venerdì 13 dicembre 2019

Mafia, l’anno nero dei Comuni. Settimo scioglimento: Mezzojuso

Le sorelle Napoli

di Salvo Palazzolo
Atti illegittimi, parentele imbarazzanti. E un ex generale diventato assessore che attacca le sorelle Napoli
 Mezzojuso è un paese dove sono accadute strane cose. Tre sorelle hanno denunciato le incursioni della mafia dei pascoli nelle loro terre, e invece di ricevere solidarietà, sono finite loro al centro di una campagna di fake news orchestrata via social da un generale dei carabinieri in pensione - Nicolò Gebbia - nominato assessore alla cultura. Il sindaco Salvatore Giardina, invece, ha candidamente affermato in diretta Tv nazionale – davanti alle telecamere di Massimo Giletti – di aver partecipato al funerale del capomafia del paese, Cola La Barbera, uomo di Bernardo Provenzano: «Sono molto religioso – disse a “ Non è l’Arena” nel maggio scorso – partecipo a tutti i funerale del paese » . Salvo poi smentire il giorno dopo.

A Mezzojuso è accaduto anche dell’altro, che ha convinto il prefetto di Palermo Antonella De Miro a mettere in moto la macchina dei controlli. E ieri mattina il consiglio dei ministri ha disposto lo scioglimento del Comune per il concreto rischio di infiltrazioni mafiose.
In paese, c’è anche uno dei fedelissimi di Provenzano, Giuseppe Russotto: dopo la scarcerazione è tornato a gestire la gioielleria di famiglia. Evidentemente, in Municipio, nessuno si è fatto alcuna domanda a proposito della licenza di quel signore che nel corso principale viene ossequiato (a differenza delle sorelle Napoli). C’è voluta un’interdittiva del prefetto per bloccare la gioielleria.
Sembra una storia uscita dalla fantasia di Leonardo Sciascia. È invece una drammatica realtà. Gli ispettori inviati a giugno in paese dal ministero dell’Interno hanno trovato in Comune atti illegittimi, ma anche parentele imbarazzanti con alcuni mafiosi. Una lista di stranezze messe in risalto nella relazione consegnata alla dottoressa De Miro dalla commissione presieduta da un vice prefetto e composta da tre esponenti delle forze dell’ordine. Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ha subito presentato la richiesta di scioglimento al governo. E già questa mattina la commissione si insedierà: è composta dal vicario Daniela Lupo, dal viceprefetto Valeria Gaspari e dal funzionario economico-finanziario Maria Cacciola. Dunque, sospensione immediata per gli organi comunali, anche prima della firma del presidente della Repubblica sul decreto di scioglimento, per il prefetto De Miro ci sono “ragioni di urgenza”.
Il sindaco Giardina annuncia ricorso e se la prende con la «denigratoria campagna mediatica della quale siamo stati oggetto». Non lo cita, ma il riferimento è chiaro, Massimo Giletti, che ha fatto diventare la vicenda delle sorelle Napoli, raccontata da Repubblica nel settembre 2017, un caso nazionale. E oggi rilancia: «Non è mai un bel giorno per un Paese quando una cittadina viene commissariata per mafia, ma questa è stata una nostra battaglia ed è la testimonianza che la televisione che lotta fino in fondo, credendo nella battaglia che fa, alla fine vince».
Siamo di fronte all’ennesimo comune siciliano sciolto per rischio di infiltrazioni mafiose. Dopo San Cataldo, Pachino, Mistretta, San Cipirello, Torretta e Misterbianco. Gli enti locali « sono risultati altamente appetibili per la criminalità mafiosa » , ha scritto il prefetto De Miro nell’ultimo report consegnato alla commissione parlamentare antimafia. Generalmente, i boss puntano su alcune attività in particolare degli enti locali: la raccolta dei rifiuti, le attività dei servizi sociali e la riscossione dei tributi. Finita l’era dei grandi appalti, il fiume dei soldi pubblici è nei Comuni più piccoli. « Le cosche — ha scritto il prefetto di Palermo in occasione dell’ultima trasferta dell’Antimafia — riescono a condizionare la vita politica e amministrativa degli enti grazie anche alla compiacenza di amministratori eletti con l’appoggio dei boss, a strutture burocratiche di scarso spessore professionale che annoverano al proprio interno anche dipendenti vicini all’organizzazione; il tutto reso più agevole da un endemico disordine amministrativo».
Ma qual è la vera posta in gioco a Mezzojuso? «I raid delle vacche nelle terre delle sorelle Napoli proseguono», ricorda l’avvocato Giorgio Bisagna, che ha curato al costituzione di parte civile delle tre donne nel processo di Termini a tre imputati. «Qualcuno vorrebbe farci andare via dice Irene Napoli - ma non ci riusciranno ». Qualcuno che probabilmente punta ai finanziamenti milionari dell’Unione Europea sui pascoli della provincia palermitana.
La Repubblica Palermo, 13 dicembre 2019

Nessun commento: