venerdì 31 maggio 2019

Il ministero assicura "Sarà dichiarata illegittima la sospensione della prof"

La professoressa Rosa Maria Dell'Aria

di Tullio Filippone 
Alla fine ha vinto la professoressa Rosa Maria dell’Aria. La sospensione di 15 giorni che ha finito di "scontare" lunedì scorso, sarà dichiarata illegittima e alla docente dell’Iti Vittorio Emanuele III non solo sarà restituita metà della mensilità dello stipendio. Ma le sarà riconosciuto che non sussisteva la mancata vigilanza sull’operato dei suoi studenti e il fatto che, quel 28 gennaio scorso, con la presentazione in cui i suoi studenti accostavano le leggi razziali del ’38 al decreto sicurezza, non si arrecò offesa a nessuno.
Ieri, in un incontro riservato nella sala vip dell’aeroporto Falcone e Borsellino, gli avvocati della docente Alessandro Luna e Fabrizio La Rosa si sono confrontati con il capo dipartimento per il sistema educativo del ministero dell’Istruzione Carmela Palumbo e con il capo dell’ufficio legislativo Maurizio Borgo per discutere della soluzione tecnica al caso, annunciata dal ministro Marco Bussetti lo scorso 23 maggio, quando in prefettura la prof incontrò anche Salvini. « Abbiamo individuato una soluzione tecnica che chiude il caso, senza che sia necessario presentare il ricorso - dice Luna, figlio e legale della prof - i funzionari del ministero dichiareranno l’illegittimità del provvedimento perché il comportamento contestato, cioè la mancata vigilanza sull’operato dei ragazzi non sussiste, né il lavoro stesso dei ragazzi offendeva il buon costume, le istituzioni o minacciava l’ordine pubblico». Un atto, i cui dettagli, come trapela da entrambe le parti, saranno formalizzati nei prossimi giorni. Si sente « più serena » la prof, che lunedì, al suo rientro a scuola aveva ricevuto dai suoi studenti quindici rose rosse, una per ogni giorni di assenza, e una " lettera a una donna coraggiosa". « Aspetto con fiducia l’atto formale che porrà la parola fine a questa vicenda e mi libererà finalmente da questo cruccio», ha detto ieri la docente. Ma né lei né i suoi studenti della II E informatica, oggi, saranno in classe. Stamattina, alle 7, la classe è volata a Roma per la visita al Senato, dopo l’invito delle senatrici a vita Liliana Segre e Elena Cattaneo, che i ragazzi incontreranno alle 15.30 nella sala Zuccaro di palazzo Giustiniani.
La Repubblica Palermo, 31.5.2019

Nessun commento: