lunedì 27 maggio 2019

Corleone, il primo partito è Forza Italia sostenuto dal sindaco Nicolosi


In controtendenza rispetto al dato nazionale, a Corleone è Forza Italia il primo partito alle elezioni europee, con 1.732 voti (44,04%). E il mattatore è senza ombra di dubbio il sindaco Nicolò Nicolosi, che si è speso per questa formazione politica, portando ben 672 preferenze al suo candidato Giuseppe Milazzo. Al secondo posto nelle preferenze Francesco Saverio Romano con 594 voti. Secondo partito è il M5S con 684 voti (17,39%). Il suo candidato più votato è Ignazio Corrao con 275 voti di preferenza. La Lega è terza con 589 voti (14,98%): 350 le preferenze date a Salvini. Quarta formazione è il Pd con 406 (10,32%). Al primo posto nelle preferenze anche qui si è piazzato Pietro Bartòlo con 249 voti di preferenza, seguito da Caterina Chinnici che di voti di preferenza ne ha ottenuti 149. Fratelli d’Italia con 384 (9,76%) è la quinta formazione politica. Maria Carolina Varchi la candidata più votata con 238 voti di preferenza. Percentuali da 0, per tutte le altre liste.

Si può dire che a Corleone i “sovranisti” non hanno prevalso, grazie ad un centrodestra fortissimo, che fa incetta di voti con Forza Italia: quasi triplica i suoi voti rispetto ai 641 (17,70%) del 2014; ed ottiene un ottimo risultato con Fratelli d’Italia, che 5 anni fa aveva appena 58 voti (1,60%). Rovinoso il crollo del Pd rispetto a 5 anni fa, quando aveva ottenuto 1.386 voti (38,20%), anche se in leggera ripresa rispetto alle politiche dell’anno scorso, quando aveva ottenuto appena 415 voti pari al 7,37%. Crolla il M5S rispetto alle politiche dell’anno scorso, ma si mantiene sullo stesso livello di 5 anni fa, quando aveva ottenuto 646 voti (17,08%).
Una riflessione che dovrebbe impegnare tutte le forze politiche e, in particolare, quelle di sinistra ridotte ai minimi termini, riguarda la scarsa partecipazione al voto. A Corleone su 9.721 elettori ne hanno votato solo 4.147, il 42,66%. Un po’ più della percentuale registrata in Sicilia (37,50%), ma molto meno del 56,10% dell’intero Paese. A Corleone 6 elettori su 10 non vanno a votare. In Sicilia un poco di più, quasi 7 su 10. È normale che la partecipazione democratica si abbassi così tanto? Senza partecipazione democratica a rischiare è … la democrazia. (dp)

Nessun commento: