lunedì 16 marzo 2020

Misure di sostegno per indigenti e senza fissa dimora. La Cgil sostiene le richieste del Sunia e delle associazioni del Terzo settore, in difficoltà ad assicurare l'accoglienza in luoghi sicuri e il pasto a tutti


“Serve un aiuto immediato, le istituzioni assicurino  a tutti la possibilità di cura”.  
Palermo 16 marzo 2020  - La Cgil sostiene le richieste che in queste ore giungono da diverse organizzazioni del Terzo settore, tra le quali anche  il Sunia,  intervenuto nei giorni scorsi, in cui si invitano gli amministratori locali, dal presidente della Regione, al sindaco,  alla direzione  Asp,  alla Prefettura,  ad adottare misure di sostegno nei confronti dei  senza dimora, degli indigenti  e delle persone più vulnerabili.

    “Sia sotto il profilo umanitario che sanitario è indispensabile in questo momento stare accanto e affrontare la situazione di  difficoltà di chi non ha una fissa dimora, dei migranti, di chi è emarginato e non ha famiglia, di chi ha trovato alloggio nei dormitori cittadini, per garantire a tutti la possibilità di vivere in condizioni di dignità e  sicurezza e di curarsi – dichiarano il segretario Cgil Palermo Francesco Piastra e la responsabile migranti Cgil Palermo Bijou Nzirirane – A tutti deve essere data la stessa possibilità  di cura, non ci può essere una parte della popolazione più esposta di altre alle forme di contagio. Si devono poter salvare tutti”.
   “Chiediamo pertanto  alle istituzioni di affrontare  la condizione dei più deboli, che sono i   più esposti  – aggiungono Piastra e Nzirirane – Le associazioni del Terzo settore hanno difficoltà ad assicurare in questo momento l'accoglienza in luoghi sicuri  e a garantire a tutti il pasto. Servono  misure urgenti a supporto  delle tante criticità  segnalate alle autorità dalle cinquanta associazioni cittadine impegnate in prima linea nell'assistenza delle frange di popolazione più fragile. E' indispensabile la predisposizione di luoghi idonei per l'accoglienza delle persone senza fissa dimora, la circolazione delle informazioni in più lingue, la distribuzione di presidi sanitari quali mascherine protettive e disinfettanti e assicurare una  verifica puntuale  delle  condizioni di salute dei senza fissa dimora”.


Nessun commento: