giovedì 22 ottobre 2020

Il Prefetto di Napoli visita la 'Masseria Esposito Ferraioli", bene confiscato alla camorra

Il Prefetto visita la 'Masseria Esposito Ferraioli", 
bene confiscato alla criminalità organizzata

La Cgil di Napoli comunica che ieri pomeriggio c'è stata la visita del Prefetto di Napoli Marco Valentini alla Masseria Ferraioli, bene confiscato alla camorra. Importanti gli impegni assunti: è stato garantito il monitoraggio costante sull'attuazione dei lavori di ristrutturazione da parte del comune e lo sblocco immediato dei cantieri con l'avvio dei lavori in tempi certi. PUBBLICHIAMO IL COMUNICATO DELLA PREFETTURA:
Nel pomeriggio di ieri il Prefetto di Napoli, Marco Valentini, ha visitato la "Masseria Antonio Esposito Ferraioli", immobile confiscato alla criminalità organizzata, sito nel territorio del Comune di Afragola, accolto dal direttore, Giovanni Russo.

La Masseria, intitolata al cuoco, scout e sindacalista della CGIL, vittima innocente della camorra, fu confiscata nel 1997 al clan Magliulo, rivale dei Moccia e destinato nel 2005 dall'Agenzia del Demanio al patrimonio indisponibile del Comune di Afragola per finalità sociali. Il bene è gestito dal 1° marzo 2017 da a una rete formata da cinque partner: il Consorzio di Cooperative sociali "Terzo Settore", la Camera del lavoro metropolitana, articolazione della CGIL sull'Area metropolitana di Napoli, la Cooperativa sociale "L'uomo e il legno", la Cooperativa Giancarlo Siani e l'Associazione di volontariato "Sott'e'ncoppa" in collaborazione con le scuole del territorio, ma anche con associazioni e singoli cittadini che si impegnano in prima persona per la restituzione della Masseria alla collettività.

All'interno dell'immobile, il più grande bene confiscato dell'Area metropolitana di Napoli, che si estende su una superficie di circa 120mila metri quadri, vengono attuati diversi progetti quali il "Museo vivente della biodiversità" con coltivazione di tutte le specie autoctone del territorio, la realizzazione di oltre 100 orti urbani affidati a giovani, migranti, associazioni e scuole nonchè attività di formazione lavoro.

Grazie ad un finanziamento del PON Legalità del Ministero dell'Interno, il Comune di Afragola realizzerà un progetto per la ristrutturazione di un fabbricato rurale che insiste sull'area agricola, finalizzato alla creazione di un Centro per le donne vittime di violenza, che offrirà sostegno nella gestione delle relazioni con i figli e nella valorizzazione delle competenze utili ad un reinserimento lavorativo.

Il Prefetto ha poi incontrato un gruppo di ospiti e volontari impegnati quotidianamente nei percorsi di assistenza e di accompagnamento, garantendo il supporto della Prefettura per la risoluzione di alcune problematiche che non hanno consentito ancora la piena realizzazione del progetto.

Napoli, 21 ottobre 2020

Nessun commento: