mercoledì 18 dicembre 2019

Corleone, ignoti imbrattano il busto di Bernardino Verro, ma il comune fa ripulire tutto

Il busto di Bernardino Verro imbrattato
DINO PATERNOSTRO
Ignoti (i soliti ignoti) hanno imbrattato stanotte il busto di Bernardino Verro, posto nella centralissima piazza Nascè. Con un impasto di farina (non si capisce bene se per pizza o per dolci) hanno coperto il volto della statua realizzata dell'artista Biagio Governali, che raopresenta il leader dei fasci contadini e il primo sindaco socialista di Corleone. Verro è stato assassinato dalla mafia il 3 novembre 1915. Una mafia feroce e vendicativa, che già ha distrutto un primo busto collocato nel 1917 e danneggiato quello istallato in villa comunale.  
Quando stamattina dei cittadini ci hanno chiamato per farci notare com'era ridotto il busto di Verro, immediatamente ci siamo messi in contatto con polizia e carabinieri per rappresentare l'accaduto. Poi abbiamo chiamato il sindaco Nicolosi, dandogli la notizia e chiedendogli di mandare degli operai per pulire la statua.

Polizia e Carabinieri sono arrivati immediatamente per fare i rilievi del caso. Immediatamente sono arrivati anche due operai del comune, Gino Grizzaffi e Salvatore Crapisi, che si sono messi all'opera per pulire il busto di Bernardino Verro.
Chi è stato ad oltraggiare il busto di Verro? I soliti ragazzacci perdi...notte, che per ingannare il tempo fanno di queste bravate. Può darsi, anzi è probabile. A questi ragazzi vogliamo consigliare di riflettere, di ragionare, di conoscere e comprendere la storia della nostra città. Magari ci restano male se Corleone viene identificata nel mondo come paese di mafia. Ma poi queste loro gesta rischiano di consolidare nel mondo l'idea che Corleone non voglia tanto bene ai suoi simboli dell'antimafia. Alle scuole, al Comune, al Cidma, al Laboratorio della Legalità, vogliamo consigliare di fare di più per far conoscere l'antimafia di Corleone, quella antica quanto la mafia, di cui Verro è una delle espressioni più alte.






E se non fossero stati ragazzacci ad imbrattare il busto di Verro? Se fosse il solito odio verso il dirigente sindacale e il sindaco che stava riuscendo a mettere in un angolo di "fratuzzi" di Cosa Nostra? A questi "altri", ai non-ragazzacci, ci sentiamo di dire che perdono il loro tempo, perchè Corleone e i corleonesi onesti non si lasciano intimidire dalle loro "bravate". Rispondono pulendo immediatamente il busto con gli operai del comune disponibilissimi. Acquisendo la disponibilità immediata dello scultore Governali ad effettuare i necessari ritocchi alla statua. E risponderemo ancora con altre iniziative, valide per "i bravi" di Cosa Nostra e per i ragazzacci che non sanno come ingannare il tempo.
d.p.      
Il busto ripulito

Nessun commento: