venerdì 25 ottobre 2019

Palermo. Vie dei diritti, domani l'intitolazione di una strada di Bonagia ad Andrea Raia, segretario della Camera del Lavoro di Casteldaccia

Andrea Raia, assassinato dalla mafia 75 anni fa 
Raia venne assassinato dalla mafia il 5 agosto del 1944 perchè difendeva i lavoratori poveri  
Palermo 25 ottobre 2019 – Vie dei diritti: domani alle ore 9 l'amministrazione  comunale e la Cgil Palermo intitoleranno  via della Martora, nel quartiere di Bonagia,  ad Andrea Raia, il segretario della Camera del Lavoro di Casteldaccia, ucciso dalla mafia il 5 agosto del 1944. Alla cerimonia interverranno il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il segretario della Cgil Palermo Enzo Campo, il sindaco di Casteldaccia Giovanni Di Giacinto e i familiari di Raia, tra cui la figlia Santa Raia, di 93 anni, e il pronipote e deputato Davide Aiello.

Raia venne ucciso di sera del 5 agosto di 75 anni fa con due colpi di lupara davanti alla sua abitazione. Aveva 38 anni. Era membro del comitato di controllo dei “Granai del popolo” e aveva il compito di distribuire ai poveri le provviste. Si oppose con coraggio alla mafia in combutta con gli amministratori comunali in nome della legalità.
“Il nostro doveroso percorso della memoria continua con l'intitolazione a Palermo di un'altra delle Vie dei Diritti  ad Andrea Raia. Ricordando i nostri morti ricomponiamo l'identità del mondo del lavoro -  dichiara  Enzo Campo -  Quello di Raia è  stato il primo delitto di mafia avvenuto nel secondo dopoguerra in Sicilia. La  storia di un uomo non isolato ma che fu a capo di quel movimento di lavoratori che si oppose al nuovo blocco sociale e combatté per la conquista  delle terre. Il filo conduttore era il lavoro, come forma di emancipazione sociale. Da qui si dipana la storia del movimento antimafia, un’antimafia sociale che ebbe origine dalle battaglie per la terra di quegli anni. Raia, e come lui Filippo Intili, ucciso qualche anno dopo, e tanti altri, erano  dei dirigenti sindacali che, nel lungo dopoguerra siciliano, hanno lottato per i diritti e la libertà degli ultimi, degli sfruttati, contro la mafia degli agrari.  Sono esempi che indichiamo alle future generazioni, per riaffermare ancora oggi la necessità di lottare per il lavoro e lo sviluppo, per i diritti e la libertà”.
“Andrea Raia – aggiunge il responsabile del dipartimento Legalità della Cgil Palermo Dino Paternostro - era una persona generosa, che amava la giustizia e per affermarla si batteva contro la mafia e la prepotenza del potere. Nel difficile dopoguerra siciliano, mentre ancora nell'Italia del Nord si combatteva contro il nazifascismo, Raia sosteneva la scelta dei partiti del comitato di liberazione nazionale di non abbandonare nella disperazione e nella fame le popolazioni delle città, sostenendole con l’ammasso obbligatorio nei “granai del popolo”. Ma la sua onestà intransigente non piaceva ai padroni del municipio e agli agrari speculatori, che decisero di assassinarlo. Oggi ne onoriamo ancora la memoria, dedicandogli una via di Palermo, e indicandolo come costruttore di solidarietà tra contadini e operai, tra città e campagna”.

Nessun commento: