giovedì 20 giugno 2019

Sciopero al Giornale di Sicilia. Slc-Cgil, appello alle istituzioni e al mondo della cultura contro il licenziamento di 34 poligrafici su 43 annunciati dall'azienda

La sede del Giornale di Sicilia a Palermo

“E' un colpo ferale, che va respinto. Chiediamo un piano industriale all'altezza. Le istituzioni e la città stiano accanto ai lavoratori”.        
Palermo 20 giugno 2019 – L'Slc Cgil Palermo esprime profonda amarezza e preoccupazione per il dramma che stanno vivendo i poligrafici  del Giornale di Sicilia, in sciopero per cinque giorni dopo la decisione dell'azienda, la S.E.S società editrice della Gazzetta del Sud, di dichiarare 34 esuberi su 43 lavoratori.  

“Quando due anni fa – dichiara il segretario generale Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso - il 51 per cento delle quote  del Giornale di Sicilia fu acquistata dalla Ses, noi dicemmo subito che una fusione tra due giornali, in un momento di crisi dell'editoria, poteva essere un'operazione bellissima ma anche molto pericolosa. Ci risposero che l'ottimizzazione delle risorse avrebbe comportato anche dei sacrifici ma che il progetto era il rilancio. Dicemmo di stare attenti, individuando il segnale negativo  del centro stampa spostato da Palermo a Messina, la prima cosa che fecero. Poco tempo dopo scattò la solidarietà al 50 per cento”.
“Oggi, dopo questo piano lacrime e sangue,  possiamo  ben dire che ci hanno raccontato un libro dei sogni. Dichiarare dall'oggi al domani 34 esuberi su 43 significa che la produzione di fatto è spostata a Messina e che la sede di Palermo viene ridimensionata, a un passo dalla chiusura  – prosegue Rosso -  In un momento in cui Palermo ha riacquistato visibilità, è diventata capitale culturale e turistica, assestare questo colpo ai lavoratori di una testata  fondamentale per una città dove hanno trionfato per anni mafia, malaffare e  corruzione  è un assassinio”.
Secondo l'Slc Cgil, un'azienda editoriale che produce informazione deve essere considerata  alla stregua di  una istituzione culturale e si deve levare alto il grido delle istituzioni politiche in sua difesa. “E' insopportabile che lavoratori che hanno creduto nel rilancio di questa testata, decurtandosi gli stipendi e facendo sacrifici, vengano non considerati e messi in mezzo alla strada – aggiunge Maurizio Rosso - Chiedo l'intervento immediato del sindaco e del presidente della Regione per esigere piani industriali veri. Il piano industriale 2018-2022, che prevedeva un graduale ritorno a un equilibrio economico finanziario, evidentemente non si è rivelato all'altezza dei risultati. Ma chi l'ha fatto, Paperino, un piano in cui pochi mesi dopo ci si accorge di un forte disallineamento? Come si può pensare che un'azienda seria faccia errori così madornali? Secondo noi, c'è del marcio in Danimarca”.
“Faccio un appello forte – conclude Rosso - al sindaco, alle istituzioni, agli intellettuali,  all'Università, ai centri studi e di ricerca, per scendere in piazza con i poligrafici e i lavoratori del giornale, a salvaguardia dell'informazione e di una testata storica  per l'Isola intera. Staremo accanto ai lavoratori  giorno e  notte e faremo tutte le azioni di lotta possibili per salvare i posti di lavoro”.

Nessun commento: