martedì 18 giugno 2019

Ficuzza, eletta la Consulta. Dovrà affrontare i tanti problemi della borgata

Un momento dello scrutinio nella borgata di Ficuzza
Domenica scorsa si sono svolte a Ficuzza le elezioni per eleggere i tre componenti della consulta della borgata, prevista dallo statuto comunale. Grande è stata la partecipazione al voto, con quasi il 60% degli aventi diritto (più alta che alle recenti elezioni per il parlamento europeo). Sono stati eletti Rosario Giardina (36 voti), seguito da Margherita Orlando (34 voti) e Susanna Giardina (28 voti). Hanno ottenuto voti anche Giovanni Spadafora (14 voti) e Giorgio Orlando (2 voti).
"Abbiamo fortemente voluto che si eleggere la consulta a Ficuzza – dice l'assessore con delega alla frazione di Ficuzza, Salvatore Schillaci - perché riteniamo che sia un importante strumento di partecipazioni popolare,
che senz’altro aiuterà l'amministrazione a occuparsi meglio della borgata e dei suoi residenti . Sono certo che con l'apporto degli eletti, ma anche di tutti i borghigiani riusciremo, a rilanciare la borgata e darle il risalto che merita”.
Non sono i problemi che mancano a Ficuzza. A cominciare dall’annoso problema dei rapporti col comune di Monreale: metà borgata, tra cui il cimitero, ricade nel territorio del comune normanno, rendendo complicata la gestione dei servizi. Proprio la soluzione di concordare uno scambio di territorio Corleone-Monreale dovrebbe essere la soluzione del problema. Da anni, però, si cerca di perseguirla, ma finora senza esito. 

Nessun commento: