lunedì 25 marzo 2019

Cgil, la nostra solidarietà all'attivista di "Libera" Chiara Natoli

Chiara Natoli interviene alla manifestazione del 21 marzo a Palermo
Auto bruciata a militante di Libera, la Cgil Palermo: "Non abbassare la guardia e solidarietà a chi, come Chiara Natalo e l'associazione Libera, sono impegnati nell'azione continua nei quartiere difficili della città per la diffusione dei valori antimafiosi". Palermo 24 marzo 2019 - La Cgil Palermo esprime solidarietà nei confronti di Chiara Natoli, l'attivista di Libera, impegnata nell'affermazione dei diritti e della giustizia sociale,alla quale è stata bruciata l'auto, una Nissan Pixo, sotto casa, a pochi passi da una caserma della Guardia di Finanza, a Borgo Vecchio. A Chiara Natoli, che giovedì nel giorno della memoria organizzato da Libera aveva guidato a Palermo la manifestazione nel ricordo delle vittime della mafia, il segretario generale della Cgil Palermo, Enzo Campo, esprime pieno sostegno a nome dell'organizzazione sindacale. "Forze dell'ordine e magistratura individuino al più presto i responsabili - dichiara Campo - Nessuno può essere lasciato solo nella delicata azione di contrasto alla criminalità e contro la diffusione della mentalità mafiosa e tutta la Cgil risponde manifestando solidarietà a Libera e a Chiara Natoli, opponendosi a questo gesto di inqualificabile violenza e sostenendo l'impegno comune per la diffusione dei principi antimafiosi, della giustizia, della legalità, della solidarietà. Siamo vicini a chi ogni giorno è impegnato in una azione civile e culturale nei quartieri difficili della città di Palermo, dove la presenza della mafia è ancora viva, malgrado i tanti arresti degli ultimi tempi, e si fa sentire. Ed è per questo che non dobbiamo abbassare la guardia e non fermarci ma fare fronte comune, e insieme a noi c'è il mondo del lavoro che rappresentiamo nell'affermazione dei diritti, contro ogni intimidazione e ogni minaccia".

Nessun commento: