giovedì 31 ottobre 2019

Giovanni Perrino, una vita passata a guidare i ragazzi

Giovanni Perrino in una foto scattata a Matera

BARBARA RODELLA
Per cinque anni è stato preside del Galilei di Ostiglia e del Belfiore a Mantova: «Un dirigente deve avere degli obiettivi»- E poi l’esperienza a Mosca dove ha dato vita al progetto Pria per la diffusione della lingua italiana all’estero.
Professore di lettere, preside di licei importanti come il Belfiore e il Virgilio, funzionario all’estero per il ministero dell’Istruzione e degli Esteri. E poi scrittore, presidente dell’Anpi e per una breve parentesi «chiusa definitivamente» anche politico. Giovanni Perrino è un uomo dai mille volti. Filo rosso di tutta la sua vita è sicuramente la cultura: la passione per il sapere. L’amore per la storia e la letteratura è nata a Corleone dove si è diplomato al liceo classico.

FASCISTI GAUDENTI E DI MAIO VUOL CHIUDERE RADIO RADICALE


EMANUELE MACALUSO
Il corsivo che, oggi, Mattia Feltri pubblica su La Stampa (“Il buon governo”) è dedicato al pranzo che in un Comune vicino Ascoli Piceno, il partito della Meloni ha organizzato per ricordare, mangiando, l’anniversario della “marcia su Roma” degli squadristi di Mussolini. Il quale, complice Re Vittorio Emanuele, ottenne di costituire un governo, istaurò la dittatura, fece assassinare Matteotti e don Minzoni, mise in carcere Gramsci e migliaia di antifascisti e condusse l’Italia alla guerra e al disastro. Insieme ad Hitler i fascisti italiani provocarono milioni di morti in Europa e in molte parti del mondo. Nel mondo di oggi, come ho ricordato più volte, spira un brutto vento e il partito della Meloni e Salvini aspirano a governare l’Italia.

Vie dei diritti, intitolata dal Comune e dalla Cgil una strada ai fratelli Santangelo. Commozione tra la folla di parenti durante la cerimonia

Un momento dell'inaugurazione della via F.lli Santangelo

Campo: “Ricordati tre uomini coraggiosi, partigiani della libertà nella nostra terra”.
Palermo 31 ottobre 2019 – Intitolata oggi dal Comune e dalla Cgil Palermo una strada ai tre fratelli  Giovanni, Giuseppe e Vincenzo Santangelo, sindacalisti vittime di mafia. L'ex Largo del Fringuello da oggi si chiama Largo fratelli Santangelo, in ricordo dei tre contadini di Belmonte Mezzagno trucidati il 31 ottobre del 1946  da una banda armata composta da 13 persone, mentre si trovavano in campagna per la semina.

Vie dei diritti, stamattina l'intitolazione dell'ex Largo del Fringuello ai fratelli Giovanni, Giuseppe e Vincenzo Santangelo, contadini di Belmonte Mezzagno, uccisi il 31 ottobre del 1946

PALERMO - Stamattina il Comune e la Cgil Palermo proseguono il percorso delle Vie dei diritti con l' intitolazione di una strada a Giovanni, Giuseppe e Vincenzo Santangelo. Largo del Fringuello diventerà così Largo fratelli Santangelo, in onore dei tre fratelli di Belmonte Mezzagno, tutti contadini, colpiti alla nuca, e uccisi il 31 ottobre 1946 nelle campagne del territorio di Misilmeri. Erano iscritti alla Federterra e facevano parte di una Cooperativa per l'assegnazione del feudo Gulini. I tre fratelli vennero aggrediti mentre erano intenti a seminare un terreno coltivato a mezzadria, poco distante dal paese.  

mercoledì 30 ottobre 2019

SIAMO ALLE PRESE CON DEGLI STUPIDI “EGOSAURI”

EMANUELE MACALUSO
In occasione del centenario del sociologo tedesco Max Weber, morto nel 1920, l’editore Donzelli pubblicherà la sua opera fondamentale “Economia e società”. L’evento è stato ricordato dalla rivista “La Lettura” con un articolo di Maurizio Ferrera. Nella stessa pagina, un altro studioso, Giancristiano Desiderio, estrae dai concetti del sociologo tedesco, che hanno una certa attualità e ne scrive un breve articolo con questo titolo: “Il carisma degli egosauri è condannato a sgonfiarsi”. Desiderio ricorda che, per Max Weber, “l’autorità carismatica non è la regola ma l’eccezione”. E osserva, inoltre, che il nostro tempo fa eccezione all’eccezione giacchè c’è un’inflazione di capi carismatici.

Palermo, vie dei diritti, intitolate ieri due strade a Filippo Intili e Agostino D'Alessandria

Un momento della cerimonia per l'intitolazione di via F. Intili

“Uccisi perché lottarono per il rispetto delle regole, per il lavoro e la giustizia sociale, opponendosi al sistema di potere  mafioso”.
Vie dei diritti: il Comune di Palermo e la Cgil Palermo hanno intitolato oggi altre due strade di Palermo a due sindacalisti uccisi dalla mafia. Da oggi  via Folaga porta il nome di Filippo Intili, segretario della Camera del Lavoro di Caccamo, ucciso il 7 agosto 1952, e la via Cinciallegra (o Cingallegra)  quello di Agostino D'Alessandria, segretario della Camera del Lavoro di Ficarazzi, ucciso il 10 settembre 1945.

Palermo, torna la “Sfilata dei Santi

La sfilata dei Santi 2018

La risposta dei fedeli ad Halloween, raccontando bontà e bellezza attraverso la storia e il vissuto dei beati.
Non certo una parata o un corteo tanto per fare notizia, ma un’occasione per fare conoscere i santi più noti del nostro calendario attraverso una manifestazione che corre parallela ad Halloween, ricorrenza di origine celtica influenzata dalle tradizioni statunitensi, che ha preso campo anche nel nostro Paese. Torna per il terzo anno consecutivo, giovedì 31 ottobre, la Sfilata dei Santi, organizzata dall’associazione “Regina Coelorum” e dalla “Milizia dell’Immacolata”, che coinvolgerà un’intera comunità, da tempo all’opera per interpretare e raccontare la storia dei propri santi preferiti.

Domenica il consiglio comunale di Corleone commemorerà il dott. Giuseppe Liotta e Bernardino Verro


Pio Siragusa
E’ stato convocato per domenica 3 novembre alle ore 10:00, presso la Sala “B.Verro” del Palazzo di Città, il prossimo Consiglio Comunale in sessione ordinaria con il seguente O.d.G.:1. Commemorazione dottore Giuseppe Liotta.
2. O.d.g.: “Intitolazione Ufficio c.o.c. sito nei locali comunali di Santa Lucia, al dottore G.  Liotta”.
3. Commemorazione Bernardino Verro.
4. O.d.g.: “Costituzione di un’Associazione per la gestione del nascente Archivio Storico del Movimento Contadino dedicato a B.Verro”

Corleone, via libera a due cantieri di lavoro per disoccupati


Corleone, 29 ottobre 2019. Finanziati a Corleone due cantieri di lavoro per disoccupati. Il via libera è arrivato dall’assessorato regionale della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro, che ha stanziato la somma di 176.366,84 euro. Sono 30 le persone che saranno impiegate e che si occuperanno della manutenzione e del rifacimento dei marciapiedi di alcune zone di Corleone. Sarà coinvolta anche la frazione di Ficuzza. 

lunedì 28 ottobre 2019

Vie dei diritti, domani l'intitolazione di due strade di Palermo a Filippo Intili, segretario della Camera del Lavoro di Caccamo, e Agostino D'Alessandria, segretario della Camera del Lavoro di Ficarazzi, uccisi dalla mafia


Palermo 28 ottobre 2019 – Domani alle ore 9 il Comune e la Cgil Palermo intitoleranno altre due strade a due sindacalisti uccisi dalla mafia. Si tratta  della via Folaga, che sarà intitolata a Filippo Intili,  segretario della Camera del Lavoro di Caccamo, ucciso il 7 agosto 1952,  e della via Cinciallegra, che diventa via Agostino D'Alessandria, in memoria del segretario della Camera del Lavoro di Ficarazzi, ucciso il 10 settembre del 1945.
Alla cerimonia partecipano il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo, il sindaco di Caccamo Nicasio Di Cola, il sindaco di Ficarazzi Paolo Francesco Martorana e i familiari di Intili e di D'Alessandria.  

Corleone, inaugurata la prima “casetta dell’acqua”

La casetta dell'acqua di piazza San Nicolò

Corleone, 28 ottobre 2019. Anche Corleone ha la sua “casetta dell’acqua”, un punto di erogazione automatica di acqua naturale e frizzante, collegato all’acquedotto. L’impianto, fortemente voluto dall’amministrazione comunale, è stato inaugurato stamani in piazza San Nicolò, alla presenza di molti studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado dell’Istituto “Giuseppe Vasi”. Una festa per dare il benvenuto a questa novità tanto attesa.

Palermo, sindacato della scuola: eletta la nuova segreteria della Flc Cgil Palermo

La nuova segreteria FLC di Palermo

Palermo, 28 ottobre 2019 – È stata eletta oggi la nuova segreteria della Flc Cgil Palermo. Ne fanno parte, oltre al segretario generale Fabio Cirino, eletto lo scorso 12 settembre, Francesco Amorello, assistente amministrativo presso l’istituto comprensivo di Cinisi, Daniela Vancheri, docente di scuola primaria presso l'istituto comprensivo Russo Raciti di Palermo, e Ludovica Ioppolo, ricercatrice Istat e rsu presso la sede territoriale di Palermo.

Palermo, martedì prossimo Alan Friedman presenta il suo libro "Questa non è l'Italia


Martedì 29 ottobre, alle ore 18:00 presso la Feltrinelli Libri e Musica (via Cavour 133 – Palermo), Alan Friedman presenta il suo nuovo libro Questa non è l’Italia (Newton Compton) insieme a Leoluca Orlando e Letizia Battaglia.
Che cosa è successo al Paese? Come siamo arrivati a questo punto? Quanti danni hanno fatto Salvini e Di Maio? Quant’è malata la nostra economia? Qual è la ricetta giusta per creare crescita e lavoro?  E chi sarà, alla fine dei giochi, a scegliere il successore del Presidente Mattarella?

Contrattisti Precari dell’Asp di Palermo: l’accordo fatto? Per noi storici solo una sconfitta, a vantaggio dei più giovani

I precari "storici" dell'Asp rischiano di essere sorpassati dai più giovani

La speranza era che, spente le luci dei riflettori, rilassate le menti e riflettuto su quanto si era deciso, qualcuno tornasse indietro sui suoi passi e desse altri segnali. Invece, il silenzio assoluto, anzi la conferma che lo sciopero indetto per il 5 e 6 novembre è stato annullato, anche se lo stato dio agitazione permane fino alla fine di novembre, “in attesa dell’ulteriore incontro promesso er chiudere definitivamente l’accordo “.
Che i giochi di potere sono sempre a discapito dei più deboli è cosa nota, ma i 647 contrattisti amministrativi precari dell’Asp di Palermo credevano - e forse, in cuor loro, lo sperano ancora -  che regolarizzare  una situazione che va avanti da oltre 30 anni non fosse come chiedere la luna. Del resto, si è detto in tutte le salse, lo prevede la legge emanata dal ministro Marianna Madia che punta proprio a eliminare tutte le situazioni di precarietà storicizzata trasformando i contratti in essere da tempo determinato a tempo indeterminato nell’ambito della categoria di appartenenza.

domenica 27 ottobre 2019

Tassi d’interessi fino a circa 300 % annuo. I Carabinieri arrestano per usura due persone Agostino Rio e Nicola Bordino. Sos Impresa Sicilia: “l’unica strada per spezzare le catene è denunciare”


TERMINI IMERESE (PA): Ieri pomeriggio i Carabinieri della locale Compagnia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Termini Imerese nei confronti di Agostino RIO e Nicola BORDINO, termitani, rispettivamente 63enne e 49enne, ritenuti responsabili dei reati di usura e tentata estorsione in concorso. Gli arresti sono conseguenza di un’attività d’indagine svolta dai Carabinieri di Termini Imerese, che ha consentito di accertare che RIO aveva prestato, negli ultimi cinque anni, in tre occasioni, somme di denaro ad un commerciante locale, applicando tassi di interesse che variavano tra il 120 % e il 300 % annuo in base alla somma data in prestito, con la collaborazione, per la fase di riscossione, del cugino BORDINO.

Corleone, Giuliacci show: "Previsioni? Mai perfette!"


sabato 26 ottobre 2019

Vie dei diritti, intitolata oggi a Palermo una strada a Andrea Raia, segretario della Camera del Lavoro di Casteldaccia ucciso dalla mafia il 5 agosto del 1944

La via Andrea Raia nella borgata Bonagia di Palermo

Palermo 26 ottobre 2019 – Intitolata oggi dall'amministrazione comunale e dalla Cgil Palermo la via della Martora, nel quartiere di Bonagia, al sindacalista Andrea Raia, segretario della Camera del Lavoro di Casteldaccia, ucciso dalla mafia il 5 agosto del 1944. Alla cerimonia, nell'ambito delle Vie dei diritti, per l’intitolazione di 21 strade a sindacalisti uccisi, sono intervenuti il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo, il sindaco di Casteldaccia Giovanni Di Giacinto e il parlamentare Davide Aiello, pronipote di Andrea Raia.    

Mobilitiamoci per rivendicare il diritto a vivere in sicurezza transitando per le nostre strade!

La SP 4: una strada o un fiume?

DINO PATERNOSTRO
Le chiacchiere (anche quelle che sembrano sensate) stanno a zero, rispetto alla concreta necessità di avere gli interventi che rendano le nostre strade transitabili. In particolare la SP4 e la SP2 Corleone – S. Cipirello – Partinico. Nessuno da solo può fare nulla. Allora mettiamoci tutti insieme (cittadini comuni, associazioni, sindacati, amministrazioni e consigli comunali, parlamentari del territorio), riuniamoci in assemblea e decidiamo concretamente cosa fare. Blocchiamo la SP4 (tanto formalmente da anni è ormai chiusa al traffico, no?) e chiediamo alla Città metropolitana di Palermo (ex Provincia), alla Regione e allo Stato di venire da noi. Costringiamoli a sedere allo stesso tavolo e a non alzarsi prima di trovare un accordo vero e concreto per spendere i soldi che già ci sono per mettere in sicurezza questa strada (6 milioni e mezzo di euro). E ad aggiungerne altri se mancano. Tutti insieme noi del territorio, senza difendere questa o quella postazione, che servirebbe solo a dividerci. Dobbiamo difendere solo il nostro diritto a vivere in sicurezza, a lavorare in sicurezza, a curarci in sicurezza. Chi ci sta? Scriviamolo qui. E fissiamo la data per una grande assemblea cittadina e per una successiva manifestazione, come quella che nel 2013 ci consentì di salvare il nostro ospedale. D.P.


IL RITORNO DEL “VELENO” RAZZISTA CHE COLPI’ EINSTEIN


EMANUELE MACALUSO
La Stampa, ieri, ha pubblicato alcune delle lettere che negli Anni ‘30 si scambiarono il grande poeta francese Paul Valéry e il grandissimo scienziato Albert Einstein. Il quale era ebreo e la Germania nazista lo espulse dall’università, gli sequestrò tutti gli averi e lo cacciò dal suo paese. La sintesi di queste lettere può essere così formulata: il veleno del razzismo penetra in tutti i paesi. Le lettere sono state raccolte e pubblicate in un libro curato dalla studiosa Marina Teresa Giareri, dell’Accademia delle Scienze.

La guerra di Erdogan. Con i curdi abbiamo perso anche noi


di ROBERTO SAVIANO
Ha vinto Erdogan, che raggiunge il suo obiettivo: impedire la costituzione di uno Stato autonomo curdo. Vince Putin, "facilitatore" nei rapporti tra Turchia e Siria. Vince sempre Putin che, con il ritiro delle truppe Usa, è unico burattinaio in Medioriente. Vince in parte il sanguinario Bashar al-Assad anche se deve accettare le truppe turche in Siria. Vince Trump per aver tenuto fede al ritiro degli Usa da quel fronte di guerra: un risparmio per i contribuenti americani che non sono più disposti a spendere soldi per luoghi e popoli di cui ignorano finanche l’esistenza.

Ore di ansia per Claudia Stabile, scomparve anche tre anni fa

Claudia Stabile col marito Piero Bono

Nel 2016 era scomparsa dalla Germania portando con se anche un figlio. Il marito la denunciò e venne arrestata
Diventa sempre più avvolto dal mistero il giallo della scomparsa di Claudia Stabile da Campofiorito, in provincia di Palermo. Della donna non si hanno più notizie dal 8 ottobre quando non è più rientrata a casa dopo aver fatto la spesa. La tesi su cui propendono gli investigatori è quella dell’allontanamento volontario. Una ipotesi suffragata dal ritrovamento dell’auto della donna in un parcheggio dell’aeroporto di Palermo. L’auto era aperta, all’interno anche le chiavi. 

venerdì 25 ottobre 2019

Immigrazione in Italia: i dati ufficiali smontano i pregiudizi


PIETRO SCAGLIONE
Non vi è alcuna invasione in corso in Italia (che ha un tasso migratorio inferiore a molte altre nazioni) e l'immigrazione contribuisce al Pil per il 9%. 
I dati ufficiali che smontano stereotipi e pregiudizi sono contenuti nel Dossier Statistico 2019 sull'Immigrazione, elaborato da IDOS - Centro Studi e Ricerche sull'immigrazione , in partenariato con la rivista Confronti. La pubblicazione del dossier è finanziata con i fondi dell'8 per mille della Chiesa Valdese. 
I residenti stranieri in Europa sono 39,9 milioni, mentre in Italia sono 5.255.503, l'8,7 per cento della popolazione residente (2018).  Gli occupati stranieri in Italia sono 2.445.000 , il 10,6 per cento del totale dei lavoratori. Le imprese gestite da stranieri in Italia sono, invece, 602.180 , il 9,9 per cento delle aziende complessive. Ai lavoratori immigrati è ascrivibile il 9% del Pil nazionale (pari a un valore aggiunto di 139 miliardi di euro annui).

Palermo. Vie dei diritti, domani l'intitolazione di una strada di Bonagia ad Andrea Raia, segretario della Camera del Lavoro di Casteldaccia

Andrea Raia, assassinato dalla mafia 75 anni fa 
Raia venne assassinato dalla mafia il 5 agosto del 1944 perchè difendeva i lavoratori poveri  
Palermo 25 ottobre 2019 – Vie dei diritti: domani alle ore 9 l'amministrazione  comunale e la Cgil Palermo intitoleranno  via della Martora, nel quartiere di Bonagia,  ad Andrea Raia, il segretario della Camera del Lavoro di Casteldaccia, ucciso dalla mafia il 5 agosto del 1944. Alla cerimonia interverranno il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il segretario della Cgil Palermo Enzo Campo, il sindaco di Casteldaccia Giovanni Di Giacinto e i familiari di Raia, tra cui la figlia Santa Raia, di 93 anni, e il pronipote e deputato Davide Aiello.

Corleone, mercoledì prossimo seduta del consiglio comunale


Il Consiglio Comunale di Corleone è stato convocato in sessione ordinaria per il giorno 30 ottobre 2019 alle ore 19.00 nella Sala Consiliare B. Verro (P.zza Garibaldi. L’elenco degli argomenti da trattare, ai sensi dell’art. 39 c. 4 dello Statuto Comunale,è il seguente:
1. Comunicazioni.
2. Lettura ed approvazione verbali precedenti.
3. Proposta di deliberazione: Approvazione variazione programma triennale delle OO.PP. 2019-2021.
4. Proposta di deliberazione: Riconoscimento debito fuori bilancio ai sensi dell’art.194 c.1 lett.e) del D.Lgs n.267/2000 ed approvazione perizia giustificativa dei lavori.
5. Proposta di deliberazione: Variazione al Bilancio 2019-2021 n.2. Ratifica della delibera di Giunta Comunale n.215 in data 03.09.2019 adottata ai sensi dell'art.175 comma 4 del D.Lgs n.247/2000.
6. Proposta di deliberazione:Variazione al Bilancio 2019-2021 n.3.
7. O.d.G. Reddito di cittadinanza – Convenzione comune di Corleone/ Ministero del Lavoro per la piattaforma digitale.

Ma la mafia non è solo coppola e lupara

GIAN CARLO CASELLI 
“Ao’, quello che te sto a dì è Cassazione!”. Così “Er Monnezza” (il commissario Nico Giraldi di Tomas Milian) quando voleva mettere a tacere chi la pensava diversamente. Proprio quel che i latini esprimevano dicendo che la Cassazione “facit de albo nigrum” oppure “aequat quadrata rotundis”. In parole povere, quando la Cassazione sentenzia, il discorso tecnico-giuridico è definitivamente chiuso.
Può però accadere che la Cassazione si esprima più volte, contraddicendosi, sullo stesso caso. E allora? A quale Cassazione credere? Per convenzione l’ultima cancella le altre. Per cui, nel caso di “Mafia Capitale” a prevalere è la Cassazione del 22 ottobre, che ha escluso la configurabilità della mafia non ravvisando gli estremi del 416 bis. Il che non impedisce di rimarcare che a questa conclusione si è arrivati con un percorso che definire tortuoso e accidentato è davvero assai riduttivo.

Monreale, i Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale restituiscono alla Biblioteca del Seminario un libro del XVI secolo rubato negli anni ‘80

Il frontespizio del libro restituito
Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Torino e Palermo, al termine di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Torino, hanno restituito a Mons. Giuseppe Ruggirello, direttore della Biblioteca “Ludovico II De Torres” del seminario arcivescovile di Monreale (PA), un prezioso libro dal titolo “Heron Mechanicus seu De Mechanicis artibus atq disciplinis… risalente al 1580 e riportante sul frontespizio la manoscrittura “L. Archiepisc. Montisregal”, provento di furto perpetrato nel 1987 ai danni della stessa biblioteca. Le indagini sono iniziate a seguito dei controlli svolti dal Nucleo TPC di Torino presso le librerie antiquarie nel territorio di quella provincia, dove il volume veniva individuato. Il recupero effettuato dai Carabinieri del TPC è frutto del costante monitoraggio del mercato antiquariale.

Verso una nuova stagione di impegno antiracket e antiusura


Martedì 29 ottobre a Barcellona Pozzo di Gotto l’incontro delle associazioni antiracket della Rete per La Legalità. Consegna delle tessere di soci onorari a Giuseppe Antoci e Paolo Borrometi
Una nuova stagione antiracket e antiusura è quella lanciata da SOS IMPRESA - Rete per la Legalità che, alle 9.30 di martedì 29 ottobre, sarà nell’auditorium del Parco Urbano Maggiore La Rosa (ex stazione ferroviaria) di Barcellona Pozzo di Gotto per un incontro pubblico delle Associazioni Antiracket e Antiusura siciliane aderenti alla Rete per la Legalità.

giovedì 24 ottobre 2019

Il mistero della scomparsa di Claudia ieri sera anche a "Chi l'ha visto?"

Giornale di Sicilia, 24 ottobre 2019

Funzione Pubblica Cgil. Autonomie locali, da Palermo la sfida per allargare la sfera dei diritti dei lavoratori e migliorare i servizi

Aggiungi didascalia

A conclusione del secondo incontro di cooperazione sindacale con gli spagnoli della Comisiones Obreras, allo studio una Piattaforma da lanciare a livello nazionale ed europeo
Palermo 23 ottobre 2019 – Una piattaforma di lavoro per lanciare a livello nazionale ed europeo un modello comune di contrattazione decentrata. Parte dalla città di Palermo la sfida  per l'allargamento dei diritti di informazione e consultazione anche nel comparto delle Funzioni Locali. Il documento, con i punti di contatto tra i modelli contrattuali  e legislativi di Italia e Spagna,  è stato approvato ieri sera a conclusione del  secondo incontro di cooperazione sindacale internazionale organizzato nella nostra città dalla Fp Cgil Palermo e dall'omologo sindacato della  Fsc Ccoo di Valencia,  con le rispettive  segreterie e la partecipazione della Fp Cgil Sicilia, della Fp Cgil nazionale e dell'ufficio internazionale della Fp Cgil.  

Mafia: Cgil, “Beni confiscati, serve manutenzione del sistema”


Palermo, 23 ott. (Adnkronos) - Una "manutenzione per l'intero sistema che opera nella gestione dei beni sequestrati e confiscati, a partire dall'implementazione degli strumenti del nuovo codice antimafia". E' la richiesta avanzata dalla Cgil pronta anche a promuovere "un'azione di mobilitazione per rimuovere gli ostacoli che stanno mortificando le giuste aspirazioni di tutti i cittadini siciliani onesti". Il tema è stato al centro della riunione di oggi del sindacato a Enna.

mercoledì 23 ottobre 2019

Medici, avvocati e architetti: a Palermo sono a disposizione (gratis) di chi ne ha bisogno

GIULIANA IMBURGIA
È nata un’associazione di professionisti (dai medici agli amministratori di condominio) si fa carico dei problemi dei più deboli: minori, immigrati e famiglie
Minori, migranti e famiglie adesso hanno chi li ascolta: a Palermo un consultorio gratuito per la tutela dei diritti (di tutti). Un’associazione di volontari che si fa carico dei problemi dei più deboli. Minori, immigrati e famiglia possono contare sull’aiuto di uno sportello sociale multidisciplinare al quale rivolgersi e che li ascolta gratuitamente.

La Consulta cancella l’ergastolo duro per i mafiosi. Il parere dei giudici: anche loro possono avere i permessi


NICOLA PINNA
Il carcere duro per i mafiosi d’ora in poi sarà un po’ meno duro. Perché anche a loro, dice la Corte costituzionale, deve essere garantito il diritto a ottenere i permessi premio per uscire dalla cella. E così, dopo il ricorso di Sebastiano Cannizzaro, ex boss del clan Santapaola e di Cosa Nostra nella provincia di Catania, crolla il principio dell’ergastolo “ostativo” e si sgretola uno degli articoli dell’ordinamento penitenziario. La questione riguardava proprio i permessi (articolo 4 bis, comma 1) che vengono costantemente negati agli esponenti della criminalità organizzata. Almeno a quelli che non hanno collaborato con gli investigatori. 

Foggia. La Cgil: "Non devono vincere loro. No alle mafie, no a chi soffoca speranze di progresso"

La cantina di San Severo danneggiata
Domani a San Severo manifestazione per dare solidarietà all'azienda vitivinicola danneggiata dalla mafia
 “Non devono vincere loro, non deve vincere chi soffoca le speranze di crescita sociale ed economica, quelle mafie che opprimono territori, imprese, cittadini, istituzioni. Dalla solidarietà e vicinanza all’Antica Cantina di San Severo deve arrivare un messaggio di forza della società civile, di unità e di non rassegnazione. Deve vincere la legalità, dobbiamo ridare speranza alla Capitanata”. Commenta così Maurizio Carmeno, segretario generale della Cgil di Foggia, l’atto criminale che ha visto vittima l’azienda vitivinicola del centro dell’Alto Tavoliere, con la dispersione di migliaia di ettolitri di vino e un danno stimato di un milione di euro.

Corleone, il Distretto Sanitario informa i suoi utenti con Telegram


Il Distretto Sanitario di Corleone ha raggiunto un accordo con il Comune di Corleone per pubblicare le news riguardanti l’attività sanitaria distrettuale del corleonese, attraverso il canale ufficiale Telegram del Comune. Gli utenti di Corleone e dei paesi limitrofi potranno ricevere nel proprio cellulare le notifiche sui nuovi servizi ambulatoriali, sulle scadenze dell’esenzione ticket, sulla modulistica da utilizzare per le varie istanze, ed altro ancora. Il tutto gratuitamente e direttamente sul proprio smatphone.
Come funziona?
E’ semplicissimo! Basterà scaricare nello smartphone l’app TELEGRAM (tramite App Store o Play Store). Una volta configurata, cercare il canale del Comune di Corleone tramite il form “cerca” digitando o @comunecorleone oppure Comune di CorleoneInfine entrare nel canale e cliccare sulla scritta UNISCITI.
Da questo momento, l'utente, comodamente da casa, riceverà le notifiche sulle attività sanitarie.


Appalti, Corte dei Conti: i controlli non sono un ostacolo, anzi vanno potenziati


(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "I controlli non vanno visti come un ostacolo che ritarda l'azione amministrativa, ma come un sostegno per le amministrazioni e una condizione per rafforzare l'imparzialità e il buon funzionamento delle stesse". Lo ha detto il presidente della Corte dei Conti Angelo Buscema, sottolineando che "non è riducendo i controlli che si restituisce capacità operativa ed efficacia alle amministrazioni, ma semmai potenziandoli". "In questa direzione occorre anche pensare a un piano rigoroso di formazione per la dirigenza pubblica, che di fatto ha il potere di firma", ha aggiunto Buscema, aprendo il convegno 'Quale controllo preventivo per gli appalti pubblici?', evidenziando che "è la stessa dirigenza che oggi chiede al legislatore di tornare al controllo preventivo di legittimità che anni fa si diceva fosse un freno, ma che poi si è scoperto quanto tutelasse l'amministratore pubblico". Buscema ha quindi evidenziato di non dimenticare che "ruolo chiave del nostro Istituto, nello svolgimento delle sue funzioni, rafforza l'immagine di affidabilità agli occhi dei cittadini e degli amministratori, che guardano alla Corte come a un costante presidio di legalità per la gestione delle pubbliche finanze".

Palermo. Una strada a Giuseppe Maniaci, sindacalista assassinato a Terrasini nel 1947

Nel popolare quartiere palermitano di Bonagia è stata dedicata, stamani, una strada Giuseppe Maniaci, segretario di Confedeterra di Terrasini e dirigente del partito comunista,  ucciso all’età di 38 anni, a  colpi di mitra davanti la sua casa di contrada Paternella il 25 ottobre del 1947. 
GUARDA IL SERVIZIO SU TELEOCCIDENTE

Operazione “take and go”: disarticolata altra piazza di spaccio allo zen 2

Salvatore La Piana
Nelle prime ore del mattino DI IERI, nell’ambito dell’indagine denominata  “Take and go”, la compagnia carabinieri di Palermo San Lorenzo ha eseguito due ordinanze applicative di misure cautelari, emesse dai GIP del tribunale ordinario e da quello per i minorenni, su richiesta delle locali procure, nei confronti di 10 soggetti, tra i quali tre minori, ritenuti responsabili a vario titolo di “spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti”.
L‘indagine, avviata nel luglio 2018 dai carabinieri della stazione San Filippo Neri, ha permesso di ricostruire dettagliatamente l’attività illecita realizzata dagli indagati, delineando ruoli e funzioni dei componenti, nonché di confermare la presenza di una piazza di spaccio allo Zen 2, avente ad oggetto sostanza stupefacente del tipo hashish.

AVANTI TUTTA, il grido che muoverà l’assemblea di giovedì 24 ottobre dei 647 contrattisti precari dell’ASP di Palermo


A indirla la FIALS, esclusa dalla convocazione dell’assessorato
Da che mondo è mondo gli accordi per la tutela e la garanzia dei lavoratori si chiudono sentite tutte le parti in causa, nel caso specifico le rappresentanze sindacali, ma che si faccia escludendo quelle che hanno avuto più a cuore i diritti dei lavoratori può anche fare infuriare. Quello che è successo alla FIALS che forse l’assessore alla regionale alla Salute, Ruggero Razza, ha dimenticato di invitare, insieme a Cgil, Cisl e Uil, alla riunione convocata domani mattina per discutere la stabilizzazione dei 647 contrattisti precari dell’ASP di Palermo.

martedì 22 ottobre 2019

Palermo. Vie dei diritti, intitolate oggi tre strade di Falsomiele a Giuseppe Maniaci, Giovanni Castiglione e Girolamo Scaccia

L'inaugurazione di via Giuseppe Maniaci
Campo: “Tre costruttori di libertà. Assieme alle famiglie per strappare dall'oblio  le storie dei sindacalisti uccisi dalla mafia”.
Palermo 22 ottobre – Intitolate oggi dall'amministrazione comunale e dalla Cgil Palermo tre strade di Falsomiele ai dirigenti sindacali uccisi Giuseppe Maniaci, di Terrasini,  Giovanni Castiglione e Girolamo Scaccia, di Alia. La via dell'Allodola da oggi si chiama via Giuseppe Maniaci, in ricordo del segretario della Confederterra di Terrasini, ucciso il 22 ottobre 1947. E  via della Capinera e Largo dei Fagiani sono state intitolate rispettivamente a Girolamo Scaccia e Giovanni Castiglione, entrambi sindacalisti del movimento contadino, uccisi barbaramente durante una riunione della Camera del Lavoro ad Alia, il 22 settembre del 1946. GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO

Corleone, convegno sulle nuove frontiere della lotta alla mafia


Corleone, i turni di emergenza per l'erogazione idrica per l'avvio dei lavori di manutenzione dell'adduttore Raia


AMAP S.p.A. - AVVISO ALLA CITTADINANZA DI CORLEONE
Turnazione idrica emergenziale: avvio dei lavori di manutenzione straordinaria dell’adduttore Raia
L'Amap comunicaalla cittadinanza di Corleone che, a causa dell’avvio dei lavori di  manutenzione straordinaria all’adduttore Raia e dal conseguente mancato approvvigionamento delle acque, prelevate dalla sorgente Raia e dall’invaso Prizzi, da giorno 23 ottobre c.a. la distribuzione idrica alle utenze cittadine sarà effettuata  (fatto salvo eventuali interruzioni di servizio dovute a guasti, su condotte principali o di adduzione ai serbatoi), secondo il seguente programma:

lunedì 21 ottobre 2019

Palermo, controlli antidroga nel quartiere Sperone: i Carabinieri arrestano un 44enne


Palermo: durante un servizio antidroga nel quartiere sperone i carabinieri della compagnia Piazza Verdi unitamente al nucleo cinofili di Palermo, hanno tratto in arresto per spaccio e detenzione ai fini di spaccio, Rosario Vitrano, un palermitano 44enne. I militari dell’Arma, nel transitare in passaggio De Felice Giuffrida, hanno sorpreso l’uomo a spacciare 10 dosi di hashish a due persone. Subito gli operatori hanno  proceduto a fermare Vitrano che è stato trovato in possesso di un’altra dose di hashish, 3 dosi di cocaina e 415 euro in banconote da piccolo taglio, ritenuti provento dell’attività illecita. Le sostanze stupefacenti e il denaro sono stati sottoposti a sequestro. I due acquirenti sono stati segnalati al locale ufficio territoriale per uso di sostanze stupefacenti per scopi non terapeutici. L’uomo è stato tradotto presso il suo domicilio in regime di detenzione domiciliare, in attesa della convalida. L’autorità giudiziaria dopo la convalida dell’arresto ha disposto per il 44enne la misura cautelare degli arresti domiciliari.


domenica 20 ottobre 2019

Corleone. Nella borgata di Ficuzza si sperimenta la mostra-mercato del contadino

Uno stand della mostra-mercato del contadino svoltasi a Ficuzza
Corleone, 20 ottobre 2019. Allestita nella piazza principale di Ficuzza, all'ombra della Real Casina di Caccia, una mostra mercato del contadino, organizzata dal Comune di Corleone. Un primo appuntamento che ha fatto registrare un buon successo di pubblico. Diversi produttori corleonesi e delle aree limitrofe hanno esposto, fatto assaggiare e venduto i frutti delle loro terre, dal formaggio al miele, dalla salsa di pomodoro alle zucche, fino ad origano, meloni, biscotti e marmellata. 

sabato 19 ottobre 2019

Precari sino alla pensione? L’assurda storia dei contrattisti dell’Asp di Palermo che, da oltre 30 anni, attendono di essere stabilizzati


E alla fine l’assessore è andato via”. Potrebbe sembrare uno slogan, invece è stato come l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, ha pensato bene di reagire ai lavoratori che, esasperati da giochi politici che vanno avanti da 30 anni, ancora oggi si vedono costretti a rivendicare il loro diritto di essere stabilizzati. Peraltro forti della legge Madia il cui principio è proprio quello di stabilizzare i precari storici delle pubbliche amministrazioni, per aprire un nuovo capitolo di assunzioni attraverso concorsi. Aria nuova che consentirebbe allo Stato di fare fronte a tante carenze e bisogni. Tutto bene, si potrebbe dire, se solo non ci fosse la volontà di mettere da parte i diritti dei lavoratori, dimenticandosi di consultare le parti sindacali deputate a tutelare gli stessi. La storia é nota. Parliamo dei 647 contrattisti amministrativi precari dell’ASP di Palermo che attendono ormai da tempo immemore la stabilizzazione, così come prevede la legge emanata dal ministro Marianna Madia che punta a eliminare tutte le situazioni di precarietà storicizzata.  Il termine eliminare, però, per qualcuno è stato preso veramente alla lettera, pensando bene che forse ci fossero le condizioni per bypassare le norme di legge e inserire nuove figure.

Campofiorito: "Sono a fare la spesa per la festa". Claudia è scomparsa da 10 giorni

Claudia Stabile
da RICCARDO LO VERSO
L'auto ritrovata in aeroporto, ma non sarebbe partita. L'angoscia dei familiari: "Torna a casa"
PALERMO - Sono trascorsi dieci giorni. Nessun messaggio da parte di Claudia. La sorpresa è diventata angoscia. Dieci giorni da quando Claudia Stabile, 35 anni, che vive a Campofiorito, nel Palermitano, ha chiamato, alle 9:30, il marito Piero Bono. Era andata a fare la spesa nella vicina Corleone per organizzare la festa di compleanno di Giuseppe. Da allora, silenzio.
La macchina di Claudia è stata ritrovata nel parcheggio dell'aeroporto di Punta Raisi. Le chiavi erano sotto il tappetino. L'orario di ingresso al posteggio a pagamento, 10:45, è compatibile con la distanza fra Campofiorito e Punta Raisi. Dai primi accertamenti, però, Claudia non sarebbe mai salita su un volo. Anche volendo non avrebbe potuto imbarcarsi perché aveva con sé solo la patente di guida.

venerdì 18 ottobre 2019

Vi raccontiamo l’assurda storia dei contrattisti dell’Asp di Palermo


ROSARIO RIBBENE
Ci sono storie ordinarie e storie sorprendentemente assurde, la cui anomala dimensione risiede nell’annoso immobilismo generale. E’ il caso dei contrattisti dell’Asp di Palermo che, da oltre 30 anni, attendono di essere stabilizzati. Ancora oggi, infatti, questi lavoratori si vedono costretti a rivendicare il loro diritto di essere stabilizzati. Peraltro forti della legge Madia il cui principio è proprio quello di stabilizzare i precari storici delle pubbliche amministrazioni, per aprire un nuovo capitolo di assunzioni attraverso concorsi. Aria nuova che consentirebbe allo Stato di fare fronte a tante carenze e bisogni.

Vie dei diritti, martedì 22 alle ore 9 intitolazione di tre strade ai sindacalisti di Alia Girolamo Scaccia e Giovanni Castiglione e di Terrasini Giuseppe Maniaci, uccisi dalla mafia

Giuseppe Maniaci, segretario della
Confederterra di Terrasini, assassinato
il 22 ottobre 1947
Palermo 18 ottobre 2019 – Altre tre vie dei diritti intitolate a sindacalisti uccisi dalla mafia. Martedì 22 ottobre il Comune di Palermo e la Cgil Palermo, alle ore 9, intitoleranno la via della Capinera a Girolamo Scaccia e Largo dei Fagiani a Giovanni Castiglione, entrambi sindacalisti del movimento contadino, uccisi barbaramente durante una riunione della Camera del Lavoro ad Alia, il 22 settembre del 1946. A seguire, intitoleranno via dell’Allodola a Giuseppe Maniaci, segretario Confederazione Federterra di Terrasini, ucciso il 22 ottobre 1947.
“Proseguiamo il nostro percorso della memoria con l’intitolazione di altre tre strade del quartiere operaio di Bonagia a tre esponenti che si posero a capo di quel movimento fatto da dirigenti sindacali, braccianti, contadini, donne che lottarono per la conquista del lavoro,  per l’affermazione dei diritti e della democrazia  e trovarono la morte - dichiara il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo – Spesso si tratta di nomi coperti dall’oblio, ai quali la Cgil Palermo vuole restituire dignità ricordandoli assieme alle amministrazioni comunali e ai loro familiari, per recuperare la memoria del movimento sindacale in cui militarono e condividere una storia di valori, battaglie e conquiste da trasmettere alle giovani generazioni”.  

Corleone, l'inchino davanti casa Riina: slitta la sentenza contro il confrate Leoluca Grizzaffi


San Cipirello, ricorso contro lo scioglimento per mafia del comune


1944-2019: un incontro a Palazzo Gulì per ricordare il 75° anniversario della” strage del pane”

La targa commemorativa posta
nell'atrio di Palazzo Comitini a Palermo 
Il 19 ottobre, in occasione del 75° anniversario della “strage del pane” del 1944, il Centro Impastato e il No Mafia Memorial organizzano un incontro che si svolgerà alle ore 12, orario della strage, nei locali di Palazzo Gulì, via Vittorio Emanuele 353. Interverranno Lino Buscemi, tra i pochi studiosi che si sono occupati della strage, e Umberto Santino, presidente del Centro Impastato. All’interno del progetto “Le forme della memoria”, sarà posta un’installazione che ricorda la strage.
Il 19 ottobre del 1944 soldati dell’esercito italiano spararono su una folla inerme, che in via Maqueda, davanti a palazzo Comitini, allora sede della prefettura, protestava per le condizioni di vita nell’immediato dopoguerra. Morirono 24 persone, tra cui donne e ragazzi e 158 furono ferite. Era stato proclamato uno sciopero dei dipendenti comunali e numerosi cittadini si erano uniti ai manifestanti, chiedendo “pane e pasta per tutti”, ma furono colpiti a morte o feriti anche passanti.

giovedì 17 ottobre 2019

Misilmeri, Operazione "Pablito". Otto indagati dai carabinieri per spaccio di hashish


Salvatore Baiamonte
MISILMERI (PA) : Cinque mesi di indagini, otto ordinanze di misure cautelari per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti di tipo “hashish”. È il bilancio dell'operazione denominata “PABLITO”, con cui i Carabinieri sono riusciti a risalire la filiera dello spaccio che rifornivano le piazze di Misilmeri. Tre degli indagati sono già stati condotti presso la Casa Circondariale “Cavallacci” di Termini Imerese, si tratta del 47enne BAIAMONTE Salvatore, del 41enne ALGOZZINO Matteo e del 25enne PIZZO Giuseppe; il quarto, il 31enne PEREZ Pietro, si trova agli arresti domiciliari presso le propria abitazione, mentre per gli altri tre indagati notificata la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di residenza, nonché dell’obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria; l’ottavo indagato infine, il diciottenne B.G. che però all’epoca dei fatti era ancora minorenne, si trova presso il carcere minorile “Malaspina” di Palermo.

I precari di Anpal Servizi chiedono al governo la stabilizzazione


Roma, 17 ottobre 2019 - L’emorragia dei precari di Anpal Servizi continua: il 15 ottobre u.s. è scaduto il contratto ad altri 10 dipendenti e altri 3 andranno a casa a fine mese. Alcuni di loro sono in azienda da più di un decennio: tutti hanno superato ripetute selezioni a evidenza pubblica. Sono un patrimonio dell’azienda e della rete delle politiche attive, ma l’azienda preferisce liberarsene e contemporaneamente annuncia un concorso, rivendicando il suo diritto di “ricercare le professionalità più adatte a spingere l’innovazione” (art. Il Sole 24 Ore del 13 ottobre u.s).