lunedì 10 febbraio 2020

Palermo leader dell’azzardo: nel 2018 giocati più di 780 milioni di euro, è allarme sociale

Tanti cittadini spendono più di quanto guadagnano per tentare la fortuna: a Corleone 5 milioni di euro, a Monreale 19 milioni, a Misilmeri 22 milioni
Più di un miliardo di euro spesi per i gratta e vinci in tutta la provincia di Palermo. Secondo i dati forniti dall’agenzia delle dogane, relativi al 2018, i soldi spesi per i giochi d’azzardo sarebbero in aumento. Nel solo comune di Palermo sarebbero più di 780 milioni di euro, nel Comune di Termini Imerese la spesa ammonterebbe a 26 milioni di euro, a Ganci a 2 milioni di Euro, Ficarazzi 6 milioni, Corleone 5 milioni, Monreale 19 milioni. Addirittura a Misilmeri sfiora i 22 milioni di euro.

La situazione risulta essere preoccupante. Sempre più persone spenderebbero più di 20 euro al giorno per acquistare un solo gratta e vinci ed in una sola giornata si riescono a spendere tra i 40 e i 60 euro in EuroJackpot, Lotto, scommesse ippiche e sportive, lotterie istantanee e tradizionali.
Visti i dati e le statistiche pubblicate, le istituzioni fanno un appello a tutti i comuni della provincia anche cercando di sensibilizzare attraverso pubblicità progresso: il gioco d’azzardo è pericoloso e, se non viene controllato, il confine con la ludopatia diventerebbe molto sottile.
La malattia del gioco d’azzardo può portare a gravi conseguenze. Questa patologia consiste nell’incapacità di resistere all’impulso di giocare d’azzardo o di fare scommesse nonostante l’individuo che ne è affetto sia consapevole che questo possa portare a un punto di non ritorno. Negli ultimi anni abbiamo assistito a vicende tragiche. Alcune persone ridotte al lastrico si sono tolte la vita. 
Negli ultimi anni è diventata dunque una vera e propria piaga sociale. Le istituzioni, per contenere il problema, hanno regolamentato i requisiti di chi può accedere al gioco e in che modo giocare, ad esempio controllando l’età del giocatore e limitando gli importi sul gioco online. Inoltre sono stati istituiti dei percorsi che prevedono un team di professionisti che aiutano coloro i quali soffrono di ludopatia. L’ASP di Palermo ha aperto un centro di ascolto per le cure dalle dipendenze patologiche. L’ASP sul proprio sito riporta: “il gioco d’azzardo patologico non è un vizio ma una dipendenza che si cura affidandosi a degli specialisti”.
filodirettomonreale,it, 21 dic 2019

Nessun commento: