domenica 14 ottobre 2018

Caso Riace. La protesta di Susanna Camusso, Michele Pagliaro e Leoluca Orlando contro di ministro Salvini per la decisione di trasferire i migranti


Caso Riace. Susanna Camusso, segretaria generale Cgil: "La scelta ministro Interni atto disumano e di dubbia legalità
Roma, 14 ottobre - “Si sta commettendo non solo un errore, ma un atto disumano, sbagliato, di dubbia legalità. La scelta del ministro degli Interni di trasferire i migranti ospiti nello Sprar di Riace in altre strutture è un atto scellerato, spropositato e va bloccato”. Così il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso.“È indispensabile - aggiunge il leader della Cgil - utilizzare tutti gli strumenti democratici e giudiziari per opporsi alla determinazione di un ministro che fa della propaganda la cifra del suo governo.
In un ministero, peraltro, così delicato da richiedere sempre e in ogni caso prudenza, giudizio, buon senso, riservatezza. Tutte doti che mancano all’attuale ministro”.Riace - conclude Camusso - è un modello di integrazione possibile, capace di favorire la serena convivenza tra culture ed etnie diverse, rendendola un fattore di sviluppo oltre che un valore. Quella serena convivenza che il ministro degli Interni e il governo stanno minando nel nostro paese. Lo si attacca per colpire tuto il sistema Spar. Non è più tollerabile che chi governa il paese soffi sul fuoco del razzismo alimentando odio per crescere nei consensi, riportandoci tutti a rivivere le pagine più buie della nostra storia. Non sono più tollerabili atti come quelli di Lodi che dividono e stigmatizziamo. Chiediamo a chiunque creda in valori e principi sanciti dalla nostra Costituzione di far sentire forte e chiara la propria voce”.

Michele Pagliaro, segretario generale Cgil Sicilia: “La decisione del Viminale di far saltare il modello Riace, a partire dalla prossima settimana, addirittura con i trasferimenti è pura follia, razzismo e intolleranza allo stato puro...!!! Abbiamo il dovere di reagire, in tutti i modi, a partire dal coinvolgimento delle istituzioni, dei giovani, dei lavoratori e di tutti i cittadini coraggiosi e onesti che in Sicilia e non solo sono tanti...come dimostra la nostra storia millenaria di accoglienza, pace e solidarietà....anche l’informazione di qualità, libera e indipendente di cui ogni giorno Elvira Terranova è protagonista può fare e fa la differenza. Dobbiamo reagire!!!”

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando: "Ho già avuto modo di esprimere le mie preoccupazioni per la nota inviata dal Ministero dell'Interno al Comune di Riace, nella quale è evidente che dietro il pretesto di contestazioni formali si nasconde l'obiettivo tutto politico di azzerare una esperienza amministrativa, culturale e umana di avanguardia. Per questo non posso che far mio l'appello lanciato oggi dalla CGIL Siciliana perché le istituzioni democratiche e la società civile reagiscano prontamente a questo attacco alla cultura democratica del nostro paese. E' evidente che dietro le politiche sempre più violente e xenofobe contro i migranti si nasconde un disegno più ampio che rischia di minare alla base la cultura della convivenza civile, della solidarietà sociale, dell'accoglienza e dell'incontro, che sono state alla base dell'Italia democratica."

Nessun commento: