martedì 10 marzo 2020

Incredibile all’ospedale di Corleone (in tempi di coronavirus): gli addetti alle pulizie costretti a lavorare senza mascherine protettive

L’ospedale di Corleone 

Una situazione paradossale all’ospedale di Corleone. L'azienda uscente, che gestiva il servizio di pulizia dell’ospedale di Corleone, la Rekeep, non ha fornito agli operai le mascherine protettive. La nuova azienda subentrante, la PFE, che comincerà il servizio il prossimo 16 marzo, non ha ancora potuto dare le mascherine, che ad oggi costituiscono l'unico mezzo per proteggere la salute degli operai in questi tempi di corona virus. In mezzo a questo incredibile balletto ci stanno venti lavoratori, che non sanno a quale santo votarsi. Tanto per raccontare l’ultima, oggi gli operai si sono ritrovati a sanificare la radiologia senza mascherine, perché nemmeno la Asp ne ha fornito in quanto gli operai non sono suoi dipendenti. “Siamo in guerra senza armi - denunciano gli operai - e non siamo meno esposti di medici e infermieri”. 
Facciamo appello alla vecchia e alla nuova ditta appaltatrice, all’Asp e al sindaco del comune di Corleone affinché si forniscano immediatamente le mascherine agli operai! Sarebbe assurdo se non si risolvesse subito questo gravissimo problema, che mette in pericolo la salute dei lavoratori, che l’azienda ha il preciso dovere di proteggere. 

Nessun commento: