martedì 7 gennaio 2020

San Giuseppe Jato. E' cominciata la bella avventura della casa "Yiobosa", che già ospita due ragazze nigeriane

Mons. Michele Pennisi benedice la casa Yiobosa inaugurata il 24 novembre

Oggi è cominciata la bella avventura della casa Yiobosa (Dio Accoglie) a San Giuseppe Jato! Grazie, anche, alla gentile e cordiale collaborazione del signor Gino Alabastro, che ci ha aiutato a risolvere i piccoli problemi ancora in sospeso! Hanno cominciato ad abitarvi Jennifer e Joe, incinta al quinto mese! La prossima settimana verrà un altra ragazza, Becky, e poi altre sono in attesa! Un caloroso grazie a tutti coloro che hanno collaborato all’apertura e alla realizzazione della prima casa di ragazze nigeriane.
Queste ragazze si prepareranno a inserirsi nella vita sociale e lavorativa, attraverso un percorso che passa dalla riconquista della loro identità culturale, alla consapevolezza di essere parte di una società nella quale intendono esprimere le loro migliori qualità, con l’aiuto del Dio che accoglie, ereditato dalla radice della loro vita familiare!
Un grazie speciale al Vescovo mons. Michele Pennisi e al direttore della Caritas di Monreale don Ferdinando Toia, che hanno accolto con generosità e con spirito paterno questa iniziativa. Un grazie alla Console onoraria di CapoVerde, che con il suo entusiasmo e la sua dedizione ha permesso di raccogliere la somma che ha permesso di compiere i primi passi in questa avventura. Un grazie alla prof.ssa Irina Alabastro, che ha donato in comodato d’uso la casa. Grazie ancora a tutti coloro che hanno collaborato e che collaboreranno per sostenere il cammino di queste nostre sorelle!

Nessun commento: