giovedì 16 aprile 2020

Roberta Schillaci (M5S): “Rsa siciliane, il governo intervenga. Non vorremmo che anche qui scoppiasse un caso ‘Pio Albergo Trivulzio’”

Villafrati, Villa delle Palme

PALERMO (16 aprile 2020) - Più controlli e monitoraggi nelle Rsa (residenze sanitarie assistenziali) siciliane, per tutelare la salute di ospiti e operatori sanitari contro il coronavirus. Lo chiede Roberta Schillaci, deputata regionale del Movimento 5 Stelle, che ha presentato un ordine del giorno all’Ars. “Non vogliamo che si crei un caso ‘Pio Albergo Trivulzio’ anche da noi. Ci sono circa 1.600 Rsa in Sicilia - ricorda Schillaci - e ben 200 solo in provincia di Palermo. Alcune di queste si sono trasformate in focolai, provocando vittime tra gli anziani ospiti delle strutture.
Esempi a Villafrati, piccolo centro del palermitano, diventato zona rossa con dieci gli anziani morti nella Rsa Villa delle Palme, o l'Oasi Maria Santissima di Troina (Enna), con 162 casi di contagio tra ospiti e dipendenti. Ancora, a San Marco d’Alunzio, nel Messinese, la Rsa Villa Pacis con 11 i contagi e la casa di riposo Residenza Aluntina con 8 contagi, o i 10 ospiti e i 3 operatori sanitari contagiati in una casa di riposo di  Canicattini Bagni, nel Siracusano. Insomma, in ogni parte della Sicilia queste strutture ospitano anziani non autosufficienti e con molte patologie, che meritano una particolare attenzione, insieme al personale medico e sanitario. Il governo adotti tutte le azioni necessarie”, conclude Schillaci.
Anche a Corleone vi sono diverse residenze per anziani. Fino a prova del contrario, non c'è motivo di pensare che non vengano gestite in maniera seria, responsabile e conforme alla legge. Ma, proprio perché prevenire è sempre meglio che curare, non sarebbe il caso che i servizi del Distretto sanitario 40 e i servizi sanitari del comune di Corleone decidessero di fare una visita ispettiva per vedere "l'aria che tira"?  


Nessun commento: