mercoledì 23 ottobre 2019

Appalti, Corte dei Conti: i controlli non sono un ostacolo, anzi vanno potenziati


(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "I controlli non vanno visti come un ostacolo che ritarda l'azione amministrativa, ma come un sostegno per le amministrazioni e una condizione per rafforzare l'imparzialità e il buon funzionamento delle stesse". Lo ha detto il presidente della Corte dei Conti Angelo Buscema, sottolineando che "non è riducendo i controlli che si restituisce capacità operativa ed efficacia alle amministrazioni, ma semmai potenziandoli". "In questa direzione occorre anche pensare a un piano rigoroso di formazione per la dirigenza pubblica, che di fatto ha il potere di firma", ha aggiunto Buscema, aprendo il convegno 'Quale controllo preventivo per gli appalti pubblici?', evidenziando che "è la stessa dirigenza che oggi chiede al legislatore di tornare al controllo preventivo di legittimità che anni fa si diceva fosse un freno, ma che poi si è scoperto quanto tutelasse l'amministratore pubblico". Buscema ha quindi evidenziato di non dimenticare che "ruolo chiave del nostro Istituto, nello svolgimento delle sue funzioni, rafforza l'immagine di affidabilità agli occhi dei cittadini e degli amministratori, che guardano alla Corte come a un costante presidio di legalità per la gestione delle pubbliche finanze".

Nessun commento: