sabato 25 luglio 2020

Corleone. Era stata rubata negli anni '70. Adesso la Madonna del Lume ritorna a casa


La Madonna del Lume
Il capolavoro, eseguito dal pittore barocco corleonese Carmelo Salpietra, è stato finalmente ritrovato dopo anni di intense ricerche da parte delle autorità competenti e della Compagnia dei Bianchi dell’Ospedale di Corleone.
La tela era una delle numerose opere d’arte che decoravano l’oratorio della Compagnia che la commissionò al maestro corleonese nel 1700. Depositata presso i magazzini della ASL di Corleone negli anni ’70, la Madonna del Lume era andata perduta. Fino a oggi. Grazie al Commissariato di Polizia della cittadina dell’Alto Belice, la tela è stata finalmente rintracciata e recuperata. La consegna è prevista per sabato 25 luglio alle ore 10 presso il Commissariato di Corleone, la Compagnia dei Bianchi sarà rappresentata dal presidente Vincenzo Gallina. Alla cerimonia interverranno anche il sindaco di Corleone Nicolò Nicolosi, l’assessore alla Cultura Walter Rà e il decano della chiesa Madre di Corleone Vincenzo Pizzitola. Al termine dell’evento l’opera sarà ricollocata nella sua sede originaria all’interno dell’oratorio dei Bianchi dell’Ospedale e sarà presto resa fruibile a tutti coloro che la vorranno ammirare.


La tela è in ottimo stato di conservazione e raffigura la Vergine con in braccio Gesù bambino incoronata da due putti e circondata da angeli festanti. A sovrastare la scena la colomba bianca simbolo dello Spirito Santo e della Compagnia dei Bianchi di Corleone.
“Il ritrovamento del prezioso capolavoro è una magnifica notizia non solo per la Compagnia dei Bianchi ma per tutta la comunità-ha dichiarato il presidente Vincenzo Gallina- la Madonna del Lume farà ritorno nella sua collocazione originaria. Come Compagnia ci siamo resi disponibili nel corso degli anni durante le indagini fornendo informazioni che si sono poi rivelate utili al riconoscimento e all’identificazione dell’opera. Non vediamo l’ora che anche la cittadinanza possa ammirare questo capolavoro. Un ringraziamento speciale- ha aggiunto- va a don Bernardo Briganti per essersi così attivamente speso per il recupero dell’opera”.
La Madonna del Lume è legata alla figura di suor Maria Cira Destro, mistica corleonese per la quale è iniziato il processo di beatificazione proprio in questi giorni.
La suora era devotissima alla Madonna del Lume e da bambina si recava presso l’oratorio della Compagnia dei Bianchi per pregare davanti all’altare dove era collocata la tela- spiega Vincenzo Campo, presidente dell’associazione che curerà il processo di beatificazione della suora- la bambina soleva portare una coccarda fatta con le sue mani che appendeva alla tela con l’aiuto del sacrista. Fu proprio il sacrista a vedere la giovane Maria Cira levitare verso l’apice della tela per collocare da sola la coccarda, un evento miracoloso accaduto proprio davanti a quest’opera”.

Da anni la Compagnia dei Bianchi di Corleone si impegna per riportare a casa le opere trafugate dall’oratorio e andate perdute, soprattutto il magnifico pavimento in maiolica che decorava il vestibolo, trafugato nel 2008.

Nessun commento: