione di mio padre (seconda elementare) che Gesù Cristo era stato il primo socialista della storia e il richiamo alla frase biblica della “terra promessa”, quella terra dove scorre latte e miele e le spade si trasformano in aratri. Mi piaceva (mi piace) pensare ad un filo che univa (unisce) marxismo e cristianesimo. 

Corleone, notificato il decreto di finanziamento di un milione e mezzo di euro per i lavori in via Francesco Bentivegna

Corso Francesco Bentivegna

Notificato al Comune di Corleone il decreto di finanziamento per l’intervento su corso Bentivegna. Un provvedimento molto atteso che consentirà di bandire al più presto la gara d’appalto e di investire oltre un milione e mezzo di euro nella via più importante della città, destinata nell’intenzione degli amministratori comunali a diventare il “salotto di Corleone”.
 
La storia di questo progetto parte da lontano, dal 2005, e per varie ragioni non si è mai concretizzato, rischiando anche di perdere il cospicuo finanziamento. Il via libera al progetto esecutivo era stato dato a settembre del 2019, con la conseguente trasmissione all’assessorato regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità.

L’ANNIVERSARIO DEL PCI: 1921-2021. Bertinotti: "Ma la sinistra di domani è socialista"


di Ezio Mauro
Fausto Bertinotti, già segretario di Rifondazione comunista, torna ai giorni di Livorno in cui nacque il Pci: "Turati aveva torto, la rivoluzione è stata una magnifica occasione persa"
Fausto Bertinotti, 80 anni. Lei è stato presidente della Camera, segretario di Rifondazione comunista, ma prima ha militato nel Pci e nel Psi, quindi conosce bene le due anime della sinistra. A Livorno, nel 1921, dovevano dividersi per forza?
«Capisco che questa sia da sempre la grande questione. Ma la storia che è venuta dopo ci dice che non c’era altra possibilità che la divisione, già consumata nel biennio rosso e nell’occupazione delle fabbriche. Ogni volta, due risposte diverse, una dei comunisti, una di tutti gli altri: erano i germi della scissione».

Ci vuole abilità: Vaccino ai disabili gravi la battaglia per fare presto

di Patrizia Gariffo 
Come Garante dei disabili del Comune di Monreale e coordinatore dell’ambulatorio gravi disabili del Policlinico Paolo Giaccone di Palermo ho subito condiviso e portato avanti l’iniziativa del collega Pietro Colletti, una petizione che collochi ai primi posti nel piano vaccinale le persone con disabilità. La raccolta firme, lanciata sul sito change.org, ne ha già raccolte tantissime ed è stata condivisa da medici, infettivologi, psichiatri e tecnici della riabilitazione psichiatrica.
Salvatore Porrovecchio 
Lo scorso 7 gennaio il commissario Arcuri ha dichiarato che per le persone con disabilità le vaccinazioni dovranno iniziare a febbraio, ma da allora nessuno è più tornato sull’argomento. Non lo nascondo: il timore di essere lasciati indietro c’è. Sono stati lanciati appelli e petizioni come quella di Pietro Colletti, direttore dell’unità operativa di Malattie infettive Covid di Mazara e Marsala, sostenuta pure da Porrovecchio, dalla Federazione italiana per il superamento dell’handicap, dalla Federazione tra le associazioni nazionali delle persone con disabilità,

PIER LUIGI BERSANI: "Livorno, che sconfitta"


di Concetto Vecchio
L’ex segretario dem: "Nel 1921 ancora prima di dividerci avevamo già perso, perché il fascismo era alle porte Solo Gramsci lo capì. L’erede del riformismo? Il Pci"

Pierluigi Bersani, a chi ha dato ragione la storia sul congresso del 1921?

«A Livorno sono stati sconfitti sia i riformisti che hanno predicato la rivoluzione senza farla, sia i comunisti che erano convinti di farla fuori tempo, mentre ormai si era affermato il fascismo. Dunque l’assise si celebra dopo la sconfitta, non prima».

mercoledì 20 gennaio 2021

BOLOGNETTA, Cosa nostra si riorganizza con il racket del caro estinto. Fermati due imprenditori


di SALVO PALAZZOLO

Blitz dei carabinieri a Bolognetta: gli indagati gestivano gli affari del capomafia arrestato. Uno di loro intercettato al telefono col sindaco, parlavano dei lavori al cimitero

Il capomafia di Bolognetta, grosso centro alle porte di Palermo, è in carcere da due anni. Gli affari del clan erano affidati a due insospettabili imprenditori, che erano riusciti a imporre il loro monopolio nel settore delle pompe funebri. Un vecchio affare per i padrini e i loro complici, che torna sempre di attualità quando c’è bisogno di fare cassa. E in questo momento Cosa nostra ha bisogno di tanta liquidità per fare fronte al sostentamento delle famiglie dei tanti carcerati.

Emergenza coronavirus a CORLEONE. Oggi si sono registrati cinque nuovi casi di coronavirus


🔴 #CoronavirusCorleone (20 gennaio 2021) 

Si comunica che in data odierna sono stati registrati 5 nuovi casi di Coronavirus a Corleone.

CON REPUBBLICA E L’ESPRESSO: La sinistra vista da vicino


di
BRUNO MANFELLOTTO
Un viaggio in quattro tappe nella galassia progressista e nella sua storia Un secolo di idee, battaglie, conquiste civili, divisioni, raccontato con articoli di giornale d’epoca, contributi di testimoni e grandi firme
A un certo punto, ancora lontano il centenario della scissione di Livorno dal quale qui si prende spunto, la questione si chiuse sbrigativamente, senza tante domande, ripetendo che «non ci sono più né destra né sinistra». A sostenerlo era soprattutto chi di sinistra non era, come a spazzare via con uno slogan gli avversari di sempre. Ma il paradosso è che il sospetto si faceva strada anche a sinistra. Quasi a mettersi l’anima in pace dinanzi alla consapevolezza, amara, che le vecchie lenti, le ricette pronte all’uso, le analisi preconfezionate non erano più sufficienti a comprendere eventi inattesi e sconosciuti che nessuno si sforzava più di tradurre in politica. Evidentemente non si trovavano risposte originali. Anzi, si finiva per mutuare comportamenti e convincimenti che con la sinistra avevano poco a che fare. Senza adattarli ai propri valori.

1924-2021: Addio Macaluso, comunista per sempre


di
FILIPPO CECCARELLI 
È morto a 96 anni il politico sopravvissuto alla storia del suo partito Fu chiamato a Roma da Togliatti. Diventò confidente di Berlinguer, favorì l’ascesa di Sandro Pertini al Quirinale e non aderì mai al Pd
Può sembrare un paradosso ricordare Emanuele Macaluso come un grande Sopravvissuto proprio in occasione della sua morte, a 96 anni, dopo una lunghissima vita intensa e accompagnata dalla più alta e generale considerazione. Ma il fatto che avesse vissuto ben oltre la durata del Pci e se ne sia andato il giorno prima del centenario finisce per collocare la sua figura quasi al di là del tempo; come se fosse la sua stessa vita a fissare la misura del secolo, dalle lotte contro lo sfruttamento dei "carusi" nelle zolfatare alla vuota superficialità del presente, rispetto al quale spesso scuoteva la testa, ma senza mai smettere di curiosare, interpretare, capire e a volte anche divertirsi.

1921-2021: L’ANNIVERSARIO. D'Alema: "Il Pci è sempre stato riformista"

I leader storici Antonio Gramsci insieme a Palmiro Togliatti
in un disegno di Renato Guttuso


di
EZIO MAURO
Massimo D’Alema ripercorre i cento anni dalla fondazione di Livorno tra ideali e contraddizioni "L’ambiguità era praticare il gradualismo nascondendolo col linguaggio della rivoluzione" E sui rapporti con l’Urss: "La rottura fu tardiva, Occhetto ha un merito storico"

Massimo D’Alema, lei è stato il primo presidente del Consiglio venuto dal Pci, nella percezione comune viene considerato come l’ultimo comunista, il figlio di quel partito. Voltandosi indietro, come giudica la scissione di Livorno del 1921 che portò alla nascita del Pci?
«Io penso che il gruppo dirigente del Pci si sia formato proprio nella riflessione autocritica sul congresso di Livorno. Tutto il pensiero di Gramsci è un’analisi autocritica sugli anni Venti: anzi, si potrebbe dire che Gramsci ha scritto un’opera monumentale sulle ragioni della sconfitta della sinistra in Italia. Quindi il ’21 è celebrato come l’evento della nascita del Pci ma in realtà risulta una sconfitta, una frattura del movimento operaio, proprio quando stava sorgendo il fascismo».

L’intervista all’ex leader Psi. Claudio Martelli: "La vera eredità è quella socialista"


di
CONCETTO VECCHIO

Claudio Martelli, perché diventa socialista?
«Vengo da una famiglia di tradizione repubblicana, liberaldemocratica. Antifascista innanzitutto, ma anche anticomunista. Mi ricordo che una sera a casa, a 13 anni nel 1956, ascoltai alla radio le notizie dell’invasione sovietica dell’Ungheria, quella dei carri armati. Si sentiva quasi un rumore di cingoli e una sensazione di smarrimento, di orrore di fronte a questa tragedia, a questa violenza inaudita, della Russia sovietica. Un Paese gigantesco schierato contro un piccolo Paese che voleva semplicemente un po’ di indipendenza».

martedì 19 gennaio 2021

In memoria di Emanuele Macaluso. “Ho conosciuto un grande uomo, un uomo di quella bella sinistra che ci fa essere orgogliosi di esserlo”

Con Emanuele Macaluso il primo maggio 2019

DINO PATERNOSTRO

Nel 1983 il mio primo incontro con Emanuele Macaluso fu polemico. Gli contestai col furore dei miei trent’anni di avere sottovalutato le iniziative con cui a Corleone si era ricordato Placido Rizzotto, dopo decenni di silenzio. Allora Macaluso era direttore de “L’Unità”, ed io gli rimproveravo di non avere pubblicato un mio articolo su quell’evento. Mi rispose con una lettera garbata, invitandomi ad essere un lettore più attento. Infatti, l’articolo era stato pubblicato, solo che io non me n’ero accorto. Mi vergognai un po’, gli chiesi scusa, e nacque un bel rapporto che continuò nel tempo, tanto che insieme ad altri compagni mi avvicinai all’area riformista da lui guidata insieme a Giorgio Napolitano. 

Corleone, il questore di Palermo in visita al commissariato

Da sx: il commissario Filippo Li Volsi, il sindaco Nicolò Nicolosi,
Il questore Leopoldo Laricchia, il vicesindaco Maria Clara Crapisi

Prima visita stamani a Corleone per il questore della provincia di Palermo Leopoldo Laricchia.
Accompagnato dal commissario capo Filippo Li Volsi, il questore ha prima visitato il commissariato di via Verdi, inaugurato il 25 aprile del 2019, e poi ha incontrato il sindaco Nicolò Nicolosi e il vice sindaco Maria Clara Crapisi. Laricchia è subentrato a Renato Cortese (che aveva ricevuto la cittadinanza onoraria corleonese) e ha assunto l’incarico il 22 ottobre dello scorso anno, quando era questore a Brescia. 

Emergenza coronavirus a CORLEONE. Oggi altri due casi di coronavirus


🔴 #CoronavirusCorleone (19 gennaio 2021) 

Si comunica che in data odierna sono stati registrati 2 nuovi casi di Coronavirus a Corleone.

EMANUELE MACALUSO: DI RITORNO DA PORTELLA DELLA GINESTRA

Macaluso alla giornata della memoria

Ripubblichiamo la nota di Emanuele Macaluso dove ci parla del suo viaggio a Portella della Ginestra del 1 maggio 2019 e della partecipazione alla PRIMA GIORNATA DELLA MEMORIA DEI SINDACALISTI ASSASSINATI DALLA MAFIA IN SICILIA. In quell'occasione ha apprezzato molto l'iniziativa e la mia relazione, di cui ha voluto copia. Emozionante. (dp)

di EMANUELE MACALUSO
Come vi avevo annunciato, nei giorni scorsi sono stato a Palermo per partecipare ad alcune iniziative della Cgil. Il 29 aprile la Camera del Lavoro ha organizzato la presentazione del mio libro dedicato alla strage di Portella della Ginestra ed è stato un primo momento di discussione sugli anni in cui il sindacato in Sicilia svolse un ruolo straordinario. Il 30 aprile è stato l’anniversario dell’uccisione di Pio La Torre e Rosario Di Salvo (1982). Si sono svolte due manifestazioni. Di mattina, nel grande atrio del palazzo dei Normanni, sede dell’Assemblea regionale siciliana, promossa dalla Fonda zione Pio La Torre, si è svolto un raduno, con la partecipazione di istituzioni statali e regionali, del sindaco di Palermo e di alcune scolaresche d’Italia, per ricordare l’opera di Pio e di Rosario e per fare anche un punto si cosa è oggi la mafia e cosa è questa lotta non solo in Sicilia.

Emanuele Macaluso: passeggiando sotto casa tra il Migliore e Berlinguer. «Essere di sinistra ha avuto un senso, perché ha migliorato la vita a milioni e milioni di uomini. Ne è valsa la pena, direi»

di Concetto Vecchio

 

Emanuele Macaluso (nato il 21 marzo 1924) su una panchina in piazza Santa Maria
Liberatrice, nel quartiere Testaccio di Roma, dove vive (
Concetto Vecchio)


RIPUBBLICHIAMO L'INTERVISTA A CONCETTO VECCHIO PER VENERDI' DI REPUBBLICA DEL 20 NOVEMBRE 2020

Comunista a 16 anni, oggi ne ha quasi 97: "Sono l'unico ancora in vita della segreteria di Togliatti. Che non era gelido come raccontano"
«Sono l’unico ancora in vita che è stato nella segreteria del Pci con Togliatti» dice con civetteria Emanuele Macaluso, mentre si avvicina alla chiesa di Testaccio, a Roma. Togliatti è morto nel 1964. E Macaluso era già qualcuno. Il vecchio senatore è uscito per la sgambata pomeridiana, avvolto nel cappotto e con la coppola calcata sul capo. Chi si ricorda più della storia centenaria della sinistra italiana? Macaluso, che ha 96 anni, («quasi 97», celia), la sa a memoria, visto che l’ha attraversata per intero con la stessa elegante leggerezza con cui percorre piazza Santa Maria Liberatrice animata dal vocìo dei bambini.

La scomparsa di Emanuele Macaluso: alla Cgil Palermo bandiera a mezz'asta

Emanuele Macaluso a Portella della ginestra il 1* maggio 2019

Ridulfo: “Va via una grande personalità che ha fatto parte della nostra storia”. Il 1° maggio 2019, il suo comizio a Portella della Ginestra, dopo 71 anni. Fu segretario Cgil Palermo dal  '53 al '55 e fu sostituito da  Pio La Torre. La lezione: l'importanza della sua formazione sindacale.  
  
Palermo 19 gennaio 2021 – Bandiere a mezz'asta in segno di lutto oggi nella sede della Cgil Palermo, in via Meli 5, per la scomparsa di Emanuele Macaluso, grande dirigente della Cgil palermitana, siciliana  e nazionale.  Emanuele Macaluso nel 1953 divenne segretario della Camera del Lavoro di Palermo, prima di Pio La Torre, che lo sostituì nel 1955. Per il Primo Maggio del 2019 aveva preso parte al corteo di Portella e, dopo 71 anni dalla sua prima volta, aveva accettato l'invito della Cgil Palermo di tornare a parlare dal sasso di Barbato, intervenendo assieme al segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo e al vice segretario generale Cgil Gianna Fracassi.  

Addio a Emanuele Macaluso, storico dirigente comunista

  



EMANUELE MACALUSO 

L'ex senatore si è spento a 96 anni

DI: CONCETTO VECCHIO

Fino all'ultimo Emanuele Macaluso, morto oggi a 96 anni, ha mantenuto uno sguardo curioso sul mondo. Era sorprendentemente sul pezzo. Ogni mattina si svegliava alle sei, leggeva il pacco di quotidiani comprati all'edicola della piazza di Testaccio, quindi, dopo la passeggiata sul Lungotevere, dettava all’ex giornalista dell’Unità Sergio Sergi il commento scritto a mano sul tavolo della cucina. Sergi lo postava materialmente sulla pagina Facebook Em.Ma in corsivo. Una rubrica di successo. A Macaluso però non importavano i riscontri. Non aveva nemmeno un computer.

lunedì 18 gennaio 2021

Emergenza coronavirus a CORLEONE. Oggi ancora tre nuovi casi...


🔴 #CoronavirusCorleone (18 gennaio 2021) 

Si comunica che in data odierna sono stati registrati 3 nuovi casi di Coronavirus a Corleone. Una persona è stata dimessa dall’ospedale.

EMERGENZA CORONAVIRUS. VACCINAZIONI/ASP DI PALERMO: ESEGUITE PRIME DOSI DI RICHIAMO NELLA RSA BUON PASTORE


PALERMO 18 GENNAIO 2021- 
Prime dosi di richiamo del vaccino anticovid all’Asp di Palermo. I medici dell’Azienda sanitaria provinciale del capoluogo hanno somministrato il siero ad operatori ed anziani degenti della RSA Buon Pastore. A distanza di 21 giorni dalla prima dose,  hanno ricevuto la seconda 5 operatori e 21 degenti della struttura palermitana. Effettuata anche la prima dose di vaccino ad un nuovo degente. Sono complessivamente 15.232 le vaccinazioni effettuate dall’Asp del capoluogo, di cui 5.213 a Villa delle Ginestre. (nr)

LA LETTERA. Ridulfo: “Pippo Vetrano è stato uno dei più bravi attori dello sviluppo locale”

Pippo Vetrano

CALOGERO RIDULFO

E' con profonda tristezza che ho appreso della scomparsa del caro amico Pippo Vetrano. Reputo, allo stesso tempo, che la decisione dell'Università di Catania di dedicare una Borsa di Studio alla sua memoria sia il giusto riconoscimento all’impegno  di un uomo che ha dedicato la sua attività professionale alle azioni di sviluppo delle comunità locali di Sicilia. Ricordo di averlo conosciuto nel lontano 1993, quando ebbi a far parte del Gruppo di Azione Locale del Progetto Comunitario LEADER "Terre del Sosio". Una esperienza molto positiva, un’occasione di crescita per tutti noi operatori, tra i quali Pippo si affermò presto come guida e coordinatore, per la sua preparazione e la sua competenza, che sempre più nel corso degli anni  ne ha fatto uno dei più bravi attori dello Sviluppo Locale nell'ambito delle politiche Comunitarie. Un affettuoso saluto e un caro abbraccio vada alla dolce moglie Anna Maria e ai figli, ai quali Pippo ha lasciato certamente un vuoto incolmabile. La loro forza sia l'energia migliore per continuare a dare linfa vitale al ricordo di un uomo che ha lasciato, attraverso il suo impegno nelle azioni di sviluppo locale, un patrimonio che non può andar perso.

PROCESSO CARABINIERI CASERMA LEVANTE DI PIACENZA: IL S.I.L.CA. E’ STATO AMMESSO COME PARTE CIVILE

Nell’udienza di stamane, il GUP del Tribunale di Piacenza ha deciso di ammettere il Sindacato Italiano lavoratori Carabinieri come Parte Civile al processo perrito abbreviato per i gravi reati di cui sono accusati alcuni Carabinieri (resi noti nel Luglio 2020) che, all’epoca dei fatti, prestavano servizio presso la Caserma Levante di Piacenza. 

Abbiamo sempre creduto che fosse necessario dare un segnale forte a salvaguardia dell’onore e della moralità di tutti gli altri appartenenti all’Arma (la grande maggioranza) che con dedizione operano quotidianamente in difesa della legalità, dei cittadini e per il bene del Paese.