martedì 24 settembre 2019

Corleone, il progetto di riqualificazione urbana del corso principale trasmesso alla Regione per il decreto di finanziamento

Corso Bentivegna sarà pavimentato con cubetti di porfido. Ma la scelta
non sembra essere la migliore e la più gradita. Meglio le lastre in pietra

Corleone, 24 settembre 2019. Approvato dall'ufficio tecnico del comune il progetto esecutivo per il restyling della villa comunale e di alcune importanti strade, in particolare via Francesco Bentivegna, a partire da corso dei Mille fino alle piazze Falcone e Borsellino e Garibaldi. Discutibile la scelta dei cubetti di porfido per la pavimentazione di corso Bentivegna. L'ideale sarebbe stato lastricarlo in pietra, come si è fatto in tanti centri storici. Già il precedente dei cubetti bitumati di Corso dei Mille avrebbe dovuto far riflettere. Raccogliendo poi una proposta di Nonuccio Anselmo, si sarebbe potuto prevedere la pitturazione in bianco del bastione S. Rocco, dove una volta c'erano i murales che adesso (tranne in un solo caso) sono andati in malora, senza che mai si sia pensato di restaurarli. In una fase due si potrebbe pensare di rifarli preparando meglio il fondo da pitturare.

E' da anni che si parla di riqualificazione di questa zona nevralgica della nostra città, che ha davvero bisogno di avere un volto nuovo. Qualche giorno fa è arrivato il parere favorevole del responsabile unico del procedimento, l’architetto Enrico Gulotta, per cui il progetto adesso viene trasmesso all’assessorato regionale alle Infrastrutture e alla mobilità per l’emissione del decreto di finanziamento. I lavori costeranno complessivamente circa un milione e mezzo di euro.
“Questo è un progetto che parte da lontano, nel 2005 – afferma Salvatore Schillaci, assessore comunale per i Lavori pubblici -. Per varie vicissitudini non si è mai concretizzato, al punto che abbiamo corso il rischio di perdere il finanziamento. Grazie al lavoro delle tre commissarie, che ringrazio per quanto è stato fatto, e al nostro impegno, siamo riusciti a salvare il finanziamento. Finalmente possiamo far partire l’iter per l’appalto dei lavori”.
L’intervento si suddivide in due parti: uno riguarda la villa comunale, il secondo piazza Falcone e Borsellino, via Francesco Bentivegna (da piazza Falcone e Borsellino a piazza Garibaldi) e corso dei Mille. “Sono vie di comunicazioni fondamentali per Corleone, percorse ogni giorno da praticamente tutti i cittadini – dice il sindaco Nicolò Nicolosi -. In molti attendono queste opere di riqualificazione e siamo molto felici di aver raggiunto l’approvazione del progetto, che porterà nuovo lustro e nuovo decoro a tutta la città”.
Per quanto riguarda la villa comunale, il progetto prevede innanzitutto la sistemazione del Parco delle Rimembranze. Saranno collocate 120 nuove targhette che riportano il nome dei caduti in guerra e che saranno poste sugli alberi del parco. Inoltre, sarà realizzato un percorso interno e sistemata la cappella. Al di fuori del Parco delle Rimembranze, verranno sistemati i muretti di recinzione e pitturate tutte le cancellate. Ma anche la scelta delle targhette da collocare sugli alberi lascia perplessi. In primo luogo per rispetto agli alberi che verranno "feriti" dai chiodi che le fisseranno. E poi perché si sta perdendo l'occasione per trasformare il vecchio "Parco della Rimembranza" in "Parco della Memoria", dove ricordare (magari con delle steli, che lascino in pace gli alberi) non solo i caduti nella prima guerra mondiale, ma tutte le vittime innocenti della violenza, compresa la violenza mafiosa. 
Il progetto consiste poi in un intervento in via Francesco Bentivegna, nel tratto compreso tra la piazza antistante la villa e piazza Garibaldi, di fronte al Comune. Verrà rifatto il manto stradale, che sarà reso omogeneo alle vie del centro storico del paese, con cubetti di porfido e guide in pietra calcarea. I cubetti di porfido saranno utilizzati anche per rifare i marciapiedi. Verranno collocate caditoie e griglie che integreranno quelle esistenti per far defluire l’acqua piovana. I percorsi pedonali saranno rimodulati e verranno aumentati gli spazi per la sosta di emergenza e il carico e lo scarico merci per i commercianti. Infine, si ripristineranno gli allacci idrici esistenti.
Anche piazza Falcone e Borsellino si rifarà il look, con il rifacimento dell’asfalto e la sistemazione dei marciapiedi sconnessi, sempre impiegando i cubetti di porfido.
Nel progetto sono previste anche opere per corso dei Mille, tra la via Duca D’Aosta e piazza Falcone e Borsellino. Nello specifico, anche in questo caso, saranno rifatti il manto stradale e i marciapiedi. Questi ultimi saranno in cubetti di porfido con una orlatura in pietra calcarea. Infine, si realizzeranno caditoie stradali e griglie che integreranno quelle esistenti.
Complessivamente, tutte le opere di riqualificazione – che sono inserite nel Piano triennale delle opere pubbliche del Comune 2019-21 - costeranno 1.529.977,04 euro. Di questi, 1.273.244,90 sono a carico della Regione Siciliana, mentre 256.732,14 proverranno dalle casse comunali. “E’ mia intenzione fare al più presto una riunione con i commercianti di via Bentivegna per illustrare in dettaglio il progetto e trovare insieme le soluzioni migliori per ridurre i disagi in fase operativa”, conclude l’assessore Schillaci.
Ci chiediamo se ci siano ancora margini per poter pensare ad una pavimentazione in pietra del corso e ad un nuovo "Parco della Memoria"... Giriamo la domanda agli amministratori e ai consiglieri comunali, che sappiamo essere sensibili a questi temi... (dp)

Nessun commento: