mercoledì 16 dicembre 2020

Cantiere navale, incontro tra la Cgil e la Fiom con l'Autorità di sistema portuale. Ridulfo e Foti: “Soddisfazione per l'accordo che consentirà la ripresa della costruzione di navi intere a Palermo e per il lavoro svolto dal presidente Monti”

Un momento dell'incontro della Cgil e della Fiom con il presidente
dell'autorità portuale e con il componente dell'Oiv

Palermo 16 dicembre 2020 – Mario Ridulfo, segretario generale della Cgil Palermo e Francesco Foti segretario Fiom Cgil, hanno incontrato oggi il presidente dell'Autorità di Sistema portuale Sicilia occidentale, Pasqualino Monti,  al quale hanno espresso soddisfazione per l'accordo sottoscritto con Fincantieri grazie al quale il  Cantiere navale di Palermo tornerà a essere un importantissimo polo nel Mediterraneo per le nuove costruzioni di navi.
All'incontro era presente anche l'ex procuratore aggiunto Leonardo Agueci, componente dell'Oiv, l'organismo indipendente di valutazione dell'Autorità di sistema portuale del mare.  

 “Il lavoro svolto dall'Autorità portuale è stato importante e speriamo che, con la presidenza di Monti, possa avere continuità nei prossimi anni, in modo da poter collaborare  in modo proficuo alle grandi sfide che si aprono per il futuro dell'industria cantieristica  a Palermo e per l'occupazione – dichiarano il segretario generale Cgil Palermo Mario Ridulfo e il segretario Fiom Cgil Francesco Foti  -  I passaggi  che portano alla firma dell'accordo con Fincantieri, hanno visto la Cgil e la Fiom impegnate in questi anni in una lunga elaborazione di iniziative e trattative per costruire il rilancio non solo del cantiere, a partire dall'investimento per rimettere in funzione il bacino da 150 mila tonnellate,   ma dell'indotto, che con la ripresa della mission delle costruzioni di navi intere, potrà trovare di nuovo l'utilizzo che aveva in passato.  Gran parte dell'indotto specializzato che realizzava le navi è emigrato in questi anni al Nord, un vero e proprio esodo, che ha riguardato 1.500 lavoratori palermitani, ma anche calabresi e campani che lavoravano in Sicilia, assorbiti nei porti  di Monfalcone, Genova e Marghera”.

     La Cgil e la Fiom hanno chiesto nei giorni scorsi al Prefetto di Palermo una verifica, da effettuare con Fincantieri e l'Autorità di sistema portuale, per rinnovare il protocollo di legalità sottoscritto nel 1998. Argomento di cui si è ribadita l'importanza durante il colloquio. “Chiediamo che il protocollo sia aggiornato, il tema della legalità e della trasparenza  devono essere centrali per prevenire nuove infiltrazioni mafiose – aggiungono Ridulfo e Foti – Rendere attuale il protocollo di legalità è indispensabile in vista della creazione di nuova occupazione e del ruolo di leadership che tornerà ad avere il cantiere di Palermo, uno strumento fondamentale per la gestione trasparente dei flussi di manodopera e per garantire il rispetto dei diritti dei lavoratori”.

 

Nessun commento: