sabato 20 giugno 2020

Arriva al cinema "Il delitto Mattarella", film pieno di ombre e poche luci

Una scena del film "Il delitto Mattarella"

Tra fiction e inchiesta nel film 'Il delitto Mattarella' di Aurelio Grimaldi, in sala dal 2 luglio con Cine1 Italia, scorre un bel pezzo di storia italiana degli anni Ottanta, piena di molte ombre e poche luci.
Digos, servizi segreti, P2, Democrazia Cristiana, neo-fascisti, banda della Magliana, mafia, un Andreotti luciferino e silenzioso, insomma non manca nulla a questo film con al centro la feroce uccisione del presidente della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella (David Coco), fratello di Sergio, attuale presidente della Repubblica, massacrato a colpi di pistola mentre era in auto con la moglie Irma (Donatella Finocchiaro) il 6 gennaio del 1980.

Il film, tratto dal libro omonimo di Grimaldi (edito da Castelvecchi), ci tiene più volte a dire il regista, non è altro che il frutto degli atti giudiziari dei vari processi, con alcune libertà.
È il caso di Andreotti che si vede incontrare in Sicilia Riina, fatto mai davvero provato, nonostante le testimonianze di otto pentiti, ma da molti ritenuto possibile. Ma il regista oggi a Roma all'incontro stampa non ci sta al fatto che il film sia stato bocciato ben due volte (prima con il titolo Bianco rosso sangue) dalla Commissione Mibact:
"Com'è possibile che siamo finiti in fondo a una lista di 36 film in due delle tre categorie considerate e penultimi per quanto riguarda la sola regia? Il giudizio della commissione nel 2019 - ribadisce il regista - è stato secondo me un po' forzato. Ho chiesto così di mandarmi i verbali per contestare questa bocciatura e, al limite, rivalermi, ma mi hanno detto che non ci sono. E questa è una cosa assurda". Per quanto riguarda la famiglia Mattarella, Grimaldi si augura "che il film venga visto dal Presidente" e rivela che, mentre stava scrivendo la sceneggiatura, ha avuto una lunga conversazione con il figlio di Piersanti, Bernardo, "che mi ha dato suggerimenti sulla figura di Sindona (Lollo Franco) e sul suo tentativo, nella villa di Torretta, di farsi sparare a una gamba sotto anestesia. E mi ha anche detto di considerare di più Rosario Nicoletti (Leo Gullotta)".
Il film, definito "militante" dallo stesso Grimaldi, ricostruendo il clima politico che ha preceduto l'omicidio Mattarella, avversato dai capicorrente siciliani del suo partito, prende di mira anche Berlusconi e Dell'Utri, ma attacca anche con più virulenza Andreotti: "La sentenza che ha considerato prescritti i reati di mafia di questo uomo politico italiano è una vergogna. E devo dire che, proprio per questa sentenza, mi vergogno oggi di essere italiano, di vivere in un paese che ha permesso ad Andreotti di restare senatore della Repubblica fino alla morte".
Fra le tesi portanti de 'Il delitto Mattarella', il fatto che fu Valerio Fioravanti, nonostante la sua assoluzione, il vero assassino e così, non a caso, Grimaldi indugia su una scena in cui la moglie del politico indica con forza la foto dell'ex leader dei Nar.
Nella prima conferenza stampa post-Covid non da remoto oggi alla Casa del Cinema di Roma, si è parlato anche molto dell'oblio di questa figura politica vittima della mafia: "Solo qualche via a lui dedicata, nessuna fiction.
Il Presidente della Repubblica - dice il regista - ha ricordato il fratello solo una volta in un suo discorso: una cosa che, alla fine, è solo da apprezzare".
Nel cast del film di Grimaldi, scrittore tra l'altro di Mery per sempre e del soggetto di Ragazzi fuori, anche Antonio Alveario, Claudio Castrogiovanni, Nicasio Catanese, Francesco Di Leva, Sergio Friscia, Ivan Giambirtone, Guia Jelo, Francesco La Mantia, Tuccio Musumeci, Tony Sperandeo, Andrea Tidona e Vittorio Magazzù.

Giornale di Sicilia, 20 giugno 2020

Nessun commento: