venerdì 12 luglio 2019

Ci vuole abilità. Un’escursione in barca per crescere tutti insieme


di Patrizia Gariffo 
La nostra associazione da anni si occupa d’integrazione della diversità e valorizzazione delle risorse di bambini e ragazzi diversamente abili. A questo scopo, venerdì scorso è stato inaugurato il progetto "Barca Celpp integra". Nei fine settimana i nostri ragazzi faranno escursioni in barca a motore, saranno impegnati in laboratori sensoriali e giochi di acquaticità in mare. L’iniziativa è aperta anche agli esterni. Un modo per promuovere con i fatti l’inclusione.
Giovanni Filippello
Presidente Celpp Integra 
In Sicilia accade che esistano moltissime spiagge che sono inaccessibili alle persone con disabilità, e che nello stesso tempo però nascano iniziative che si servono proprio del mare come mezzo d’integrazione e di inserimento lavorativo, perché in acqua le diversità diminuiscono e le risorse individuali si potenziano.

L’iniziativa del Celpp (Centro educativo logopedico psicomotorio psicologico) di Palermo che, come afferma Maria Catalano, presidente dell’associazione, si serve della barca e del mare come «ottimo vettore socio-relazionale» è stata inaugurata venerdì scorso con un grande successo al molo di Marina di Villa Igiea (porticciolo dell’Acquasanta). L’obiettivo del progetto, primo in Italia a fare servizi d’integrazione in una barca a motore, è quello di promuovere e favorire l’inclusione non solo attraverso il divertimento e il gioco, ma anche per mezzo della valorizzazione del nostro incantevole territorio e del lavoro.
Così, ogni weekend, i ragazzi iscritti all’associazione potranno fare delle escursioni in barca nella zona dell’Addaura, svolgendo varie attività, e nello stesso tempo «i diversamente abili adulti, che già fanno progetti di autonomia socio-relazionale con la dottoressa Angela Restivo, potranno lavorare ed essere utili al prossimo», spiega Filippello. Questi ragazzi, infatti, si prenderanno cura della barca, che è stata rimessa a nuovo grazie al supporto della Motomar, e proseguiranno un percorso di autonomia socio-relazionale e di valorizzazione della propria intelligenza emotiva. La barca può contenere almeno dieci persone e il progetto "Barca Cellp Integra" è fruibile anche dagli esterni. Basterà chiamare lo staff (al numero 329 3460509) per un colloquio per conoscere e valutare le risorse di ogni ragazzo e inserirlo, pure con la famiglia se lo desidera, in una delle escursioni in barca. «Quest’anno abbiamo voluto regalare un sogno ai bambini e ai ragazzi», racconta con entusiasmo il presidente di Celpp Integra. Un sogno che si è potuto realizzare anche grazie al sostegno della scuola Thomas More, che insieme alla Celpp si è spesa per la valorizzazione del progetto, lo staff dell’associazione e le famiglie dei ragazzi che ne fanno parte.
La Repubblica Palermo, 11 luglio 2019

Nessun commento: